I Vini quotidiani di Slow Wine 2012: tutti i premiati

di Antonio Tomacelli

Mentre il Gambero Rosso lento e placido pubblica le sue regioni, esce la lista dei vini quotidiani premiati da Slow Wine. È solo la prima delle 5 in cui è suddivisa la guida per cui eccovi un piccolo promemoria dei cari premi per chi si fosse perso la puntata precedente: Chiocciola, Bottiglia e Moneta, Vino Slow, Grande Vino e Vino Quotidiano. Ne pubblicheremo alcune nei prossimi giorni, voi intanto azzannate questa e diteci cosa vi piace e cosa no: è la seconda guida di Slow Wine che viene pubblicata per cui niente sconti. Non sono più dei principianti (faccina)

ABRUZZO
Torre dei Beati Abruzzo Pecorino Giocheremo con i Fiori 2010
Citra Carasuolo d’Abruzzo Sup. Omen 2010
San Lorenzo Montepulciano d’Abruzzo Antares 2008
Fontefico Montepulciano d’Abruzzo 2008
Masciarelli Montepulciano d’Abruzzo 2009
Ciccio Zaccagnini Montepulciano d’Abruzzo Il Vino dal Tralcetto 2009
Tenuta Terraviva Trebbiano d’Abruzzo Mario’s 37 2009
Collefrisio Trebbiano d’Abruzzo Zero 2010

ALTO ADIGE
Castel Sallegg – Conte Kuenburg A.A. Pinot Bianco 2010
H. Lun A.A. Pinot Bianco 2010
Cantina San Michele Appiano A.A. Pinot Bianco Schulthauser 2010
Cantina Caldaro A.A. Pinot Bianco Vial 2010
Cantina Nals Margreid A.A. Pinot Grigio 2010
Waldgries – Christian Plattner A.A. Santa Maddalena Cl. 2010
Griesbauerhof – Georg Mumelter A.A. Santa Maddalena Cl. 2010
Cantina Girlan A.A. Schiava Fass N°9 2010
Cantina Termeno T Bianco 2010

BASILICATA
Grifalco della Lucania Aglianico del Vulture Gricos 2009
Cantina di Venosa Aglianico del Vulture Vignali 2008

CALABRIA
Librandi Cirò Rosso Cl. 2010
Lento Lamezia Dragone Rosso 2009
Ceraudo Petelia 2010

CAMPANIA
I Pentri Aglianico 2009
Agnanum – Raffaele Moccia Campi Flegrei Falanghina 2009
Contrada Salandra Campi Flegrei Falanghina 2009
Giuseppe Apicella Costa d’Amalfi Tramonti Bianco 2010
San Salvatore Greco Calpazio 2010
Aia dei Colombi Guardiolo Falanghina 2010
Boccella Irpinia Campi Taurasini Rasott 2008
La Sibilla Piedirosa 2010 Cautiero Sannio Aglianico Fois 2009
Fontanavecchia Sannio Greco 2010

EMILIA ROMAGNA
Vallona C.B. Pignoletto Cl. 2010
Baraccone C.P. Gutturnio Sup. Colombaia 2009
Lusenti C.P. Malvasia Frizzante Emiliana 2010
Tre Monti Colli d’Imola Sauvignon Salcerella 2010
Quarticello Despina 2010
Camillo Donati Il Mio Trebbiano 2010
Monte delle Vigne Lambrusco 2010
Fiorini Lambrusco di Modena Vigna del Caso 2009
Cleto Chiarli Lambrusco di Sorbara del Fondatore 2010
Roberto Balugani Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Sfecciato 2010
Torre Fornello Pratobianco 2010
Ermete Medici & Figli Reggiano Lambrusco Concerto 2010
Tenuta La Viola Sangiovese di Romagna Sup. Il Colombarone 2009
Tenuta Pennita Sangiovese di Romagna Sup. La Pennita 2009
Paolo Francesconi Sangiovese di Romagna Sup. Limbecca 2009

FRIULI VENEZIA GIULIA
Castelvecchio Carso Malvasia Istriana 2010
Visintini COF Bianco 2010
Pizzulin COF Bianco Rarisolchi 2010
Sirch COF Friulano 2010
Petrucco COF Pinot Grigio 2010
Flavio Pontoni COF Sauvignon 2010
Valentino Butussi COF Sauvignon 2010
Giovanni Graunar Collio Friulano 2010
Muzic Collio Malvasia 2010
Maurizio Buzzinelli Collio Malvasia Istriana 2010
Mulino delle Tolle Friuli Acquileia Malvasia 2010
Ca’ Tullio Friuli Aquileia Refosco P.R. Il Refosco Patriarca 2009
Terre di Ger Friuli Grave Merlot 2009
Francesco Vosca Friuli Isonzo Sauvignon 2010

LAZIO
Casale Certosa Alborea 2010
Tenuta Ronci di Nepi Argento 2010
Trappolini Cenereto 2010
Migrante Cesanese di Olevano Romano Consilium 2008
Castello di Torre in Pietra Tarquinia Bianco 2010

LIGURIA
Santa Caterina Colli di Luni Vermentino 2010
Enoteca Bisson Golfo del Tigullio Bianchetta U Pastine 2010
La Ginestraia Riviera Ligure di Ponente Pigato Poggio Cervo 2010
Luigi Bianchi Carenzo Riviera Ligure di Ponente Vermentino 2010
Poggi dell’Elmo Rossese di Dolceacqua 2010

LOMBARDIA
Cantrina Garda Cl. Groppello 2010
La Prendina Garda Sauvignon Valbruna 2010
Marangona Lugana Marangona 2010
Dirupi Nebbiolo Olé 2010
Pietro Torti O.P. Bonarda Frizzante 2010
Andrea Picchioni O.P. Bonarda Vivace 2010
Castello di Luzzano O.P. Pinot Nero Umore Nero 2010
Bruno Verdi O.P. Riesling Vigna Costa 2009

MARCHE
Tenuta Spinelli Offida Pecorino Artemisia 2010
Aurora Offida Pecorino Fiobbo 2009
San Giovanni Offida Pecorino Kiara 2010
Moroder Rosso Conero 2008
Velenosi Rosso Piceno Sup. Brecciarolo 2008
Fiorano Sangiovese Fiorano 2010
Pievalta Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Dominè 2010
Gioacchino Garofoli Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Macrina 2010
Monteschiavo Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Pallio di San Floriano 2010
Sabbionare Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Sabbionare 2010
Fattoria La Monacesca Verdicchio di Matelica La Monacesca 2010
Borgo Paglianetto Verdicchio di Matelica Vertis 2009

PIEMONTE
Olim Bauda Barbera d’Asti La Villa 2010
La Ghersa Barbera d’Asti Piagé 2010
Filippo Gallino Barbera d’Alba Elaine 2009
Sergio Grimaldi Ca’ du Sindic Barbera d’Asti 2010
Carussin Barbera d’Asti Asinoi 2010
Gianni Doglia Barbera d’Asti Bosco Donne 2009
Erede di Armando Chiappone Barbera d’Asti Brentura 2009
Cascina Garitina Barbera d’Asti Bricco Garitta 2010
Fabio Fidanza Barbera d’Asti Fidanza 2009
La Gironda Barbera d’Asti La Lippa 2010
Coppo Barbera d’Asti L’Avvocata 2010
Dacapo Barbera d’Asti Sanbastian 2009
Tenuta Garetto Barbera d’Asti Tra Neuit e Dì 2010
Castello di Uviglie Barbera del Monferrato Bricco del Conte 2010
Iuli Barbera del Monferrato Umberta 2009
Pomodolce Colli Tortonesi Timorasso Diletto 2009
Flavio Roddolo Dolcetto d’Alba 2009
Cascina Roccalini Dolcetto d’Alba 2010
Mossio Fratelli Dolcetto d’Alba Piano delli Perdoni 2010
Renzo Castella Dolcetto di Diano d’Alba 2010
Giovanni Prandi Dolcetto di Diano d’Alba Sorì Cristina 2010
Cascina Corte Dolcetto di Dogliani 2010
Anna Maria Abbona Dolcetto di Dogliani Sorì dij But 2010
Nicola Bergaglio Gavi del Comune di Gavi Minaia 2010
La Chiara Gavi del Comune di Gavi 2010
Rugrà Gavi del Comune di Tassarolo 2010
Castello di Tassarolo Gavi del Comune di Tassarolo Il Castello 2010
Laura Valditerra Gavi Tenuta Merlassino 2010
Marco Canato Grignolino del Monferrato Casalese Celio 2010
Gaudio Grignolino del Monferrato Casalese Gaudio 2010
Orsolani Erbaluce di Caluso La Rustìa 2010
L’Armangia Moscato d’Asti I Giai 2010
Borgo Maragliano Moscato d’Asti La Caliera 2010
Michele Taliano Nebbiolo d’Alba Blagheur 2009
Tenuta San Sebastiano Piemonte Grignolino 2010
Carbone Roero Arneis Recit 2010
Giovanni Almondo Roero Arneis Vigne Sparse 2010
G. B. Burlotto Verduno Pelaverga 2010

PUGLIA
Valle dell’Asso Galatina Rosato 2010
Polvanera Gioia del Colle Primitivo 14 2008
Botromagno Gravina 2010
Duca Carlo Guarini Nativo 2009
Conti Zecca Negroamaro 2008
Masseria Ludovico Primitivo 2009
Rosa del Golfo Rosa del Golfo 2010
Terre Federiciane Sciurentino 2009

SARDEGNA
Cantina Trexenta Cannonau di Sardegna Baione 2008
Cantina Dorgali Cannonau di Sardegna Icorè 2009
Alberto Loi Cannonau di Sardegna Sa Mola 2009
6Mura Carignano del Sulcis Giba 2009
Cantina Santadi Carignano Del Sulcis Grotta Rossa 2009
Cantina Gallura Vermentino di Gallura Sup. Canayli 2009
Cantina Sociale Cooperativa della Vernaccia Vernaccia Juighissa 2005

SICILIA
Fondo Antico Aprile 2010
Bosco Falconeria Bosco Falconeria 2010
Viticoltori Associati Canicattì Centuno 2009
Etna Rocca D’Api Etna Bianco Le Moire 2010
Di Giovanna Grillo 2010
Cantine Settesoli Mandrarossa Costadune Grecanico 2010
Castellucci Miano Miano 2010
Valdibella Munir 2010
Donnafugata Sherazade 2010
Geraci Vigne di Re Martino Rosso 2009
Valle dell’Acate Vittoria Frappato 2010

TOSCANA
Fattoria Ambra Carmignano Vigna di Santa Cristina In Pilli 2009
Fattoria Migliarina Cavasonno 2009
Fattoria Montellori Chianti 2009
Il Palagio Chianti Cl. 2009
Villa del Cigliano Chianti Cl. 2009
Villa Pomona Chianti Cl. 2009
Pruneto Chianti Cl. 2007
Querciavalle Chianti Cl. 2009
Fattoria Selvapiana Chianti Rufina 2009
I Veroni Chianti Rufina 2009
Fattoria San Pancrazio Chianti San Pancrazio 2009
Villa Petriolo Chianti Villa Petriolo 2009
Podere Terenzuola Colli di Luni Vermentino 2010
Corzano e Paterno Corzanello Bianco 2010
Sapereta Elba Rosato 2010
Montauto Montauto Bianco 2010
Tenuta del Buonamico Montecarlo Bianco 2010
Rocca delle Macìe Morellino di Scansano Campo Maccione 2009
Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano Morellino di Scansano Vin del Fattore 2010
Capanna Moscadello di Montalcino 2010
Marco Capitoni Orcia Rosso I Capitoni 2009
La Parrina Parrina Bianco 2010
Fattoria Le Pupille Pelofino 2010
La Palazzetta Rosso di Montalcino 2009
Le Ragnaie Rosso di Montalcino 2009
Tenimenti Angelini Rosso di Montepulciano 2009
Fontaleoni Vernaccia di San Gimignano Casanuova 2009
Il Colombaio di Santa Chiara Vernaccia di San Gimignano Selvabianca 2010

TRENTINO
Pisoni Nosiola 2010
Francesco Poli Nosiola Vigna Sottovi 2010
Endrizzi Teroldego Rotaliano 2009
Cipriano Fedrizzi Trentino Lagrein 2009
Grigoletti Trentino Marzemino 2010
Vilàr Trentino Marzemino 2010
Bellaveder Trentino Müller Thurgau San Lorenz 2010

UMBRIA
Castello Monte Vibiano Colli Perugini Rosso Monvì 2007
Palazzone Grechetto 2010 Raìna Montefalco Rosso 2009
Duca della Corgna Trasimeno Gamay Divina Villa Etichetta Bianca 2010
Perticaia Trebbiano Spoletino 2010

VALLE D’AOSTA
Cave des Onze Communes Valle d’Aosta Pinot Gris2010
La Crotta di Vegneron Valle d’Aosta Chambave Muscat 2010

VENETO
Costadoro Bardolino Cl. 2010 Guerrieri Rizzardi Bardolino Cl. Tacchetto 2010
Villa Bellini Breganze Cabernet 2008 Maculan Breganze Cabernet 2009
Vigneto Due Santi Breganze Merlot 2008
Firmino Miotti Breganze Rosso 2008
Luigino Dal Maso Colli Berici Tai Rosso 2010
Cavalchina Custoza 2010
Monte Del Frà Custoza Sup. Ca’ del Magro 2009
Domenico Cavazza Gambellara Cl. La Bocara 2010
Le Morette – Valerio Zenato Lugana Mandolara 2010
Il Mottolo Moscato Fior d’Arancio Le Contarine 2010
Leonildo Pieropan Soave Cl. 2010
Prà Soave Cl. 2010
Coffele Soave Cl. 2010
Le Battistelle Soave Cl. Battistelle 2009
Frozza Valdobbiadene Prosecco Sup. Extra Dry Col dell’Orso 2010
Adami Valdobbiadene Prosecco Sup. Extra Dry Dei Casel 2010
Antolini Valpolicella Cl. 2009
Lorenzo Begali Valpolicella Cl. 2010
Brigaldara Valpolicella Cl. 2010

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

41 Commenti

avatar

Francesco Annibali

circa 7 anni fa - Link

5 premi diversi? dai è Piddismo allo stato puro (corrente veltroniana, per l'esattezza)... a seguire: duemilavini PDL con simpatie finiane, espresso Degrego-morettiana quindi non vanno a votare, vini buoni Verde, 3 bicchieri il grande partito degli astenuti, la maggioranza silenziosa

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 7 anni fa - Link

Provate a postare di seguito i premi assegnati ai vini del Lazio dalle guide Veronelli, Gambero, Duemilavini, Espresso e Slow. E troverete un dato incredibile e che, a mia memoria, non ricordo di aver mai registrato.

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 7 anni fa - Link

...il "caso Lazio"... !!! :-)

Rispondi
avatar

Enrico Nera

circa 7 anni fa - Link

Ciao Armando, forse che non ce ne è neanche uno uguale?;)

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 7 anni fa - Link

e da nessuna parte si trova Le Coste di Gradoli :-(

Rispondi
avatar

Armando Castagno

circa 7 anni fa - Link

@Nic: forse perché si ritiene che Gianmarco possa fare ancora meglio di quanto non stia già facendo. Sinceramente, lo penso anch'io, pur apprezzando la genuinità del progetto e ovviamente quella dei vini; ho evidentemente una tolleranza inferiore alla tua per l'acidità volatile e per i residui di carbonica - diciamo così - inattesi. Li ho comunque trovati nel bistrot nientemeno che di Prieuré-Roch in centro a Nuits-Saint-Georges e Le Coste vi è l'unica azienda italiana rappresentata, quindi l'apprezzamento anche internazionale ai vini del Lazio non manca. :)

avatar

Manilo

circa 7 anni fa - Link

Visitata non da me, ma amici sommelier ci sono andati la settimana passata, la loro particolarità è che mettono un paletto di castagno, con la vite che si inerpica lasciando tutto a madrenatura, poi al momento del raccolto prima prendono i migliori grappoli per fare la riserva, insomma sulla stessa vite ci ripassano più di una volta, della serie" non se butta via niente" mi sembra che ultimamente c'è la moda del "famolo strano"!

avatar

Armando Castagno

circa 7 anni fa - Link

Ho controllato, solo uno, il Montiano 2009. In totale i vini del LAZIO ritenuti di eccellenza da una delle cinque commissioni, qualificatissime, di degustatori, sono la bellezza di 23 (ventitre): siamo una delle regioni-guida d'Italia e non ce n'eravamo mai accorti. Calanchi di Vaiano 2010 – Paolo e Noemia d’Amico Cesanese del Piglio Superiore Romanico 2009 – Coletti Conti Cesanese del Piglio Superiore Torre del Piano Riserva 2009 – Casale della Ioria Donna Adriana 2010 – Castel De Paolis Frascati Superiore Luna Mater 2010 – Fontana Candida Idea 2010 – Trappolini Il Vassallo 2009 – Colle Picchioni Mater Matuta 2008 – Casale del Giglio Montiano 2009 – Falesco Morrone 2007 – Tenuta Santa Lucia Muffa Nobile 2010 – Castel de Paolis Muffo 2009 – Sergio Mottura Casale Certosa Alborea 2010 Tenuta Ronci di Nepi Argento 2010 Trappolini Cenereto 2010 Migrante Cesanese di Olevano Romano Consilium 2008 Castello di Torre in Pietra Tarquinia Bianco 2010 Frascati Sup. Epos 2010 – Poggio Le Volpi Clemens 2009 – Casale Marchese (Montiano 2009 – Falesco) Grechetto Poggio della Costa 2010 – Sergio Mottura Atina Cabernet Realmagona Riserva 2008 - La Ferriera Cesanese del Piglio Superiore Civitella - Macciocca Cesanese del Piglio Ju Quarto 2009 - La Visciola.

Rispondi
avatar

Giancarlo Gariglio

circa 7 anni fa - Link

Caro Armando, ti dò un'anteprima, Il Montaino sulla nostra guida non lo troverete, in quanto la cantina Falesco non è recensita

avatar

Enrico Nera

circa 7 anni fa - Link

Però il premio "vini quotidiani" non può essere paragonato ai 5 grappoli o ai tre bicchieri o all'eccellenza...io lo reputo essere il premio con meno spessore di Slow Wine, non trovi Armando?...buttando così pensieri a vanvera!

avatar

Giancarlo Gariglio

circa 7 anni fa - Link

Gentile Enrico, non voglio entrare nel merito del prestigio di un riconoscimento o di un altro, le posso dire che la nostra visione veltroniana (!!!) del vino ci fa dire che non tutti i giorni uno si alza e vuole bersi (o può) un 95 centesimi, spesso e volentieri ha il piacere sacrosanto di sedersi a tavola e gustarsi un pasto con un vino di altissima qualità senza doversi svenare. per questo abbiamo "inventato" i Vini Quotidiani. Per me sono importantissimi, perché spesso sono le etichette su cui si fonda l'economia di una cantina o di una denominazione... Sarebbe importante che il vino non venisse visto unicamente a una dimensione, perché come tutte le cose la faccenda è più complicata. Il bello è poterla raccontare da tutti i punti di vista...

avatar

enrico togni viticoltore di montagna

circa 7 anni fa - Link

grandi dirupi, l'olè è veramente eccezionale!bravi a faso e birba

Rispondi
avatar

lupin

circa 7 anni fa - Link

Bhe, a prima vista molti nomi non noti,non sempre i soliti....finalmente! questo incuriosisce e da una nuova chiave di lettura...bene! complimenti a tutti i produttori.

Rispondi

Massimo D'Alma

circa 7 anni fa - Link

Concordo, in toto.

Rispondi
avatar

Federico

circa 7 anni fa - Link

Bello questo premio. A giudicare dall'altro anno è qualcosa di più del solito premio per rapporto qualità/prezzo. Seguendo alcune indicazioni della guida 2011 ho assaggiato ottimi vini a prezzo ragionevole. E poi è incoraggiante vedere una lista dove appaiono in bella mostra vini come Nosiola, Pecorino, Pignoletto, Grignolino, Lambrusco, Valpolicella, Dolcetto, Pinot Bianco e Schiava solo per citarne alcuni. Fa venire voglia di assaggiarli tutti, senza paura di dover far debiti o essere cacciato di casa! Spero anche quest'anno che mi faccuiano scoprire così ottimi vini.

Rispondi
avatar

Franco Ziliani

circa 7 anni fa - Link

nell'elenco dei vini delle Puglie c'é un errore: avete messo sulla stessa riga come fosse un unico vino il Gravina di Botromagno ed il Nativo di Duca Carlo Guarini due ottimi vini che conosco e amo e ovviamente due cose diverse tra loro...

Rispondi
avatar

Nic Marsèl

circa 7 anni fa - Link

come pure il Castelvecchio Carso Malvasia Istriana 2010 indicato in Emilia Romagna...

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 7 anni fa - Link

...sono entusiasta di questo elenco ....[img]http://www.vocinelweb.it/faccine/mad/pag3/13.gif[/img]

Rispondi
avatar

giorgio

circa 7 anni fa - Link

X La Redazione Dal momento che si tratta di vini " quotidiani " potevate riportare a fianco di ognuno anche il prezzo di vendita al " pubblico ", o nella guida non è indicato ? Sarebbe stato molto interessante

Rispondi
avatar

Giancarlo Gariglio

circa 7 anni fa - Link

Gentile Giorgio, nella pubblicazione delle liste non abbiamo messo anche il prezzo perché aggiungere un dato avrebbe fatto sballare tutto dal punto di vista grafico. Nella Guida i prezzi ci sono eccome, quest'anno abbiamo migliorato anche la pubblicazione delle liste dove per Vini Quotidiani, Grandi Vini e Vini Slow compariranno anche i prezzi nelle liste stesse e non solo nella pagina della cantina. Questo aiuterà di molto anche la lettura della Guida.

Rispondi
avatar

sebelloni mazzancolle ribollito vien dal mare

circa 7 anni fa - Link

dr Gariglio ho dato una veloce scorsa alla guida o meglio di ciò che si dice in rete della stessa,anche se queste pubblicazioni le reputo di scarsa utilità. di solito mi affido ad altre letture più orientate verso i consumatori (le guide dei vini di altroconsumo). questo perchè sono convinto che siano meno condizionate e condizionabili (non che la vostra lo sia beninteso) e che offrano quello che il panorama della gdo offre, che poi è quello che in effetti la massa, di cui faccio parte, compra. oltretutto queste guide sono corroborate da analisi chimiche e da controlli sui campioni che le normali guide generalemnte non fanno. I degustatori professionisti e i professori universitari che sovrintendono alla pubblicazione delle guide di altroconsumo sono scelti asetticamente, quindi indipendenti. ma detto questo sono qui a farle i complimenti in quanto, vivaddio, la vostra guida ha invertito in parte la rotta. o almeno ci prova. questo è sintomo di ritrovata saggezza. se mi permette trovo analogie tra quello che avete pubblicato e quello che da un po' di tempo leggo sui blog tematici del sig. ziliani. ovvero non solo i soliti noti. politica che intravino segue comunque da quando lo leggo, ovvero da sempre. finisco dicendo che dell'elenco che vedo pubblicato qui mi da il mal di testa. volendo assaggiare tutto temo che dovrò passare il resto dei miei anni girovagando per enoteche visto che venire il 24 ottobre alla fiera di milano non se ne parla.

Rispondi
avatar

Solange de Villefranche

circa 7 anni fa - Link

Mon Dieu quel nom! Et Parbleu que l'homme!

Rispondi
avatar

giorgio

circa 7 anni fa - Link

Grazie G.Carlo, ma la mia osservazione era rivolta alla redazione di questo blog, che ha riportato quanto contenuto in guida, solo parzialmente aimè !! Io che sono allergico a tutte le guide, vuoi vedere che mi tocca comprarla, solo per la sua signorilità e cortesia....( stò scherzando naturalmente )

Rispondi
avatar

esperio

circa 7 anni fa - Link

I vini di uso quotidiano, che tristezza. Guida potenzialmente utile, ma che lascia un sentore di miseria, un forte aroma di banalita' e un retrogusto di una trovata commerciale. Mi vien da pensare che "Slow", stia quasi per fermarsi.

Rispondi
avatar

Roberto

circa 7 anni fa - Link

Mi vien da ridere....Lei è il classico personaggio che deve spendere molti soldi per bere vini buoni....assaggi alcuni di questi vini e poi lasci il suo commento....non può parlare senza averli degustati e soprattutto senza avarli accompagnati al cibo....non la vedo molto competente! Parlare come ha fatto lei è solo un ragionameto fatto con la testa e non con il palato e per bere vino e commentare non bisogna solo essere bravi a fare un ragionamento ma ci vuole...p.....(PALATO). Tra questi vini ci sono grandi vini che potrebbero essere messi a confronto con delle selezioni, mi creda! VADA AD ASSAGGIARLI!

Rispondi
avatar

esperio

circa 7 anni fa - Link

Egregio Roberto, coltivo da tempo l'idea che c'e gente in giro che si indigna al semplice schiocco delle dita.Non me ne voglia male, ma io non ho espresso nessuna opinione su nessuno dei vini presentati dalla guida in questione, ho solo ed umilmente fatto una riflessione sulla "Guida" in quando tale. Una semplice incomprensione , voglio credere.

Rispondi
avatar

esperio

circa 7 anni fa - Link

A questo punto, quasi quasi faccio una telefonata a questi di "Slow" e gli raccomando il vino che produce mi cugino Ciccio. Per la prossima edizione, ovviamente.

Rispondi
avatar

Vinogodi

circa 7 anni fa - Link

...a quanto lo vende? ...

Rispondi
avatar

esperio

circa 7 anni fa - Link

Mi sono informato, Ciccio ha risposto che ha smesso di produrre vino, troppo fastidioso. In futuro , ha detto, che berra' solo birra e occasionalmente vino e gassosa: un abitudine delle sue parti.

Rispondi
avatar

Marino

circa 7 anni fa - Link

Sono particolarmente felice per queste aziende: Boccella ed il suo grande aglianico campi taurasini Rasott; Quarticello e la sua ottima Malvasia rifermentata in bottiglia (Despina); Santa Caterina ed il suo Colli di Luni Vermentino; Contrada Salandra e la sua Falanghina dei Campi Flegrei; Griesbauerhof e il suo S.ta Maddalena; Flavio Roddolo ed il suo dolcetto; Camillo Donati ed il "suo"trebbiano; Carussin e la sua Barbera Asinoi; Antolini e il suo Valpolicella classico; Bosco Falconeria ed il suo catarratto.

Rispondi
avatar

BRUNA FERRO

circa 7 anni fa - Link

Anch'io sono felice per la nostra semplicissima Asinoi!!! Vigne che non possono dare di più!!..ma sono tenaci, forti, semplici, "tante" come le caratteristiche dell'animale Asino: semplicemente complesso!!!..e noi ci ritroviamo! Adoro anche gli altri Vini che ha menzionato!! ..sento di capirli appieno!!! ..e pensare che questa Guida, prima che uscisse, l'avevo messa in discussione!..ma non pubblicamente, direttamente con gli ideatori e :) nero su bianco!! Dall'esperienza che ho avuto in questi due anni posso affermare che, per quel che mi riguarda, ho incontrato persone semplici, valide, CURIOSE, che hanno usato tutti i 5 sensi trasversalmente ecc ecc. Penso anche che tutti coloro che si impegnano, qualsiasi mestiere esso sia, con passione e voglia di costruire debbano meritare il massimo rispetto: esempio, noi cerchiamo di fare così, poi, è pacifico che ci sia chi è capace di far di più, MOLTO di più di noi..e ci trovano pronti per imparare! GRAZIE a TUTTI!!!:))

Rispondi
avatar

Marino

circa 7 anni fa - Link

Bruna, devi continuare così!!!Adoro anche il tuo carica l'asino!!! Un saluto, Antonio e Marisa

Rispondi
avatar

EnzoPietrantonio

circa 7 anni fa - Link

In tempi di vacche magre, magrissime oserei dire, un buon consiglio sulle etichette "low cost" ci sta tutto. Non si vive del resto di solo Barolo e Brunello e al contempo fa sempre piacere sapere di poter bere un buon vino senza svuotare, il già vuoto, portafogli. Attendo di sfogliare la guida Slow che attualmente è quella che, come impostazione, preferisco.

Rispondi
avatar

Manilo

circa 7 anni fa - Link

Concordo, non si vive di soli gran cru per usare un francesismo. Complimenti al Ronci di Nepi all'Argento uno Chardonnay fresco, di pronta beva. Son anche contento per il Castello di Torre in Pietra non conosco il Tarquinia, ma ho bevuto il loro Vermentino son rimasto stupito. Di solito non bevo laziali anche se ci abito, ho notato ed era ora che qualche viticoltore si sia svegliato..... l'unico peccato che non abbiamo di granchè di autoctono.

Rispondi
avatar

Fabio Italiano

circa 7 anni fa - Link

Siete stanchi di bicchieri, tappi, stelle, grappoli e quant'altro? No?! Bene, perché la guida di Slow Wine ha per tutti voi ben sei, e ripeto sei diverse classifiche!!! Come dire che un riconoscimento, anche se piccolo, non lo si nega proprio a nessuno... e se non ci sei, sai di tappo!

Rispondi
avatar

lupin

circa 7 anni fa - Link

Tanti sono i riconoscimenti quante le sfaccettature del mondo del vino,come non esiste una verità assoluta. Il vino cambia, non è mai lo stesso ed è meschino dare una valutazione a un vino avendolo assaggiato una volta dovendo giudicare un lavoro di un anno o più

Rispondi
avatar

Fabio Italiano

circa 7 anni fa - Link

Hai perfettamente ragione Lupin, ma così è la vita. Anche quando ci presentiamo ad un colloquio di lavoro abbiamo una sola chance, e in gioco c'è molto di più.

Rispondi
avatar

andrea

circa 7 anni fa - Link

signor Gariglio potrei sapere quali sono i criteri che voi adottate per giudicare un'azienda (viticoltore-fattoria ecc..) slow rispetto ad un'altra???

Rispondi
avatar

Marossi

circa 7 anni fa - Link

A margine delle (e, spero, a non rinfocolare le) polemiche sulle guide e le loro valutazioni, mi permetto una chiosa su quella Slow. L'impressione che voglia tenere il piede in più scarpe, per così dire, c'è. Ma ritengo ingiusto non cercare di capirne i motivi. Avrebbe senso una guida, oggi, con tutti i costi monumentali che richiede, esclusivamente dedicata al mondo 'slow' e ai vini che lo rappresentano? Una guida è prima di tutto un prodotto editoriale commerciale, che deve trovare un equilibrato baricentro tra vocazione 'filosofica' e riscontro di vendite. Persino siti come Intravino, che non devono fare i conti con le tipografie, camminano con maestria sul filo sottile del vino naturismo, mettendo però assai spesso giù il piede (e non solo)nella galassia dei vini convenzionali. Basti pensare allo spazio diverso dedicato al Vinitaly (enorme) rispetto alle fiere alternative. Non si tratta di incoerenza, ma di sopravvivenza e di completezza di informazione. E buona volontà nel cercare vedere il buono dove c'è, senza preconcetti assolutistici. La guida Slow in effetti fornisce diverse indicazioni. Forse l'impostazione non è ancora chiarissima (chicciole, vini slow, colori differenti e altri simboli), e questo a mio avviso è un vero peccato capitale. Dan Brown la considererebbe forse una guida cripto ermetico massonica. Ma lo spettro che cerca di offrire è, mi pare, ampio e 'onesto'. Il sorì San Lorenzo fa schifo? Il Sassicaia va lasciato nel bicchiere con sdegno? Liberi di pensarla così. Ma una guida ai vini italiani degna di questo nome (e di interesse) potrebbe sostenere una posizione del genere? Un'opera scritta interamente ad uso e comsumo dei mullah omàr serve solo ai mullah omàr, cioè a nessuno, perché si tratta quasi sempre di quelle persone che nelle guide non credono e non comprano. La politica di slowfood mi pare, un ragionevole 'Sensibilizzate, sensibilizzate, qualcosa resterà'. Non posso che condividere. Cordialità

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.