Langhe, Roero e Monferrato. Da ieri questa grande bellezza è Patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO

di Alessandro Morichetti

I sassi di Matera e il centro storico di Napoli, Castel del Monte, i trulli di Alberobello, Piazza del Duomo a Pisa, Pompei ed Ercolano. Poi la costiera amalfitana, Portovenere, Cinqueterre e le isole del golfo di La Spezia (Palmaria, Tino e Tinetto), il centro storico di Urbino, Villa Adriana a Tivoli, Assisi, la Val d’Orcia, le Dolomiti, l’Etna. Del centro storico di Roma e di quello di Firenze non serve nemmeno dire.

Ripercorrere la lista dei siti Unesco italiani Patrimonio dell’Umanità mette un po’ i brividi come la foto di Cesco Rava scattata dalla torre di Barbaresco, istantanea del paesaggio vitato in cui vivo e che da ieri è patrimonio dell’Umanità. Con la proclamazione dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, i siti italiani che fanno parte della World Heritage List (patrimonio artistico e ambientale dell’Umanità) diventano 50 (il numero più alto al mondo), li trovate qui ma vi avverto: dal cliccare a incantarsi per mezza giornata è un attimo.

La proclamazione della decisione assunta dal Comitato del Patrimonio mondiale Unesco è avvenuta ieri a Doha e così ha commentato il ministro Maurizio Martina: “È la prima volta che l’Unesco riconosce un paesaggio vitivinicolo italiano quale bene unico al mondo, patrimonio dell’umanità per la sua eccezionalità rurale e culturale. È un risultato prezioso che rafforza il posizionamento a livello di mondiale di alcune delle produzioni vitivinicole più pregiate e apprezzate del nostro Paese“.

Scrive il Corriere della Sera: “Il sito riconosciuto dall’Unesco è di tipo seriale, ovvero costituito da sei aree articolate all’interno dei confini delle Province di Alessandria, Asti e Cuneo e di 29 Comuni per un’estensione complessiva pari a 10.789 ettari.”

La delegazione italiana sta festeggiando a più non posso e in foto, tra gli altri, vedete Pietro Ratti, Maurizio Marello (sindaco di Alba) e Alberto Bianco (sindaco di Barbaresco) ma ecco com’è andata nella cronaca di Mauro Carbone, direttore dell’Ente Turismo di Alba, ripresa da TuLangheroero (si apre pagina FB): “Il commissario francese dell’Icomos ha raccontato in breve ma efficacemente la nostra terra. Poi avrebbe dovuto esserci la discussione. Il delegato tedesco è partito dritto per dritto indicando l’Italia come il campione del mondo dell’Unesco. E dicendo che noi siamo un ottimo esempio perché solo l’Italia ha 50 siti.
Il Croato chiede informazioni. Ops, non era previsto. Vuole sapere se oltre a fargli vedere foto di vigneti dopo può assaggiare qualcosa…  Il cerimoniale rigidissimo dell’Unesco galleggia a malapena in un calice di Asti Spumante per poi annegare in un magnum di Barolo o di Barbaresco. La Sceicca che presiede l’Assemblea spiega che se nessuno ha altri complimenti da fare va bene così.  Le Langhe, il Roero e il Monferrato diventano Patrimonio Mondiale dell’Unesco. E scatta la festa.”

Che grande bellezza.

 [Foto: Cesco Rava]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

1 Commento

avatar

wood

circa 5 anni fa - Link

in realta' la sceicca ha pronunciato una frase ben precisa nei nostri confronti dopo il casino che si e' scatenato per la gioia " Italian switch off your mouth" ..della serie "chiudete la bocca"

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.