Il Molise alla conquista dell’Expo. Sottomettere l’Abruzzo costava meno

di Antonio Tomacelli

Problema: data una doc (minuscola) di 43 ettari condotti da 20 viticoltori che producono ogni anno 210.000 bottiglie, come cacchio si possono spendere in promozione 800.000 euro di fondi comunitari?

Soluzione: chiedetelo a Vittorino Facciolla, assessore regionale alle Politiche agricole del Molise e convinto sostenitore della doc Tintilia che, per la modica cifra di 800.000 euro, appunto, ha comprato un intero box nel padiglione A Taste of Italy dell’Expo 2015 per piazzare le bottiglie del prezioso vino all’interno dei dispenser a pagamento.

Per due, diconsi due, settimane scarse.

 

Ora guardate la tabella qui sotto e facciamo due conticini per calcolare la congruità dell’investimento molisano:

800.000 euro diviso 210.000 bottiglie prodotte fanno 3,80 euro a bottiglia.
Se li dividiamo per il numero di ettari coltivati fa un investimento di 18.200 euro a ettaro!
Peggio mi sento se li divido per il numero dei viticoltori: 40.000 euro ad azienda!

E tutti questi soldi solo per infilare un tot di bottiglie di Tintilia doc nei dispenser dell’obitorio Expo? Ok, restiamo calmi: mentre io cerco sul vocabolario la definizione precisa della parola “scandalo”, voi applicatevi nel commentare elencando i vostri “metodi alternativi e fantasiosi per sputtanarsi ottocentomila euro”.

Lo so, fa caldo, ma la Tintilia del Molise doc merita tutta la nostra attenzione.

 

 

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

43 Commenti

avatar

antonio

circa 4 anni fa - Link

A spanne dubito che ci sia qualcuno disposto a pagare € 3,80 per una bottiglia di Tintilia del Molise DOC. Probabilmente una campagna di degustazioni mirate sui mercati esteri del costo di 200.000 Euro (25% di quanto speso per lo "scandalo") avrebbe avuto un ritorno in termini commerciali immensamente superiore a quello di Expo. Tremo all'idea di quando, tra più o meno 15 o 20 anni, verrà fuori il marcio che c'è dietro ogni singolo mattoncino di questa farsa planetaria. Intanto, è notizia di questi giorni, pare che i numeri relativi ai visitatori dei primi mesi, siano stati pesantemente taroccati per giustificare un successo che di fatto non c'è.

avatar

Andrea

circa 4 anni fa - Link

"A spanne dubito che ci sia qualcuno disposto a pagare € 3,80 per una bottiglia di Tintilia del Molise DOC. " Ma beviti tintilia e vedrai che ti passa il livore, e magari anche l'ignoranza.

avatar

antonio

circa 4 anni fa - Link

Mah, direi che se c'è qualcuno piuttosto livoroso sei tu, a meno che tu non sia Facciolla sotto mentite spoglie! Può darsi che mi sia perso qualcosa di strepitoso sprecando i miei soldi in Barolo, Barbaresco, Chianti Classico ed Etna. A dire il vero l'unica volta che mi è capitato di vedere un Tintilia era in Autogrill dove il prezzo per la confezione da tre bottiglie era sui 7 Euro, considerando i ricarichi standard che hanno fa un po' tu. Comunque beviti una bella magnum di Tintilia del Molise DOC e non stare a farti il sangue amaro.

avatar

Andrea

circa 4 anni fa - Link

ma se non l'hai bevuta nemmeno che ne sai?

avatar

Francesco

circa 4 anni fa - Link

Ma è falso....primo perché è per 6 mesi e non 2 settimane e secondo il tutto è costato 100 mila euro, se ci riferiamo alla presenza dei vini molisani all'interno del Taste of Italy... comunque se avete documenti che attestano cose diverse mostrateli, ci mancherebbe. Buona giornata.

avatar

carolaincats

circa 4 anni fa - Link

è comunque un botto di soldi a mio parere.

avatar

Giulio

circa 4 anni fa - Link

Gentilissimo, ti invito a verificare l'esattezza di quello che scrivi, molti dei dati che riporti sono errati ... Prima di scrivere stupidaggini informarti !

avatar

Giulio

circa 4 anni fa - Link

Inizia a rettificare il costo dello stand per esempio ... Costato meno di 100.000 e non 800.000...

avatar

Giulio

circa 4 anni fa - Link

2 settimane??? No sei mesi ...

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Forse dovreste informarvi voi sui prezzi dell'Expo. Per 100.000 euro vi fanno si e no spazzare i pavimenti. Comunque ho controllato ed in effetti le due settimane si riferiscono alla presenza nell'Expo in varie manifestazioni mentre i vini resteranno sei mesi. La faccenda non cambia molto perché, in realtà, le aziende partecipanti sono solo 10 su 20 produttori. A proposito: com'è andata la cena pagata dal Molise con le specialità siciliane?

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Non benissimo, pare http://www.primopianomolise.it/politica/33043/expo-cene-e-polemiche-ecco-come-e-andata/

avatar

Sebastiano

circa 4 anni fa - Link

Gent.mo Tomacelli, la delibera n° 174 pubblicata sul Burm (Bollettino Ufficiale della Regione Molise) n° 12 del 2015, che ha per oggetto "Cantine molisane vino a taste of Italy"- Expo Milano 2015", fa riferimento ad un piano finanziario di 122.000 €, Iva inclusa, parte da contributo pubblico (70.000 €) e parte da contributo privato (30.000 €), per sei mesi (quindi il contributo pubblico è inferiore a 100.000 €). Adesso faccia un po' di conti. Non credo che quella cifra che ha preso dall'articolo citato faccia riferimento alla sola Tintilia, ne tantomeno al vino in generale, probabilmente riguardava un'intervista più ampia su tutta quella che è l'avventura molisana a Expo - ma credo che su questo avrà risposte in merito - infatti la domanda precedente faceva chiaro riferimento a questo. Invece di dedicare attenzione al Molise e alla Tintilia solo per strane questioni economiche, gridando addirittura allo scandalo, mi sarei aspettato, magari, un giudizio sui vini, visto che avete tanto a cuore la Tintilia del Molise Doc. Mentre vado a cercare sul vocabolario la parola "professionalità", invito i lettori a visitare, chiedere e degustare il Molise enologico e la sua Tintilia ad Expo, magari, per una volta, di utilizzare i soldi per scoprire nuovi mondi . E' vero, fa caldo, ma ne vale la pena.

avatar

Sergio

circa 4 anni fa - Link

Sebastiano, a Tomacelli interesa solo parlar male del padiglione vino di Expo, a qualsiasi costo (questo sì); non gli importa chi travolge sulla sua strada, domani il post passerà in seconda fila, ma tanto il sasso è gettato; a chi gli chiede professionalità, risponderà come ha fatto in passato scrivendo che Intravino non è una testata giornalistica. Peccato, perchè sulla base dei dati da lui pubblicati, di cui magari non si degnerà di darci la fonte, non si può nemmeno impostare una discussione sui vini molisani e su quanto valga la pena investire per promuoverli; per qualcuni 100000 euro + iva possono sembrare comunque troppi

avatar

Sebastiano

circa 4 anni fa - Link

Come vedi Sergio, avrà anche raggiunto un obiettivo, sparlare di expo, ma ha fatto una figuraccia che difficilmente dimenticherà (non credo sia questione di giornalismo o meno, è questione di professionalità e anche umiltà). Se quelle cifre valgano la pena per la promozione, non saprei risponderti, spero di si, pensando anche che una piccola realtà come il Molise, qualche sforzo in più debba farlo se non vuole rimanere nell'anonimato.

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

La fonte? Qui sotto http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=19877

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

E anche qui si parla di cifre dubbie. Oltretutto pare che gli 800.000 euro non siano tutti rinvenienti da fondi europei. Anche la regione e la camera di commercio hanno contribuito. http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=19868

avatar

Giulio

circa 4 anni fa - Link

Visto che ha problemi con l'italiano provo a spiegarglielo io... Gli 800.000 si riferiscono alla partecipazione della regione ad expo, a tutte le attività e non solo al padiglione del vino! Ora è' chiaro ??? Dai ... Su' ... Ammetta l'errore ... Può capitare a tutti !

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Ballano sempre 250.000 euro di costo vivo (secodo listino) diviso per la metà degli ettari, produttori e bottiglie. Più spese varie che sarebbe bello fossero pubblicate dalla regione. Il resto della partecipazione si limita a pochi giorni e in uno di questi avete promosso la cucina siciliana. Ammettetelo voi l'errore

avatar

Giulio

circa 4 anni fa - Link

Sento il rumore delle unghie sullo specchio... La pubblica amministrazione parla con gli atti ... Non sono 250.000 se ne faccia una ragione !!! Legga gli atti ... La prossima volta andrà meglio ;)

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Sono atti parziali che coprono SOLO UNA PARTE DELLE SPESE. Si legga l'articolo, la delibera ma, soprattutto, IL LISTINO PREZZI!

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Alla seconda pagina del pdf http://www.vino2015.com/globalassets/pdf/vino2015_partecipa.pdf

avatar

Francesco

circa 4 anni fa - Link

Con tutto il rispetto signor Tomacelli, dovrebbe sapere che citare una fonte non basta per chi fa informazione. Bisognerebbe verificarla. Cosa che questo articolo non fa, lo dico con cortesia guardi e senza alcun interesse di difendere soggetti politici o altro. Del resto le persone comuni possono andare da sole a vedere con i loro occhi se, come lei afferma sulla sua pagina Facebook, il Molise ha preso l'area top li al padiglione. Non mi pare. Lei ha verificato di persona? Mi sembra che anche Bocchetti su Facebook le abbia fatto subito notare incongruenze esplicite nelle cifre che snocciola. Gli errori si commettono e si ammettono, anche da giornalisti, se non altro per onestà intellettuale e per non perdere di credibilità verso chi ci legge. La credibilità una volta persa e' dura recuperarla. Buona giornata.

avatar

Sebastiano

circa 4 anni fa - Link

Ho citato una fonte autorevole, l'unica che fa testo, il bollettino ufficiale della Regione Molise. Neanche la bontà di dare una guardata. Mah, se questo è fare informazione!

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Nella foto di copertina si legge chiaramente il nome dell'area: "Regione Molise" A listino Expo, che lei non ha avuto la bontà di guardare, quell'area per sei mesi costa 250.000 euro. Neanche pagando a singola bottiglia costerebbe di meno. Noto, inoltre, che i commenti più duri contro il mio post provengono da dipendenti della Regione Molise. Sarebbe utile che costoro producessero TUTTE LE DELIBERE invece di richiamare solo la n° 174 di 90.000 euro. Così magari vediamo come sono imputate le spese.

avatar

Paolo A.

circa 4 anni fa - Link

Premetto di non essere un dipendente né un amministratore della regione Molise, e che l'investimento non pare particolarmente oculato né redditizio. Detto questo, però è evidente che: - € 250.000 per 8 mesi - € 800.000 per 2 settimane (come risulta ancora scritto nel testo) sono due impegni di proporzioni ben diverse.

avatar

Francesco

circa 4 anni fa - Link

Signor Tomacelli, presumo non si riferisse a me per ciò che riguarda i dipendenti della Regione Molise che commentano il suo pezzo, perchè non solo cadrebbe in errore ma forse continuerebbe a non cogliere il vero problema di fondo che suscita ciò che lei scrive e il modo in cui lo scrive. "Nella foto di copertina si legge chiaramente in nome dell'area Regione Molise", di preciso sarebbe la citazione e la verifica di una fonte in modo diretto? Non credo, ma entriamo in un campo epistemologico che, se lei continua a rispondere in questi termini, vuol dire non ritenere valido metodologicamente come strumento comunicativo. Sul web, nei blog e sui social, purtroppo troppo spesso chi scrive ritiene di dover far a meno di tutto questo, ritiene che basti linkare articoli dietro articoli, articoli che di per sè non diventano fonti autorevoli e attendibili solo per il fatto di essere stati scritti e pubblicati. Sul web e nei blog, che mi permetto di ricordarle sono nati per proporre un diverso concetto di comunicazione e di rapporto tra chi scrive e chi legge e commenta, oramai gli autori si sono adeguati a replicare gli stessi modelli comunicativi e relazionali che volevano "combattere", ovvero quelli diciamo istituzionali, quelli che non prevedono la discussione come forma di confronto e di ampliamento e di correzione delle proprie conoscenze ed opinioni, ma che vogliono il mero riconoscimento di quanto affermano. Per quel che mi riguarda, come semplice ma non sempliciotto appassionato del mondo del vino, se le serve questo riconoscimento non mi costa nulla darglielo, ma evidentemente se questa è l'impostazione di fondo del suo modo di fare comunicazione su questo argomento, è molto lontano dal poter essere ritenuto attendibile e disinteressato come un blogger dovrebbe essere. Mi scusi per la sfrontatezza, l'ultima le assicuro, e la saluto.

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Non si accalori sig. Francesco. Io ho un'intervista all'assessore che parla di un'investimento di ottocentomila euro (mai smentita), una foto dell'area Molise all'interno del Padiglione Taste of Italy e un listino prezzi ufficiale dell'Expo che regioni e consorzi ben più ricchi dei vostri hanno giudicato insostenibile. A fronte di tutto ciò, qualcuno vuol far credere che la regione abbia speso soltanto 90.000 euro ma il resto delle delibere regionali sull'Expo non sono state pubblicate, come ammette lo stesso assessore: http://www.ansa.it/molise/notizie/2015/07/18/expo-polemica-di-giacomo-frattura-su-partecipazione-molise_4d72bc2a-6259-4b83-bc0a-f19fa81b6d0a.html P.s.: no, non è lei il dipendente della regione Molise :)

avatar

Angelo

circa 4 anni fa - Link

lei non sa che i listini non sono stati applicati e i padiglioni del vino sono stati venduti a prezzi inferiori. lei non sa che ad expo non c'è solo la tintilia in esposizione ma tutti i vini regionali lei non sa che le cantine presenti anno risposto ad un bando regionale aperto a tutte le cantine lei non sa che le cantine hanno contribuito in quota parte per partecipare al Padiglione Taste of Italy lei non sa che i vini in degustazione sono messi a disposizione gratuitamente dalle cantine lei non sa che primonumero non è il burm regionale lei non sa che i fagiolini vanno raccolti la mattina anche se intimati dalla suocera altrimenti si prendono colpi di sole lei non sa che prima di scrivere non bisogna bere alcolici soprattutto lei non sa come diceva un mio insegnante che prima di dire un'inesattezza bisogna pensarci tre volte e poi forse e meglio tacere.

avatar

GIULIO

circa 4 anni fa - Link

CONTINUA A PERSEVERARE NELL'ERRORE... TUTTE LE DELIBERE SONO PUBBLICHE (VEDI LINK)... E LO SPAZIO E' COSTATO 90.000 ...SE NE FACCIA UNA RAGIONE SIG. TOMACELLI....SE VUOLE LA PROSSIMA VOLTA LA POSSO AIUTARE NELLA RACCOLTA DEI DATI PRIMA DI SCRIVERE CIFRE A CASO .... SI COLLABORO CON LA REGIONE... CHE MALE C'E'? RESTO A SUA DISPOSIZIONE PER LA RETTIFICA DEI NUMERI DEL SUO POST... LA AIUTO VOLENTIERI! https://sol.regione.molise.it/urbi/progs/urp/ur1DE001.sto?StwEvent=101&DB_NAME=l1200158&Tipologia=GIUNTA

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Visto che lavora in regione perché non mi indica dove trovare TUTTA la delibera per l'Expo? Sa com'è, mancano all'appello 700.000 euro...

avatar

GIULIO

circa 4 anni fa - Link

lo stand è costato 90.000 euro se ne faccia una ragione ... le delibere sono diverse a seconda della linea di intervento non esiste "TUTTA la delibera per expo", ma mi pare di capire che lei ha poca dimestichezza con le attività di pubblica amministrazione... non capisco perchè insiste, io non parlo di quello che ignoro... lei va per tentativi e continua ad aggravare la situazione. chi fa "informazione" ha il dovere di informarsi prima di scrivere!

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

"lei non sa che i listini non sono stati applicati e i padiglioni del vino sono stati venduti a prezzi inferiori." Notizia molto, ma molto interessante considerando le passate polemiche sui prezzi altissimi del padiglione vino. Legga qui: http://www.intravino.com/grande-notizia/expo-2015-cronaca-di-una-sconfitta-annunciata-costi-esorbitanti-e-la-risposta-dei-consorzi/ Lei può produrre un documento o una fattura che dimostri quanto ha effettivamente pagato il suo stand la Regione Molise?

avatar

GIULIO

circa 4 anni fa - Link

non esiste "TUTTA la delibera per expo" esistono tanti atti amministrativi quanti sono gli interventi programmati e se in delibera c'è scritto 90.000 non possono che essere 90.000! lei è a zero con le procedure amministrative... parli di ciò che conosce.... chi fa "informazione " ha il dovere di "informarsi" se ignora.

avatar

Sebastiano

circa 4 anni fa - Link

Io ci rinuncio, mica tutti hanno onestà intellettuale e equilibrio, anche di rivedere le cose, no piace arrampicarsi sugli specchi (addirittura si nascondono delibere, il bollettino è pubblico). La lascio con le sue convinzioni caro Tomacelli e la ringrazio per la grande visibilità che sta dando al Molise e alla Tintilia; non volendo, ha reso un gran servigio. Come vede, il Molise esiste. La saluto cordialmente. NB Non sono un dipendente regionale, sono solo un molisano un po' incazzato. Peccato, anche qui la sorte le ha voltato le spalle.

avatar

Stai sereno

circa 4 anni fa - Link

Il più grande bluff che possa esistere. Expo. Perché non pubblicate i grandi contratti firmarti dai buyer con le aziende molisane... Zero. Ecco i numeri. Il gran pranzo è costato 18 mila euro o giù di lì. Buonaserata

avatar

ziliovino

circa 4 anni fa - Link

Aldilà del fatto che forse qualcuno ha pestato una merda, io sono sempre più allibito dalla quantità di solidi pubblici spesi per quel baraccone, o meglio della quantità di soldi pubblici intascati dalle società organizzatrici, che in pochi casi mi sembra siano finite lì per concorso pubblico... Vogliamo poi parlare del ritorno economico? mah...

avatar

alex

circa 4 anni fa - Link

Vittorino Facciolla dimettiti e restituisci il danno erariale

avatar

Sandro

circa 4 anni fa - Link

Articoli scritti così male e senza uno straccio e dico uno straccio di prova documentaria, come ampliamente dimostrato e detto da tanti che lo stanno leggendo, non fanno male a nessun altro se non a chi lo scrive. Infatti, il clamoroso autogol del suo autore è già sulla bocca di tutti sul web. Ma se l'autore dell'articolo è anche l'editore del blog si spiega TUTTO! Su di una testate seria e vera prima di pubblicare fandonie simili l'editore di turno e il capo redattore avrebbe preteso di capire che diavolo voleva scrivere l'autore! Altro che vino, siamo alla frutta, giornalisticamente parlando!

avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 anni fa - Link

Dài fammi leggere di questo clamoroso autogol che è sulla bocca di tutti, sono troppo curioso. Vediamo chi parla dicendo cosa, magari hai ragione e siamo sfigati a non aver trovato in giro niente del genere.

avatar

Tufoallegro

circa 4 anni fa - Link

Mi spiace perché leggo volentieri Intravino, ma questo pezzo è davvero da dimenticare.

avatar

Hierro

circa 4 anni fa - Link

Che sola clamorosa stavolta intravino! Al di la' di tutto...W Expo e W la Tintilia del Molise (detto da un bresciano)

avatar

Daniele

circa 4 anni fa - Link

Sig. Antonio, c'è gente che è disposta a pagare minimo dai 10 a 15 euro per una bottiglia di Tintilia. Non è il prezzo che denota il valore e la qualità di un vino. Si informi sui prezzi di listino prima di vomitare disprezzo

avatar

Antonio Tomacelli

circa 4 anni fa - Link

Siccome molti si affannano a commentare dalla regione molise, tentando di coprire con insulti i fatti, vediamo di spiegare meglio la situazione: 1. La Regione Molise ha speso per l'Expo una cifra non meglio precisata che va da un minimo dichiarato dall'Assessore di 800.000 euro a un massimo di 1.000.000 di euro (senatore Ulisse di Giacomo) (link) 2. Di questi 800.000 euro c'è traccia parziale solo in due delibere: la prima destina 120.000 euro al padiglione del vino(durata sei mesi), la seconda di 430.000 per la settimana del Molise nel padiglione "Italia delle regioni". (link) In questo spazio verrà dato risalto ai due prodotti di punta della regione: "Il Molise sceglie di investire su due eccellenze ancora non del tutto valorizzate, il vino e il tartufo. Facciamo quest’investimento, che prima di tutto è culturale – ha spiegato il Presidente Frattura –, scommettendo sulla qualità e sull’emozione della qualità, elementi che producono attrazione, ne siamo sicuri: lo testimonia la storia del nostro vitigno autoctono», la rinomata Tintilia." (link) 3. L'investimento sulla Tintilia dunque, non si limita al solo Padiglione vino ma si estende anche alla cosiddetta "Settimana del Molise" nel Padiglione Italia. 4. Mancano ancora all'appello circa 200.000 ma, come dice il Presidente Frattura, "Come sempre e come è nel nostro stile, perché lo riteniamo un dovere verso i cittadini, renderemo pubblica ogni singola voce." Renderemo, appunto. 5. Il listino prezzi del Padiglione Vino pubblicato da Verona Fiere indica in 250.000 euro il costo di un'area espositiva per sei mesi. Se la Regione Molise ne ha pagati solo 120.000 è evidente che siamo in presenza di una svendita nonostante i proclami trionfalistici dei responsabili. È difficile, a questo punto, capire in che percentuali sia diviso l'investimento promozionale sul tartufo e sul vino, visto che le spese sono imputate in diversi capitoli ma una cosa appare chiara: solo la metà delle cantine (10) ha aderito all'iniziativa il che dimezza, più o meno, il numero delle bottiglie da "promozionare" (a essere ottimisti 150.000). Ora, mettiamo il caso che un piccolo importatore cinese si innamori della Tintilia e vi ordini un mezzo milione di bottiglie, cosa gli spedite? P.s.: i commenti riapriranno lunedì, giusto per non coprire i fatti con commenti malevoli.

Commenti chiusi