Aiuta anche tu Lidl a scegliere descrittori migliori per i loro vini a catalogo

Aiuta anche tu Lidl a scegliere descrittori migliori per i loro vini a catalogo

di Fiorenzo Sartore

Allora ragazzi miei, facciamo un patto: questo non è un post per maramaldeggiare sui vini al supermercato, sui vini a prezzi improbabili, e tutte quelle altre robe lì. Voglio dire, non è che non ci sia materiale, ma davvero, stavolta vorrei fare altro, vorrei parlare di descrittori del vino. Avete presente quelle due o tre righe che leggiamo sui depliant dell’hard discount? Ecco, qualcosa alla Lidl non sta andando nel verso giusto, secondo me. Dobbiamo aiutarli.

Per esempio: per questa Malvasia frizzante, non si poteva scrivere qualcosa di meglio? “Delicatamente vegetale, mela, floreale, una bolla un po’ aggressiva, sa di poco però“. No, davvero: se io scrivessi una recensione così avrei paura degli avvocati.

Si passa così ad un Traminer “forse un po’ troppo dolce” (evabbè, cose che capitano).

Poi c’è il Verdicchio “vegetale, sapido, amaro, un po’ di solforosa, ma risulta piacevole nel complesso” (sic).

Ci sarebbe anche un Montepulciano bio, pareva interessante, ma ha “naso dai tratti rustici, con sfumature di pelliccia, fuliggine“. E che diamine?

E poi abbiamo anche il vincitore, lo Zibibbo Terre Siciliane con “nota ridotta, salvia, alloro, attacco dolciastro, salvabile“. Salvabile?? C’è qualche sommelier che mi aggiorna sul descrittore “salvabile”?

Ecco, davvero: salviamoli.

[Oppure alcune bozze di quei burloni di assaggiatori del Gambero Rosso, che firmano la selezione alla Lidl, sono andate in stampa così com’erano… al naturale. Vabbè correggete, nel caso. Con affetto infinito]. 

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

37 Commenti

avatar

MG

circa 4 mesi fa - Link

Chiunque sia stato, li ha trollati abbestia :D

Rispondi
avatar

Samuele

circa 4 mesi fa - Link

No dai non può essere vero! :-) Almeno sono stati obiettivi

Rispondi
avatar

massimo

circa 4 mesi fa - Link

no, non ci credo! da provare subito ! ahahah

Rispondi
avatar

Luca Amodeo

circa 4 mesi fa - Link

Fiorenzo, ti prego, dimmi che le hai trovate su "Lercio"...

Rispondi
avatar

Filippo Ronco

circa 4 mesi fa - Link

Se è vero ed è un errore è l'epicfail del 2016 ma pure del decennio. Se è vero e non è un errore è una nuova frontiera del marketing a cui probabilmente non siamo ancora pronti.

Rispondi
avatar

kev

circa 4 mesi fa - Link

ahahah follia pura!!! potevano controllare prima di pubblicarle :)

Rispondi
avatar

Fede

circa 4 mesi fa - Link

e anche il mondo del vino adesso ha il suo Gronchi rosa.... conservate le copie ragazzi!

Rispondi
avatar

Mbk

circa 4 mesi fa - Link

Le descrizioni più oneste nella storia delle schede dei vini, indubbiamente! :D

Rispondi
avatar

Franco

circa 4 mesi fa - Link

Sto morendo dal ridere. :lol :lol Grande Sartore.

Rispondi
avatar

Paolo

circa 4 mesi fa - Link

Verificato sul volantino on line: è davvero pubblicato così. Sarebbe divertente seguire gli esiti, quelli contrattuali, intendo, tra i due soggetti coinvolti.

Rispondi
avatar

Malakunin

circa 4 mesi fa - Link

Per un 1,89 euro il concetto di salvabile non si applica neanche ad un file ed una pennetta usb. Io però preferisco la Malvasia che sa di poco, almeno non ha sentori strani da cui diffidare

Rispondi
avatar

Sonia

circa 4 mesi fa - Link

concordo nello sperare che sia una bufala gigantesca, un pesce d'aprile in anticipo. Questo linguaggio sarebbe eccessivo anche per il mercato UK dove sono abituati a tone of voice sarcastici. Sono curiosa di vedere se ci saranno ripercussioni da parte dei produttori

Rispondi
avatar

Luca Amodeo

circa 4 mesi fa - Link

Ussignùr, è tutto vero! Le schede fanno bella mostra di sé al link che Fiorenzo ha incorporato alla quinta riga del testo, sotto "qualcosa alla Lidl". Da morire...

Rispondi
avatar

andrea

circa 4 mesi fa - Link

Non è un epic fail, secondo me lo hanno fatto apposta. La clientela Lidl non le legge mica le note...

Rispondi
avatar

Susanna

circa 4 mesi fa - Link

E chi te lo dice che tra i consumatori della lidl non ci sia anche qualche addetto ai lavori nel campo enologico?

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 4 mesi fa - Link

...niente da fare : mi sto rotolando dal ridere e faccio fatica a commentare. D'altronde , si chiama "onestà intellettuale" . Assaggiando quei vini, chi di noi non si sarebbe espresso in maniera ancor più colorita o ironica?

Rispondi
avatar

Maurizio Gily

circa 4 mesi fa - Link

Il correttore di bozze è una figura in via di estinzione. E se vede.

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 4 mesi fa - Link

Ma qui il problema non sono mica gli errori di scrittura :-)

Rispondi
avatar

Sergio

circa 4 mesi fa - Link

dici che sarebbe servito un vero e proprio redattore allora? secondo me anche un correttore, se ci pensi basta cambiare la punteggiatura: [...] sa di poco, però.... [...] forse un po' troppo dolce? etc etc

Rispondi
avatar

Francesco Garzon

circa 4 mesi fa - Link

Dai.... Dai, io faccio uno sforzo per la malvasia: "Delicatamente vegetale, mela, fiori gialli freschi, mimosa (ci avviciniamo all 8 Marzo), bollicine esuberanti, tenue aromaticità.

Rispondi
avatar

Alberto G

circa 4 mesi fa - Link

Se non è un fake, il Gambero ha spedito le bozze in Germania ed è finito tutto in stampa.

Rispondi
avatar

Roberto Barat

circa 4 mesi fa - Link

In realtà i vini riportati qui sono solo una parte della proposta Lidl. E gli altri vini sono giudicati positivamente. Tutto sommato... perché stupirsi se la catena lascia libertà di descrizione ai prodotti? Perché li vende? Magari ha semplicemente altri obiettivi...

Rispondi
avatar

senzapatria

circa 4 mesi fa - Link

Il montepulciano che sa di pelliccia si chiama PASSO ORSO... LOL

Rispondi
avatar

lucawine

circa 4 mesi fa - Link

GR sono ormai alla frutta, in attesa del conto con tanti saluti.

Rispondi
avatar

Antonio Tombolini

circa 4 mesi fa - Link

Ecco, invece di elogiare la traspararenza subito a criticare. Ma a te non ti va bene niente eh?

Rispondi
avatar

Fiorenzo Sartore

circa 4 mesi fa - Link

e per giunta prisca sacchetti dice che sono dispettoso [img]http://s20.postimg.org/fp9qwcknx/image.jpg[/img]

Rispondi
avatar

Paolo

circa 4 mesi fa - Link

Fortunato: questa la metti nel CV!

Rispondi
avatar

Manuel

circa 4 mesi fa - Link

ahahahahahaha geniale...ora ho solo una indecisione: sono più mitici loro o il Bertolaso quando dice di essere come Mr Wolf, ovvero un cinico smaltitore di cadaveri che aiuta i delinquenti...sa di poco...lo voglio anche io. In ogni caso credo che sia sbagliata l'azienda..per me è la Carter& Carter di C. Pravettoni...e la lira si impetta, il titolo crolla. Mitico Sartore

Rispondi
avatar

Riccardo

circa 4 mesi fa - Link

Basta andare sul loro sito e vedere che è tutto vero... purtroppo per loro... menomale che l' attacco è dolciastro, fosse stato acidulo non l'avrei comprato..LOL

Rispondi
avatar

Marco

circa 4 mesi fa - Link

Non capisco. Da una parte c'è un'azienda come il Gambero Rosso che ovviamente non può sputtanarsi e classificare come da tre bicchieri vini di fascia bassa, dall'altra la Lidl che offre vino bevibile (per i più, magari non per gli appassionati) ed aiuta il pubblico a scegliere. Si chiama trasparenza, perchè criticare? Non lo so, ma magari il Trento doc per un aperitivo con amici magari lo posso anche prendere in considerazione

Rispondi
avatar

MG

circa 4 mesi fa - Link

In realta' ti dico, il vino della Lidl e' proprio imbevibile, e provati vari, visto che qui in Polonia di vino buono a buon mercato ne arriva poco. Di dicente hanno solo qualche francese che pero' non so se arriva in Italia.

Rispondi
avatar

Daniele Longhi

circa 4 mesi fa - Link

Vivo in UK , proprio ieri mi trovavo al lidl, ci vado per prendere le paste per la colazione e poco altro...i vini li prendo sempre nell enoteca dove lavoro...anno vini da 2 pound fino ai 17, un sant estephane del 2011..su uno scaffale poi avevano 2 bottiglie dal costo di 8,60 pound in offerta a 4,30 di un vino cileno,bottiglia ultrapesante un blend di cabernet,shiraz e camanere prodotto da vecchie viti a bassa produzione,vendemmia manuale, invecchiato per 15 mesi in barili americani e francesi (da assaggio sicuramente non nuovi ) ,e bottiglia numerata 13,067 su 24,000 prodotte...vino del colchagua pero dietro descrivono il chile cape horn, il posto piu remoto dietro esso nulla, solo oceano e Antarctica...poi passano alla descrizione del nome e infine alla descrizione del vino con le info riportate sopra...l ho aperto stasera, vino maschio ben 14,5 gradi corposo, fruttato e semplice...bevibile, a patto che ci sia cibo in abbondanza....per 4 pound bene cosi dai,ne ho un altra bottiglia che provero fra qualche annetto pr curiosita...

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 4 mesi fa - Link

Eggià, ma in UK hanno messo un Master of Wine (Richard Bampfield) a fare le descrizioni dei vini e ad aiutare per le selezioni. In Italia, evidentemente no.

Rispondi
avatar

Totò P

circa 4 mesi fa - Link

Sono descrizioni oneste. Chapeau!

Rispondi
avatar

Denis

circa 4 mesi fa - Link

L'onestà delle descrizioni non si discute. Però: 1. la maggior parte sono scritte da persone che non hanno una gran dimestichezza con la lingua italiana, cosa che un sommelier dovrebbe avere, e sono state evidentemente copia/incollate senza la minima rilettura. 2. e anche il signor lidl che ha deciso di pubblicare queste recensioni... non si rende conto che è molto meglio commercialmente non scrivere nulla? Sfido un utente a lamentarsi di un vino pagato meno di 2 euro che scopre sapere di poco o avere qualche sensazione non proprio fine. DUE EURO!? Togliamo le tasse, i ricarichi di tutta la filiera, il costo del vetro del tappo e dell'etichetta... quanto costa all'origine quella bottiglia? Se c'è del vino dentro è già tanto!

Rispondi
avatar

Fra

circa 4 mesi fa - Link

Sfumature di Pelliccia... Ed io che lo chiamavo Brettanomyces

Rispondi
avatar

Francesco

circa 3 mesi fa - Link

Beh pubblichi articoli con link diretti al sito di Lidl, quanto hanno pagato per quello? No vabbè, ma dici sul serio e non ti fai nemmeno un po' ridere da solo? Pazzesco, beato te. [ale]

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.