Gianni Capovilla e quel modo unico di farti amare un distillato

di Alessandro Morichetti

Non ho mai amato le grappe, che noia tutto quell’alcol anonimo. Poi finisce che passi una mattinata intera ad assaggiare distillati a tutto grado (80% vol) in compagnia di Gianni Capovilla e salta ogni certezza. Il fascino del Marlboro man di Rosà (Vi) è un tassello di storia della distillazione a cavallo tra alchimia, scienza e medicina. Altro che “secca o morbida?”. Gli artigiani come Capovilla nel mondo si contano sulle dita di una mano e poche regole ne raccontano la purezza: materia prima impeccabile, nessuna aggiunta e doppia distillazione a bagnomaria. Il tempo di produzione è 8 volte più lungo rispetto a chi privilegia l’incasso alla qualità e a forza di infilare il mio ditino da assaggio nelle vasche ho capito perché Capovilla è un mito.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

16 Commenti

avatar

kenray

circa 8 anni fa - Link

l'affermazione "che noia tutto quell'alcol anonimo" riferita alla grappa qualifica l'autore del post. incompetente. torna a parlare di birra e non toccare la sgnapa che potresti farti malissimo. somaro. addendum tvb moricchia

Rispondi
avatar

Davide Cocco

circa 8 anni fa - Link

Merito del Giampi, vero? Comunque un saltino a Vicenza a salutarmi lo potevi anche fare. Sani.davide

Rispondi
avatar

alma

circa 8 anni fa - Link

La grappa alcol anonimo? Forse sono più anonime certe papille gustative. Certo è che la grappa non si può neppure bere a shottini come spesso si vede fare in giro. Va degustata.

Rispondi
avatar

Giuseppe

circa 8 anni fa - Link

attenzione che la parola "degustata" non ci faccia incorrere nell'opposto estremo rispetto a "grappa anonima bevuta tutta d'un fiato come fosse acqua". ho visto scene da - scusate- degustatori talebani, mancava poco che emettessero dei muggiti tipo orgasmo mentre annusavano una grappetta.

Rispondi
avatar

giulio

circa 8 anni fa - Link

Andando un attimo OT...il Rhum agricole affinato in legno...lo hai assaggiato? Com'è?

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 8 anni fa - Link

Annusato ma non assaggiato. Ero già abbastanza sconvolto per aver scoperto un significato autentico e nuovo della distillazione.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

okkio alla foga giovane Skywalker. comprendo che capovilla faccia la sua porca figura ma non è l'unico. Lo dico perchè se da una parte mi fa molto piacere che si parli del Maestro dall'altra non vorrei che questo enorme entusiasmo profuso nel post inducesse il lettore non avveduto a pensare che il mondo inizi e finisca con questo, pur sempe illustre, personaggio. La storia della grappa è molto più complessa e il Nostro, tra le altre cose, più che un produttore della suddetta è un distillatore da frutti vari (Porthos se ne occupò estensivamente circa un anno fa). My two cents

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 8 anni fa - Link

Visto che lui non me ne ha fatti di nomi di altri bravi distillatori, quali suggerisci?

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 8 anni fa - Link

sulla distillazione di frutta lui E' il numero uno. sulla produzione di grappa si aprono mondi a cominciare dal mai compianto abbstanza Romano Levi e dall'inossidabile Gino Barile. Scendendo a livelli meno siderali direi che la ditilleria dei fratelli Marolo è un'altra eccellenza indiscutibile (anche se rumors, spero infondati, mi dicono non stia passando un momento particolarmente felice). Scendendo a più "miti" consigli un goccino del millesimato da nebbiolo da barolo della antica distilleria altavilla non mi spiace affatto.

avatar

kenray

circa 8 anni fa - Link

Fabbro stai avendo un confronto con uno che definisce noia la grappa. Cosa pretendi. Il Moricchia avrà assaggiato qualche distillato ala frutta e avrà avuto una erezione spontanea. Come un bambino che per la prima volta vede un seno nudo. La grappa è un universo infinito e bisogna conoscerlo bene. Moricchia non ne sa molto credo. di mio bevo Bortolo Nardini riserva 50° che ritengo la miglior grappa "industriale" del cosmo (quella gialla per intenderci). Poi ci sono gli artigiani del graspo ma ci qui infiliamo in un mondo parallelo esaltante e complicato.

avatar

Alessandro Morichetti

circa 8 anni fa - Link

La grappa è un universo così infinito che di produttori industriali è pieno il mondo ma per trovarne non dico 50 ma 5 buoni dobbiamo cercarli con la lente. E non è il distillato più espressivo. Ken caro, datti al Lambro di qualità perché mi sa che da piccolo hai sofferto ingiustamente :-).

avatar

mastroghighetto

circa 8 anni fa - Link

cpovilla, soprattutto nei distillati di frutta riesce ad aprire un mondo nuovo all'immaginario gustativo, un mondo che ti coinvolge ti affascina e che diventa un punto di riferimento.

Rispondi
avatar

Alberto G.

circa 8 anni fa - Link

"Autentico" si, ma "nuovo" proprio no.Sono passati un po' di annetti da quando i distillati di Capovilla , gia' spuntavano un prezzo doppio della media.A Moriche'gira e gira,assaggia ed assaggia e troverai pure qualche grappa buona,anche se non e' il distillato preferito da chi ha provato altro.

Rispondi
avatar

Giulia Marruccelli

circa 8 anni fa - Link

vuoi qualche nome? una fonte autorevole può essere l'ANAG, assaggiatori grappe e acquaviti questo è il sito www.anag.it e qui ad esempio puoi leggere il risultato di “Acquaviti d’Oro” - 5° edizione 2010 del concorso internazionale più prestigioso che si tiene in Italia http://www.berico.org/public/I_risultati_di_Acquaviti_d_Oro_5a_edizione_2010.pdf buona lettura

Rispondi
avatar

Lorenzo

circa 8 anni fa - Link

Io butto lì, sia per averle visitate in loco che per averne bevuto i prodotti, questi due nomi: - Pisoni, a Pergolese (Tn), forse ora più conosciuti per i vini, ma nati come distillatori; - Carlo Gobetti, distillatore artigiano, a Marciaga di Costermano (Vr) sul lago di garda, con impressionante varietà di grappe da vitigni diversi (grazie a contatti personali con piccoli produttori) e specialità tuttogrado e kirsch (che piace tanto ai tedeschi, molto presenti in zona lago...)

Rispondi
avatar

etrusco1969

circa 8 anni fa - Link

Grazie a Marco ho trovato questo post e dire che la grappa è alcool anonimo caro Morichetti è come dire che il Colfondo è un vinaccio io ho iniziato con la grappa. Le mie preferite erano quelle in barrique ultimamente c'è Sibona che passa la sua grappa dove c'è stato lo Cherry il Porto il Whiski il Madeira e poi la loro tuttogrado e in base al vitigno si notano perfettamente le differenze. Poi le famose Storica, Berta e la più commerciale Bonollo ma anche lì il range è vasto dipende sempre dalla tasca e fortunamente ho un amico che la rappresenta ed ho sempre le novità. La mia bianca preferita è Cantine Cipressi nel Molisano grappa di Tintilia, un altra buona la Cacc'e Mmitte di Lucera. Poi molto particolari le grappe torbate tipo Castagner ma non quelle del supermercato. Un ultima in barrique grappa Bocchino Riserva 10 anni. Poi ancora un mio modesto parere per me le migliori sono dai 42 fino a 45 gradi sotto i 42 blae. Attendo confronti, saluti Manilo

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.