Il brindisi fra Ingroia e Bersani e i nuovi scenari (da brivido) della politica italiana

di Antonio Tomacelli

A volte bastano un paio di twit piazzati a tradimento per scardinare quelle due o tre certezze che ti permettevano di vivere con relativa tranquillità. Eri davvero convinto che le ideologie contrapposte fossero crollate con il muro di Berlino? Niente di più sbagliato, destra e sinistra sono più vive che mai e si annidano nei posti più impensati, pronte a balzarti alla gola proprio quando meno te l’aspetti. Prendi, per esempio, lo scambio di battute tra Bersani e Ingroia, avvenuto durante un incontro casuale al bar dell’aereoporto, e dimmi, caro lettore, che c’azzecca il vino con la politica:

Io prendo del vino rosso – ha detto il leader di Rivoluzione civile avvicinandosi al bar -, visto che – ha aggiunto sorridendo – noi siamo i veri rossi… Pronta la risposta del segretario del Pd: io prendo del vino bianco, siamo troppo rossi, devo correggerlo un po’ con il bianco…

ma che, davvero? il vino rosso sarebbe di sinistra e il vino bianco di destra? E il rosè come si porrebbe in questo arco eno-costituzionale, come un qualunque socialdemocratico? E agli estremi chi ci collochiamo, Champagne e Lambrusco? Oddio, lo sapevo, mi sono fatto coinvolgere in questo giochino e adesso mi stanno venendo le vertigini e una serie di domande che richiedono la vostra immediata risposta: il Barolo possiamo considerarlo di estrema sinistra? E quanto sarà radical-chic un Brunello di Montalcino? Il verdicchio è liberale? Cosa berrà il premier Monti, chardonnay barricato che fa tanto internazionale o qualche vinello di Frascati per tenersi avvinghiato ai palazzi romani? Una vocina cattiva mi suggerisce: “Ha una scorta di Riesling ventennale, dono della cara amica Angela e ormai beve solo quello che gli passa la Germania”.

Cavolo, mi gira la testa e ancora non ho capito di che vino potrebbe essere lui, l’inossidabile Berlusconi. Vi confesso, però, che ho una certa paura: hai visto mai che in questo clima di restaurazione enologica salti su qualcuno a urlare “Aridatece er puzzone”?

D’altronde, conoscete qualcuno più nature di Silvio?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

3 Commenti

avatar

Antonio Radici

circa 7 anni fa - Link

Era una battuta, i "rossi" sarebbero i comunisti, etc etc. Per le vertigini credo ci siano delle buone soluzioni in farmacia.

Rispondi
avatar

nico aka tenente Drogo

circa 7 anni fa - Link

come se non avesse abbastanza difetti, Berlusconi è astemio

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 7 anni fa - Link

Con gli affettati è tutto molto più semplice. http://www.youtube.com/watch?v=CATQHe8Vcws

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.