Vini a Roma, un successone naturale

di Alessandro Morichetti

Mani contadine Si è conclusa ieri la seconda edizione di Vini Naturali a Roma. In due parole, un successone. Vuoi per la regia dell’ottima Tiziana Gallo che ha coordinato quasi 100 produttori (tra cui Rinaldi, Cavallotto, Raymond Boulard, Foradori, Ar.Pe.Pe., Cascina degli Ulivi, Antoniolo, La Biancara, Fattoria San Lorenzo, Oasi degli Angeli), vuoi per la curiosità che oramai questi vini suscitano, certo è che la viticoltura “naturale” sta ormai portando una profonda rivoluzione nel mondo del vino. Come lo scorso anno, l’entusiasmo di giornalisti, visitatori e standisti è stato palpabile e superiore alle aspettative, testimoniato da un’atmosfera conviviale in cui non era raro vedere produttori assaggiare vini non propri, quando non direttamente dietro banchetti altrui. La sensazione è che manifestazioni come questa avvicinano al consumo di prodotti biologici, biodinamici o comunque naturali anche fasce di appassionati distanti dai temi di enologia ed agronomia che sono la sostanza di questo modo “altro” di fare vino. Sta di fatto che una intera giornata di assaggi non ha lasciato traccia del minimo mal di testa tra i partecipanti, sorprendendo in particolar modo i niubbi neofiti dei vini bio. Tu chiamalo, se vuoi, potere del naturale.

Nel video – girato e montato da Giulia Graglia – l’organizzatrice Tiziana Gallo, l’enologo Riccardo Vendrame e Augusto Cappellano, produttore.

[Immagine: Tigulliovino.it]

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

16 Commenti

avatar

daniele

circa 10 anni fa - Link

Confermo il tutto. Al banco di Foradori mi hanno consigliato di assaggiare lo Chardonnay di Valter Mlecnik...Comunque davvero un'ottima occasione per cercare conferme dai produttori più noti e scoprirne altri meno conosciuti in un ambiente sereno, positivo.

Rispondi
avatar

Angelo Di Costanzo

circa 10 anni fa - Link

Purtroppo la confusione è spesso generata proprio da questa continua ricerca di etichettare per forza di cosa vini che dovrebbero essere loro stessi una rapprensentazione "normale" di come si fa il vino. La gente fa domande ovvie perchè gli vengono date spiegazioni ovvie, e quando si entra nel merito si punta più ad ostentare sacra conoscenza piuttosto che normale quotidianità.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 10 anni fa - Link

A dire il vero, anche ai sensi di legge, i vini "normali" sono perfettamente regolari, quindi non me la sentirei di utilizzare contrapposizioni tra gli oltranzisti (categoria che, ovviamente, prediligo) e gli altri. Conosco personalente enologi che pur non sbandierando questa o quella certificazione lavorano vini in modo ineccepibile, talvolte di gran lunga superiori a qualche biodinamico "senza se e senza ma". Io sposterei la questione su quanto i vini sia in grado di farci GODERE mentre li beviamo. Ieri c'ero anche io alla manifestazione, ne ho assaggiati parecchi e non tutti mi hanno entusiasmato, molti invece mi hanno letteralmente toccato l'anima (non dico quali ordinerò per il mio negozio sennò sarebbe squallida pubblicità). Per quanto riguarda la mia Hitlist direi: 1- A. Maule - Pico 2- Klinec - Bela Quela 3- Paraschos -Not 4- T. Cappellano - Barolo piede franco 2005 5- T. Rivella - Barbaresco 2006 6- Pian dell'Orino - Brunello 2004 7- Monte dall'Ora - Amarone Stropa 8- Kotar - Vitovska 9- Zidarich - Malvasia Istriana 10- Radikon - Jakot p.s. okkio che i vini bianchi a e piacciono belli "puzzoni"!!!!

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Perchè il rosso di Pian dell'Orino 2007? Sembra addirittura meglio del 2006...è tutto dire!

Rispondi
avatar

maurizio silvestri

circa 10 anni fa - Link

aggiungo il faro di bonavita, il sauvignonasse (tocai) di mlecnik, il syrah di romaneaux-destezet i vecchi barbera di trinchero... ma il problema è che mi sarebbe piaciuto davvero provarli tutti perché tutti meritavano un assaggio. non mi sembra un merito da poco per la manifestazione.

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

D'accordo con te, il Sainte Epine di Romaneaux-Destezet dovrebbe essere di esempio a molti nostri produttori, un vini lontano dalla strada delle macerazioni e concentrazioni. Una gamma aromatica lunga un KM!!!

avatar

Francesco Fabbretti

circa 10 anni fa - Link

Forse perchè secondo me (e non solo)il 2007 sarà annata superiore rispetto al 2006? Anche se in tal caso gradirei ricevere delucidazioni dall'eccelso dottor Gori che in Toscana ci vive a diferenza mia che ci faccio qualche capatina

Rispondi
avatar

Riccardo Margheri

circa 10 anni fa - Link

Il 2007 è potenzialmente cosa bella assai, ma è più caldo del 2006 in generale, e il rischio di fare il vino stramaturo e bombolone è sempre lì. Vedi alcuni Rosso di Montalcino 2007 con struttura da Brunello, l'evidente differenza di finezza tra molti Chianti Classico 2007 e i fratelli delle stesse aziende dell'annata precedente. O peggio ancora i grami risultati dei Bolgheri base 2007. Ovvio che ci siano le potenzialità per fare il grande vino, ma sarà meno facile di quel che pare. Un'annata da intepretare, come il '97.

avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Vendiamoli, promuoviamoli e beviamoli. Il resto non tarderà ad arrivare.

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 10 anni fa - Link

Ma qulacuno non doveva venire a roma per un caffè?????????

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Amore mio, ero lì. Giuro! http://iovino.wordpress.com/2010/01/31/piu-naturali-d…osi-bio-a-roma/ Al Vinitaly....

Rispondi
avatar

Rolando

circa 10 anni fa - Link

secondo anno per un'ottima manifestazione, ho ritrovato molti amici ed appassionati. solo un appunto: l'anno prossimo si può scegliere un posto con sale più ampie? per il resto, ottimo panel di produttori, e scelta di vini di alto livello.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 10 anni fa - Link

Avevo preventivato un solo giorno di assaggi, invece sono rimasto per tutti e tre, visto che per una volta giocavo in casa. Mi ha favorevolmente impressionato l'affluenza, sia di addetti ai lavori che di semplici appassionati, davvero notevole per una manifestazione al secondo anno su una piazza tradizionalmente ritrosa verso le nuove tendenze e lenta a recepirle. Anche il parterre dei produttori era più ampio rispetto all'anno scorso, con delle aggiunte di qualità assoluta. Il movimento, ad occhio, gode di ottima salute; credo che il non essersi dati delle regole precise abbia portato a una salutare autodeterminazione, a un virtuoso spontaneismo che rende vitale il palcoscenico. Nota non di second'ordine, il clima che si respira tra i banchi di queste manifestazioni è ban più ricco di calore umano rispetto agli eventi "convenzionali", ed è un clima che crea dipendenza. Tra i consumatori, trovo che ci sia molta più apertura, unita a curiosità, verso il segmento, vuoi per reazione immunitaria a un decennio in cui i vini dell'enologo hanno fatto la parte del leone, vuoi perché a forza di assaggi si sono resi conto che i pregiudizi sono spesso immotivati e alcuni di questi vini sono ai vertici dell'enologia nazionale. Parlando dei vini, ho trovato una qualità media piuttosto elevata, qualche bottiglia pesantemente ridotta o condizionata dalla volatile c'era ma fa parte del gioco, e comunque si tratta di una ridottissima minoranza. Al contrario, davvero tanti erano i vini nitidi, equilibrati e, soprattutto, rappresentativi del loro territorio. Top ten anche per me (un solo vino per azienda): Kupra 2006, Oasi degli Angeli Sassella Rocce Rosse 1997, Ar. Pe. Pe. Quota 600 2007, Graci Veruzza 2007, Guccione Bianco 2007, Massavecchia Le Trame 2006, Podere Le Boncie Fiano 2006, Picariello Rosato 2009, Bonavita Pinot Grigio 2007, Klinec Le Olive 2006, Pino Ratto fuori concorso, fuori rassegna e fuori dal mondo: Magma 5R, Cornelissen

Rispondi
avatar

Christian Bucci

circa 10 anni fa - Link

Anch'io c'ero... Ma purtroppo inchiodato dietro al bancone. Affluenza superiore alle aspettative , consumatori molto interessati. Ho assaggiato solo qualche azienda il lunedì quindi farò solamente una top 3: Chianti Le Trame 2006 , Le Boncie Fiano Don Chisciotte 2006 , Tufiello Terrano 2008 , Josko Rencel

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.