Vermentino = Chablis. Garantisce il New York Times

di Alessandro Morichetti
ugo_pierri_tarocchi_il_mattoSe vi chiedo 3 vini che valorizzano l’Italia come terra di grandi bianchi, Doc o Igt non importa, purché provengano da un solo vitigno, voi, pensate al Vermentino? Se sì, beh, complimenti. Siete informati, esperti e lungimiranti. A essere sinceri, io non ci avevo pensato, e secondo Eric Asimov del New York Times ho sbagliato. Come segnalava ieri sul Corriere l’esperto Francesco Arrigoni, dopo l’assaggio comparato di 18 bottiglie a base Vermentino provenienti da Sardegna, Toscana, Liguria (e Corsica, Provenza e Carneros) il Times elogia il vitigno senza riserve per la capacità di dare vini di carattere, dal buon rapporto qualità-prezzo, interessanti nelle versioni più fresche come in quelle più complesse.
Per la cronaca, n°1 nonché best value della degustazione è stato il Vermentino di Sardegna Costamolino 2008 di Argiolas, “ricco, dalla consistenza quasi oleosa e con rimandi di limone, ginger e nocciole”. Il giorno dopo, Asimov ha rincarato la dose sul suo blog, The Pour, paragonando il Soave 2007 di Pieropan allo Chablis premier cru Montmains 2006 di William Fèvre e Beaune premier cru Clos des Mouches di Albert Bichot. Titolo del suo post: “Un tocco di Chablis in Italia”, non so se mi spiego.
Infine, ecco Doctor wine Daniele Cernilli, che sul Gambero Rosso di settembre assegna 92 punti al Vermentino di Gallura Monteoro 2008 di Sella & Mosca si becca 92 punti. E l’esperto Carlo Macchi che non lesina elogi per il Soave, “gigante con la faccia da bambino”.
Ora, dovessimo inviare un cartone di 6 bottiglie a Eric Asimov, per spiegargli che se un Soave basic lo ha entusiasmato, certi bianchi italiani potrebbero addirittura farlo innamorare, quali vini scegliereste? Ripeto, 6 etichette (e non di più) per mandarlo fuori di testa. Quali?
[immagine di Ugo Pierri, “Tarocchi – il matto”]
avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

30 Commenti

avatar

Kapakkio

circa 10 anni fa - Link

Faccio uno spot alla mia regione: Fiano di Avellino Marsella 2007 Greco di Tufo Vigna Cicogna Benito Ferrara 2007 Coda di Volpe Vadiaperti 2007 Pallagrello Bianco Fontanavigna Terre del Principe 2008 Falerno del Massico Bianco Moio 2007 Pietraincatenata 2007 Luigi Maffini

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

dovessimo scegliere UN campano mondiale, ma uno solo e senza appelli ma d'annata - non giovane, quale (anche oltre quelli indicati)?

Rispondi
avatar

Kapakkio

circa 10 anni fa - Link

Guido Marsella 2004

Rispondi
avatar

Stefano Caffarri

circa 10 anni fa - Link

Soave Bine de Costìola di Tamellini Eisacktaler Sylvaner Taschlerhof Lahner Verdicchio Villa Bucci Riserva Rebola La Ginestra Podere Vecciano Erbaluce di Caluso T Cieck Colli di Luni Viasso Walter de Battè per Prima Terra.

Rispondi
avatar

Il Fermentatore

circa 10 anni fa - Link

Fonte 40 Poggio argentiera Lauro La regola Tuvaoes Cherchi Vermentino Perolla San Felice. Capichera Vendemmia tardiva Ribolla Gialla Gravner

Rispondi
avatar

gianpaolo

circa 10 anni fa - Link

oustia!

Rispondi
avatar

nicola a.

circa 10 anni fa - Link

I primi in mente Trebbiano Valentini Soave La Rocca Pieropan Terre Alte Felluga Gewurtztraminer Nussbaumer Sauvignon Sanct Valentin C.P. scontato Cervaro della Sala

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

Iniziamo a scremare sennò non si arriva al dunque, pescando annate ritenute di valore e, possibilmente, belle "vecchiotte" per stupire un pò, questi 3 intanto li metterei a bordo: - Cervaro della Sala 1994 (non può mancare) - Trebbiano d'Abruzzo Valentini 2002 - Villa Bucci Riserva 1988 Poi?

Rispondi
avatar

VignereiMaNonPosso

circa 10 anni fa - Link

Soave “La Rocca”2007 di Pieropan Verdicchio di Matelica 2006 di La Monacesca Fiano di Avellino di Pietracupa Pietramarina di Benanti (assaggiato un 1997, strepitoso) Trebbiano di Valentini

Rispondi
avatar

Francesco Fabbretti

circa 10 anni fa - Link

Onestamente, prima di andare a scomodare i vini di chablis e di beaune di livello esiterei più di un istante. comunque: - Benito Ferrara: Greco di Tufo Vigna Cicogna - Valentini: Trebbiano - Livio Felluga: Terre Alte - Josko Gravner: Breg Anfora - Villa Bucci: Verdicchio Classico dei Castelli di Jesi Riserva - Terlaner Kellerei: Chardonnay 1997

Rispondi
avatar

M.Grazia (Soavemente)

circa 10 anni fa - Link

Per la verità, pur annotando il grande valore dei vini bianchi italiani, Asimov, nell' articolo citato paragona soltanto il Soave allo Chablis. Ed è questo che garantisce il New York Times. Ho sempre pensato alla cantina di Nino Pieropan come a un angolo di Borgogna. Oltre a lui citerei anche: Sandro Gini con il Soave Contrada Salvaremza Sabino Loffedo (Pietracupa) con il Greco di Tufo Natalino Crognaletti (Fattoria San Lorenzo) con il Verdicchio Riserva Ambra e Franco Tiraboschi ( Cà Lojera) con il Lugana Riserva del Lupo. Sandro Gini con il Soave Contrada Salvaremza.

Rispondi
avatar

maraf

circa 10 anni fa - Link

Sarà un lapsus freudiano ma sono d'accordo con Maria Grazia nel citare Contrada Salvarenza 2 volte. Aggiungo anche che, a mio parere, se il termine di confronto è la Borgogna e in particolare lo Chablis, è più, come dire, confrontabile il Contrada Salvarenza che la base di Pieropan. Per quel che ci capisco io, mi pare che sia La Rocca il vino di Pieropan più borgognone. A meno che non ci sia nel Soave base di Pieropan una contaminazione con Chardonnay... ma allora è tutto un altro paio di maniche. . Ciao

Rispondi
avatar

M.Grazia

circa 10 anni fa - Link

Un saluto, maraf... Probabilmente è un lapsus freudiano (diciamo che ho usato male il "taglia e incolla"). Concordo pienamente con te... Se Asimov paragona allo Chablis il Soave base di Pieropan (quello che sarà venduto negli U.S.A. con il tappo a vite) a maggior ragione il cru La Rocca, il Salvarenza e molti altri Soave - a mio parere - sono ancor più calzanti nel paragone. Grandi bianchi italiani alla riscossa ? Una bianchista come me non può che esultare... Saluti.

Rispondi
avatar

La linea dell'inutile (Mauro)

circa 10 anni fa - Link

a uno che si entusiasma per il vermentino ne bastano 4 per uscire di testa :), e quattro "cattivissimi" Gravner - ribolla Podversic - kaplia Paraschos - kai oppure not Radikon - jakot

Rispondi
avatar

Christian Bucci

circa 10 anni fa - Link

La mia personalissima cassa: Trebbiano Valentini ( 2002 o 2004 ) Il San Lorenzo( verdicchio ) Fattoria San Lorenzo( 2002 o 1997 ) Pinot Grigio Dario Princic 2006 Don Chisciotte Fiano 2006 Il Tufiello Sacrisassi Bianco 2006 Riesling Kaiton Kuenhof-Peter Pliger 2006 ...

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 10 anni fa - Link

Il Sacrisassi di Flavio Basilicata e Silvana Forte de Le Due Terre non è un monovitigno ahimè, e dunque pur essendo uno dei grandi non entra in questa "classifica"...

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 10 anni fa - Link

... ci infilerei senz'altro sia Natalino Crognaletti di Fattoria San Lorenzo (bene che sia saltato fuori...) con il Vigna delle Oche Riserva -e un San Lorenzo 1997 ad abundantiam e Benjamin Zidarich con la sua Malvasia.

Rispondi
avatar

Christian Bucci

circa 10 anni fa - Link

Azz...Giustissimo... Non avevo letto bene... Allora cambio volante con Pietramarina 1991 di Benanti...

Rispondi
avatar

Daniele Sala

circa 10 anni fa - Link

Villa Fidelia Bianco - Sportoletti Vallée d’Aoste Chardonnay Cuvée Bois - Les Crêtes Alto Adige Gewürztraminer Kolbenhof - Hofstätter Colli Orientali del Friuli Rosazzo Terre Alte - Livio Felluga Vernaccia di San Gimignano Evoè - Panizzi Verdicchio dei Castelli di Jesi Class. Sup. San Michele - Bonci

Rispondi
avatar

Alessandro Morichetti

circa 10 anni fa - Link

Ovviamente l'equivalenza Chablis=Vermentino è stata una nostra "benevola" forzatura, ampiamente esplicata nel testo. Ricapitolando: - Cervaro della Sala 1994 (dovendo sceglier uno chardonnay, potremmo mettere questo ben sapendo di lasciar fuori etichette illustri) - Trebbiano d’Abruzzo Valentini 2002 - Verdicchio dei castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 1988 (più di un verdicchio non si può, mi spiace per Natalino Crognaletti) - Ribolla Gialla "Anfora" Gravner 2001 (la prima tutta in anfora, se non erro, assaggiata di recente da Alder Yarrow su Vinography: dovendo scegliere uno dei bianchi "strani", prenderei il padre di tutti, no?) Ora, rimarrebbero 2 posti da occupare scegliendo tra i vari, tanti, troppi..: - Etna bianco superiore Pietramarina di Benanti (il fascino e la salinità dell'Etna, 1997? 1991?) - Terre Alte di Livio Felluga (citato da molti, non saprei dire un'annata da leggenda) - qualcosa dell'Alto Adige (Nussbaumer sarebbe rappresentativo o c'è qualcosa di superiore, anche spaziando tra altri vitigni?) - Soave La Rocca Pieropan (annata?) ps: we hope Eric Asimov to read our suggestions and accept our challenge about a fabulous "Intravino Judgment" (andiamo in fissa con le sfide, è chiaro!)

Rispondi
avatar

maraf

circa 10 anni fa - Link

io continuo a preferire, al pur ottimo Pieropan La Rocca, Gini Contrada Salvarenza (il 2007 è appena uscito ed è, parere personale, "micidiale", ma anche il 2006 è di grande levatura come confermano anche le guide ed. 2009). Dei vini di Pieropan preferisco Calvarino nel quale l'interpretazione della Garganega è più espressiva e personale (Calvarino 2007 ****). La Rocca va benissimo per gli Inglesi e gli Americani a cui credo sia dedicato. Comunque ci sono almeno altri 4 produttori nella zona di Soave e dintorni che potrebbero far innamorare con il loro vino.

Rispondi
avatar

Kapakkio

circa 10 anni fa - Link

Hai dimenticato un vino del sud (Fiano d'Avellino 2004 Marsella provato qualche mese fa è strepitoso) e in più io lo chardonnay non lo metterei ma punterei solo su vitigni autoctoni.

Rispondi
avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

Largo ai giovani: Zibibbo secco di Barraco, e agli estremi Massa Vecchia bianco (vermentino sic!) vinu Jancu di Foti. luigi ps a Pieropan preferisco Monte Tondo a Bucci Crognaletti

Rispondi
avatar

luigi fracchia

circa 9 anni fa - Link

Aggiungerei Timorasso di Walter Massa costa del vento dall'A.A. Pacherhof Silvaner alte reben 2005 provocherei con Baccabianca di Guido Zampaglione luigi

Rispondi
avatar

Bereilvino

circa 10 anni fa - Link

Se e' vero che Eric Asimov si entusiasma con un Soave base, allora in questo caso non gli manderei nessuna bottiglia, me le berrei tutte io.

Rispondi
avatar

Luca Risso

circa 10 anni fa - Link

Si è partiti dal vermentino, e si è parlato di tuttaltro, pure con un po' di ironia. Invece il vermentino (ligure preferibilmente :-) ) è davvero un vitigno/vino meritevole di maggior fortuna. Soprattutto il vermentino insieme ad altri vitigni mediterranei è oggetto di dibattito e ricerca in America (da cui la notizia in oggetto) e in Australia, per sostituire lo chardonnay, che proprio nei climi caldi australi e californiani non eccelle. Non ricordo nemmeno la bottiglia portata da Obama al G8.. Quindi c'è poco da scherzare, direi! Luk

Rispondi
avatar

PaoloSchivon

circa 10 anni fa - Link

La mia personale, Alessandro.... Dei grandi Bianchi Italiani...Vi siete dimenticati almeno di prendere in considerazione il Vermentino di Dettori soprattutto in Sardegna e lo Chardonnay di Isole e Olena, concordo con Contrada Salvarenza, il Tocai di Borgo del Tiglio, l'intammontabile Gay Rey, e quello di Le Cretes, naturalmente se vogliamo parlare di stile...italiano!

Rispondi
avatar

davide bonucci

circa 9 anni fa - Link

In ordine sparso, non proprio le prime che mi vengono in mente, ma nemmeno una top 6 definitiva: Verdicchio di Jesi Gaiospino Coroncino 2000 Verdicchio di Jesi Riserva Serra Fiorese Garofoli 1999 Verdicchio di Matelica Collestefano 2006 Trebbiano d'Abruzzo Valentini 1992 Trebbiano Spoletino Antonelli 2008 Vernaccia di San Gimignano Montenidoli

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.