vini di sardegna

Qualcosa di dolce, qualcosa di sardo

Qualcosa di dolce, qualcosa di sardo

La Sardegna è la mia terra del ricordo: la scia bianca e fragorosa del vecchio traghetto delle Ferrovie dello Stato, la piccola isola di Tavolara all’orizzonte che ti avvisa che è ora di sbarcare, i profumi di elicriso, mirto, rosmarino … continua »

Sella & Mosca, capofila di una nuova Sardegna

Sella & Mosca, capofila di una nuova Sardegna

I numeri di Sella & Mosca sono sempre stati impressionanti: seicentocinquanta ettari di tenuta tra le più belle del mondo e più imponenti d’Europa, compreso il vigneto a corpo unico più grande nella nostra penisola ad Alghero, tre territori diversi … continua »

Le tre declinazioni del Berteru, nel cuore di Mamoiada

Le tre declinazioni del Berteru, nel cuore di Mamoiada

Pensare a Mamoiada senza esserci stato mai. Assurdo.

Le vigne, le mani callose, la zolla-altarino buona per ogni messa? No, non è questo che mi manca: non mi riguarda. Certo, andare nei posti, toccare e vedere cose e persone un … continua »

Mamojada Vives 2020: i nostri assaggi – parte seconda

Mamojada Vives 2020: i nostri assaggi – parte seconda

Quella che segue è la seconda parte degli assaggi di MamojaDa Vives, la panoramica sui vini dei produttori locali messa a disposizione dal consorzio sardo. Il lockdown non ci ha permesso la visita al territorio ma, in compenso, i … continua »

Pensamentu, il fascino discreto della Romangia

Pensamentu, il fascino discreto della Romangia

“Tanta suggestione hanno dunque su di te le affabulazioni d’un grafomane?” (Italo Calvino, Se una notte d’inverno un viaggiatore)

Faccio cose, vedo gente, bevo vino e ne scrivo in modo più o meno strutturato. I contenuti? Random. Cosi, una mattina … continua »

Sabbie nobili di Sardegna

Sabbie nobili di Sardegna

“Ho recuperato queste viti che furono di mio nonno…
Su piede franco. Pochi ettari. Faccio quasi tutto da solo…” 

Va bene, fatte queste premesse ho un po’ di ingredienti per scrivere di retorica e qualche domanda stile protocollo “naturale”. Solfitazione? … continua »

Vosté, il cannonau in taffetà

Vosté, il cannonau in taffetà

Primavera ancora in letargo eppure, a leggere il calendario, quasi in corto finale. Sta per chiudersi la stagione dei rossi ciclopici, delle barley wine e delle lenzuola in flanella.
Basta pastrano e galoche, urgono cose leggere, impalpabili, sussurrate: taffetà!
Impossibile … continua »