twitter

Il nuovo collaboratore di Robert Parker è un cane o sono finito sul tweet sbagliato?

Regola numero uno del galateo social: se il tuo fegato ha un tasso alcolico a due cifre, spegni immediatamente lo smartphone o potresti pentirtene. La rete in un attimo copia, rimbalza e cancellare da sobrio ciò che hai scritto … continua »

Lo stato dei media vinosi nel 2013. Apparentemente un altro post di fine anno riassuntivo di qualcosa

Se non ne avete ancora abbastanza di quei post di fine anno, sul genere “Dieci vini che nel 2014 vi aiutano a sedurre la collega” oppure “Sette spumanti sotto i sei euro seriamente significativi”, probabilmente siete pronti per il concettuoso … continua »

Il vino italiano più citato dagli stranieri su Twitter potrebbe spedire dallo psichiatra un bel po’ di gente

No, non è il Brunello e nemmeno il Barolo o il lanciatissimo Prosecco. Quando all’estero si parla di vino italiano la star di Twitter è una sola: sua maestà il Chianti. A scoprirlo è un algoritmo della società Almawave che … continua »

Fenomenologia del campioncino. Ovvero: gestisci il blogger assetato del tuo vino (gratis, ovviamente)

Davide Cocco è uno che la sa lunga. Solo un geniaccio situazionista del uebbe come lui poteva accrocchiare una roba divertente come Campioncini, un Tumblr che raccoglie le più bislacche richieste di sample gratuiti da parte di sedicenti (o … continua »

Nuovi wine blogger twittano entusiasti: Enrico Letta, per esempio

Il Presidente del Consiglio Enrico Letta, impegnato negli incontri relativi al G20 che si tiene in questi giorni a San Pietroburgo, ha trovato il tempo di twittare con entusiasmo un dettaglio della cena di ieri sera: “Piccolo particolare di cronaca, … continua »

Il vino ai tempi di Facebook: quanto è social la tua cantina?

Può la passione per il vino non legarsi a doppio filo con il social network più conosciuto del mondo? Impossibile! Così come è impossibile indicare un numero preciso degli amanti del buon bere che su Facebook superano ragionevolmente – i … continua »

Vino da recensioni | La cuvée journaliste esiste veramente e io casco dal pero

A pensar male si fa peccato ma si indovina. Oppure, se preferite: i complottisti avevano ragione. Potremmo metterla in altri modi, ma questo per me è un brutto risveglio. Come molti abitanti dell’enosfera, anche io da tempo sento fare discorsi … continua »

Vinerie vintage. Quella cosa che “un’immagine vale mille parole”

Non penserete certo che i media sociali siano solo Facebook e Twitter. Sarebbe bello. E invece il flusso scorre in un numero di rivi infiniti e non tutti notissimi: ci sono i proto social come il semidefunto FriendFeed, c’è Tumblr, … continua »

Netnografia. Perché dovrebbe interessarvi, anche se pare un’analisi biomedicale

Gentili signore e signori, vi diamo il benvenuto all’interno di uno di quegli irritanti post in modalità “io ve l’avevo detto”. E che vi avevo detto, io? Vi avevo detto, credo, che sta succedendo, da un bel po’, questa robina … continua »

Qual è il vino più citato nei social network?

Qual è il vino più citato nei social network? Difficile da stabilire, visto che le classifiche spuntano come i funghi. Sullo chardonnay sono tutti d’accordo ma dal secondo posto in poi le classifiche divergono. Per Wine-Searcher sul podio ci sarebbe … continua »

Labatt bad taste | Ucciderei per questa birra. No, aspetta…


Fino ad oggi avete vissuto bene senza sapere chi sia Luka Magnotta. D’altra parte un porno attoremaniaco omicida, ed infine cannibale, è il genere di cittadino del mondo che non frequentiamo assiduamente. Nemmeno sapevate, forse, cosa … continua »

Non so come dirtelo ma te lo dico lo stesso: il prezzo sorgente non esiste

Ieri è stata una giornata divertente per chi segue gli enofanboy su Twitter: si parlava di prezzo sorgente. Discutere via Twitter, con il limite di 140 battute, è uno sforzo letterario sempre ammirevole, perché certi topic forse hanno bisogno di … continua »