spumante

Osteria senza oste. Ma la Guardia di Finanza c’è

L’idea dell’osteria senza l’oste mi è sempre piaciuta e non ho mai perso l’occasione di portare gli amici che vengono da fuori a visitare questo posto incredibile. Un luogo meraviglioso, a Santo Stefano, sulle colline di Cartizze, nel bel mezzo … continua »

Stappa uno spumante alla Provincia di Milano e lacera preziosa tela del settecento. Caccia all’assessore

Ci sono almeno due buoni motivi per non stappare uno spumante in modo rumoroso, “facendo il botto”. Innanzitutto lo spumante passa da una pressione atmosferica ad un’altra in modo troppo repentino, creando una specie di shock che ne compromette l’equilibrio, … continua »

Dagli abissi dei fondali agli abissi della concussione. C’è chi ha detto no

La Notizia. Pierluigi Lugano non ha bisogno di grandi presentazioni: rocambolesco produttore di vini del Levante ligure, decise di inabissare il suo metodo classico, rimettendo in mare ciò che gli antichi relitti dei galeoni hanno più volte restituito intatto, cioè … continua »

Il Mosnel, ovvero, la Franciacorta tra passato e futuro

Pare che in Italia venga perdonato tutto tranne il successo. È forse questa una delle principali caratteristiche del Franciacorta, denominazione capace di una reale polarizzazione dei consumi (l’80% della produzione viene consumata in loco) che per una presunta eccessiva benevolenza … continua »

Sebastian Stocker | I vini figli dell’ombra

Le mani di Sebastian Stocker sono mani di artigiano, dotate di una intelligenza propria. Sono mani forti, fini, eleganti, tornite dal lavoro. Era il 1955 quando hanno aperto per la prima volta le porte della Cantina Sociale di Terlano. … continua »

Trento Doc, i metodo classico trentini sul palcoscenico. Molti applausi, pochi fischi, e pure un bis

Siete al corrente del fatto che c’è la crisi, immagino. Quindi una bella degu di metodo classico trentini quasi sottocasa ha improvvisamente un appeal tutto particolare: si risparmia in trasferte. Ringrazio il team di GoWine, che ierisera era nella mia … continua »

Anche il Durello Festival ha diritto a 15 minuti di celebrità

Riassunto delle puntate precedenti: siamo nel Mesozoico superiore e la spinta di un irruento perlage magmatico solleva il fondale della Tetide fra le province di Verona e Vicenza, modellando le rotondità della Valpolicella, del Soave e infine dei Monti Lessini. … continua »

Cruasé Rossetti & Scrivani, la bollicina rosa è definitiva

Ho appena finito di bere quasi mezza bottiglia del Cruasé di Costaiola. Attenzione: ho detto bere, non assaggiare, quindi questo post è sperimentale per molteplici aspetti: di fatto sto scrivendo sotto gli effetti dell’alcol. Allo stato attuale … continua »

Bollicine immorali | Sorseggiare champagne aspettando la rivoluzione è di sinistra?

Gli scontri di Arcore hanno mandanti precisi che si guardano bene dallo sporcarsi le mani o rischiare in piazza una manganellata. Sono i signori che sabato hanno aizzato la piazza contro Berlusconi al caldo del Palasharp di Milano e continua »

Mai sentito parlare del Brachetto di Chianciano Terme?

Premessa: quello che stiamo per raccontarvi ha dell’incredibile ma è tutto vero. I personaggi e i fatti sono reali, noi ci limiteremo ad immaginare le situazioni. Scena prima, interno giorno. Siamo nel ridente paesino di Acqui Terme. Il presidente del … continua »

Pentimenti di Capodanno | Le bollicine italiane

L’aria natalizia ha contagiato anche noi e almeno per Capodanno ci sforziamo per essere più buoni. Anche se certi inviti ministeriali a brindare italiano sembrano un po’ di parte, non neghiamo che qualche spumante di casa faccia gola a chiunque … continua »

Champagne e bollicine: the power of love

Ieri sera guardavo Voyager, programma RAI assai scientifico. Spiegava che il mistero del triangolo delle Bermude era risolto: le navi e gli aerei sparivano, annichiliti da gigantesche bolle di metano che si sprigionavano dal fondo. Niente alieni grigi, niente … continua »