james suckling

Fu vero Bordeaux? Bolgheri, il Médoc de noantri a Divino Tuscany

Sebbene messi parzialmente in ombra dal fenomeno Brunello di Montalcino, che ha catalizzato molto più interesse dei Supertuscan durante i Grand Tasting – grazie anche all’hype sul duello 2006-2007 creato da Suckling stesso – i pezzi da novanta bolgheresi hanno … continua »

Divino Tuscany in casa di Sting è come il festival dell’Unità, solo un po’ più figo

No, non ci posso credere, ditemi che sto su “Scherzi a parte”. Io invitata a pranzo a casa di Sting. Quello vero, non sto scherzando, la star dei Police. Quello che per diventare toscano s’è comprato la villa di uno … continua »

Merlot di Toscana a Divino Tuscany: seta rossa o veri vini?

Uno degli eventi più attesi di Divino Tuscany era lo showoff dei migliori Merlot toscani, davanti allo stiloso Master of Wine Ned Goodwin – già definito dalla critica femminile “un incrocio tra Johnny Depp e Robert Downey Jr”. Una tipologia … continua »

Chateau Pétrus | 1945, 1947, 1948, 1949, 1951, 1952, 1953, 1954, 1955, 1957 ecc.

Io 13.200 euro da spendere nella più fantasmagorica degustazione del sistema solare non ce li ho e anche se li avessi non me li fotterei certo per assaggiare in due giorni CINQUANTASETTE (gasp!) annate di Chateau Pétrus a partire… continua »

Il ritorno dell’uomo che stava sempre dalla parte giusta del bonifico

Forse non tutti sanno che la vendita del vino in Canada è riservata al monopolio di stato (Société des alcools du Québec) come per i tabacchi in Italia. Periodicamente la SAQ lancia degli avvisi pubblici (tender) per l’acquisto … continua »

Scopri l’intruso | Wine Advocate, Wine Spectator, Wall Street Journal, Intravino. E Bruno Vespa

Lo stand di Querciabella a Vinitaly esibiva con fierezza un dazebao con estratti di recensioni incensanti: Antonio Galloni per Wine Advocate, Luigi Veronelli su Ex Vinis. E poi Hugh Johnson, James Suckling… Bruno Vespa con Panorama. E Andrea Gori per … continua »

Questa rassegna s’ha da rifare | Divino Tuscany ritorna, save the date: 17-20 maggio 2012

In apertura, un bel disclaimer: da queste parti ci piacerebbe aver assaggiato anche solo i fondi di bicchiere di tutto il ben di Dio che sorseggia, normalmente, James Suckling. Ed è chiaro che rosichiamo a paletta, perché Divino Tuscany è … continua »

Madonna Germofobica non è la bestemmia del giorno ma solo una winesnob in più

Le precarie condizioni igieniche della stalla di Betlemme c’entrano poco e, comunque, sulla fiatella del bove potremmo discutere per ore. La Madonna Germofobica di cui si parla in questi giorni è l’autrice di Like a virgin che, mi dicono (io … continua »

Una lacrima sul viso e le 9 Riserve 2007 dei Produttori del Barbaresco

Bruce Sanderson (Wine Spectator) si spara 3 cantine al giorno nelle Langhe per recuperare il tempo perso da James Suckling dietro ai “soliti noti” e io da bravo segugio gli corro dietro. L’altra mattina a momenti non prendevo cappuccino e … continua »

Idee geniali | Come falsificare Sassicaia? Con un altro Sassicaia, ovviamente

“A fake 1985 Sassicaia in China”, scrive accorato in questo tweet James Suckling. Un Sassicaia falso in Cina? Prima di fare ironie sull’attitudine cinese ad ispirarsi alla creatività altrui, ricordiamoci che l’industria del falso, riferita alle etichette cult, prospera … continua »

Divino Tuscany | James Suckling: e se avesse ragione lui?

Partiamo dai numeri: 53 produttori presenti, 300 biglietti venduti a 1500 euro circa, 6 location di altissimo livello dove si sono svolti gli eventi, cena con il catering di Galateo Ricevimenti e Pinchiorri con 500 persone presenti. Le premesse per … continua »

Divino Tuscany | L’intervista a James Suckling

Che ci fa Intravino tra le sale scintillanti di Divino Tuscany? Beh, ovvio, intervista Divino Suckling, l’organizzatore della “manifestazione che mai gli italiani sarebbero riusciti a organizzare”. Volete sapere come sta andando? Così a occhio direi di gran lusso: … continua »