enoteca

Lista di locali a tutto vino che valgono il viaggio

In questo sito di enomaniaci non credo di essere l’unico cui capita spesso di entrare in un locale fiondandomi sulla carta dei vini mentre tutti si concentrano sul menù. Per correttezza dico anche che ho le scatole piene di ogni … continua »

5 cose da non fare entrando in un’enoteca (almeno 5)

A forza di leggere decaloghi e classifiche nel network dissaporiano, pure io contribuisco alla compilazione. Dato il mestiere che faccio (l’enotecaro) proverò a dipingervi alcuni tipi umani che frequentano l’enoteca, per dissuadervi dal tenere tali atteggiamenti: sono tutti veri, … continua »

Chi eliminiamo oggi?

Mi rivolgo a te, produttore, che baci le tue bottiglie prima di farle partire verso l’ignoto. Semplificati la vita, e taglia i rami secchi di una filiera lunga come la quaresima. Insomma, decidi tu come dev’essere il commercio del vino … continua »

Viniamo.it | Lo smanettone colpisce ancora

A fare il debugger, ovvero il collaudatore di siti, ci si prende gusto. Oggi tocca a Viniamo.it, “the magic wine shop“, recente sito dedicato alla vendita online – di cosa non lo preciso, va bene?

Come … continua »

Com’è l’enoteca dei vostri sogni?

A volte mi chiedo come sarebbe la mia enoteca se mai riuscissi ad aprirne una. Considerando il budget limitato, sarebbe uno spazio piccolo eppure molto curato, tipo questo.

Sulle prime potrebbe sembrare un negozio di design, me ne rendo conto. … continua »

Dialogo fra sordi / 2

Conversazione reale origliata ieri al ristorante.

Sommelier: Visto che non vuole esagerare con la spesa, le consiglio in abbinamento con lo spezzatino ordinato questo buon vino rosso. Costa 15 euro, un ottimo rapporto qualità-prezzo

Cliente: Si, … continua »

Dialogo fra sordi

Dialogo immaginario tra enotecario e ristoratore.

Ristoratore: …te l’ho già detto e ripetuto un migliaio di volte: la stessa bottiglia di vino nel mio ristorante costa di più perchè io ho costi di gestione più alti, chiaro?
—… continua »

L’etichetta in minigonna e tacchi a spillo

“Mi spiace, la volevo più cafona”. Click, fine della telefonata e cliente perso.
Capita ogni tanto un benservito, ma questo, giuro, devo ancora metabolizzarlo. In genere capita quando il cliente è la piccola cantina che tenta lo sbarco nel supermercato: … continua »