carso

L’osmica, il segreto del Carso è tutto qui

L’osmica, il segreto del Carso è tutto qui

“ Dove il giorno ferito/
Impazziva di luce”
(Diaframma)

Sono una sentimentale. Quando bevo mi piace immaginarmi vampiro che succhia la linfa vitale del vino in cerca dell’ebbrezza degli echi che in me delle corde che riesce a far vibrare, … continua »

Teranum Offstage #6 In diretta dal canale della Manica

Teranum Offstage #6 In diretta dal canale della Manica

Sesta puntata di Teranum Offstage con Veit Heinichen, Sandi Skerk (e il Terrano) e Martin Merlak (e il Refosco) ospiti del ristorante Dal Checo. Parola allo scrittore, per iniziare: Heinichen racconta il suo esordio triestino, il primo bicchiere di … continua »

Cronache Marziane #4 – The Earth Man 

Cronache Marziane #4 – The Earth Man 

Scoprire un vino fuori del comune fa un certo effetto. Chissà che effetto farebbe mai a un vino fuori del comune, mutatis mutandis, l’essere scoperto. EpisteNologicamente parlando la questione è plausibile e aperta a pressoché infinite soluzioni: il vino-oggetto di … continua »

Teranum Offstage #5 – Jacopo Cossater e i vignaioli del Carso

Teranum Offstage #5 – Jacopo Cossater e i vignaioli del Carso

Arriva la quinta puntata con un’eccezione che conferma la regola o, quanto meno, smentisce un luogo comune: il luogo comune è quello del viticoltore (o dell’oste) carsolino burbero, orso e, soprattutto, laconico. Dalla Trattoria Sociale di Gabrovizza Stanko Milič demolisce … continua »

Teranum Offstage #3 – Andrea Petrini e le osmiza di Zidarich e Milič

Teranum Offstage #3 – Andrea Petrini e le osmiza di Zidarich e Milič

Il terzo appuntamento di Teranum Offstage ci lascia, così come le prime due, la bocca buona e alcune rassicuranti certezze: la prima è come si possa tranquillamente saltabeccare tra volti noti e meno noti, ritrovandosi ugualmente affezionati ai primi e … continua »

Teranum Offstage #1 – Elena Brussa-Toi e i vini di Rado Kocjančič e Dimitri Cacovich

Teranum Offstage #1 – Elena Brussa-Toi e i vini di Rado Kocjančič e Dimitri Cacovich

Il Carso non è solo il paese di calcari e di ginepri che abbiamo studiato in Quinta Superiore ma molto di più. Il più è anche in quel vino di cui forse scrisse per primo nientemeno che Plinio il Vecchio:… continua »

Teranum Offstage, il Carso in 7 dirette con i produttori

Teranum Offstage, il Carso in 7 dirette con i produttori

“La Bellezza non è altro che il contenuto sacro ch’è racchiuso in ogni cosa, in ogni essere vivente, in ogni erba, in ogni stelo, in ogni pietra.”
Srečko Kosovel

Se il Carso ha ancora dei confini, sono la luce e … continua »

I vini di Andrej Kristancic, meglio conosciuto come Nando

I vini di Andrej Kristancic, meglio conosciuto come Nando

Esistono alcuni personaggi nel mondo del vino la cui definizione di “Giovane promessa” oppure “Ne sentiremo parlare presto” ogni anno si ripetono e mentre passano le stagioni loro continuano a vendemmiare come hanno sempre fatto, è nel loro DNA magari … continua »

Ein Prosit, 6 super vini bianchi del Collio

Ein Prosit, 6 super vini bianchi del Collio

La grande stagione del bianco friulano ha caratterizzato gli anni ’90 e 2000 della nostra enologia, e il primato di quei vini ha proiettato questa regione sulla ribalta nazionale e mondiale. Poi c’è stata una battuta d’arresto forse fisiologica, il … continua »

A Teranum 2018 ho perso di nuovo la testa per etichette zeppe di consonanti

A Teranum 2018 ho perso di nuovo la testa per etichette zeppe di consonanti

Ho partecipato a Teranum e i vini rossi del Carso 2018 in compagnia di Monica Coluccia ed Emanuele Giannone, con i quali ho condiviso il tavolo di degustazione dal tema “Il vino della lontananza. Storia di affetto e passione”. 

Difficile … continua »

Edi Kante, tutti i vini e le rivoluzioni di un uomo di confine

Edi Kante, tutti i vini e le rivoluzioni di un uomo di confine

Scavare con la dinamite per 20 metri sottoterra, sperando di trovare una grotta e incappare invece nella roccia madre di Minecraft. Strappare sassi dalla terra, e sostituirli con terra rossa nelle doline, per ricavare ettari di vigneti. Affrontare poi il … continua »

Bela 2011 di Čotar e Luigi Malabrocca. Il talento di arrivare ultimi e regalare qualcosa

Bela 2011 di Čotar e Luigi Malabrocca. Il talento di arrivare ultimi e regalare qualcosa

Anche per arrivare ultimi ci vuole talento e il più grande è stato Luigi Malabrocca. Sono gli anni del dopoguerra e il leggendario ciclista è l’unico a vincere due volte consecutive la maglia nera, che ai tempi è riservata all’ultimo … continua »