barbera

Il vino in cucina, istruzioni per l’uso. Specie quando non capisci niente di vino

Premessa dovuta: di vino capisco poco o niente ma cucino, con alterni risultati, quindi per me diventa ingrediente. Quando il frigorifero ancora non esisteva era un conservante, specialmente per la carne che, lasciata a bagno nella bevanda di Bacco, marinava. … continua »

Forse dovresti cambiare mestiere

Fossi in voi, non parlerei mai con uno come me. Troppo figlio di puttana. Ma mia madre è una santa donna, quindi il primo che acconsente lo querelo. Perché la regola vale ora come allora: il meglio delle conversazioni … continua »

Storia di un blitz | Il Ruchè a Barolo è colpevole, se vi pare

Il bicchiere è mezzo pieno. Di rimandi d’uva, cura del vigneto e fatiche di cantina. L’altra metà, impercettibile a narici e papille, è legislazione, carte, prelievi, controlli, verbali, obblighi e divieti; talvolta così sciocchi e paradossali da gettare ombra sulla continua »

Il futuro delle enoteche è online? Intravino regala 10 euro da spendere su Doyouwine

Nel migliore dei mondi, il lettore di Intravino vivrebbe uscendo da una cantina per entrare in enoteca, con pausa solo per lo sport più ambito: salto in lungo verso il buffet e doppio carpiato dall’antipasto al dolce. La realtà è … continua »

Outing | Preferite il vino acido, tannico o fruttato?

Acido, tannico e fruttato sono le tre sensazioni principali che il palato percepisce quando beviamo il vino. L’acidità risveglia le papille gustative e le incita a produrre saliva. Rende il vino fresco e bevibile ed è l’ideale sui cibi molto … continua »

Il territorio del Barbera d’Asti Superiore di Nizza nella lettura di Cascina Garitina

Nizza è una terra che in qualche modo è anche un mare. Un mare di colline che si perdono a vista d’occhio, cavalloni in tempesta che sbatacchiano le contrade di qua e di là come gozzi alla deriva, infrangendole su … continua »

Vajra o la spiritualità del terroir Barolo | Perché nella Langa si è solo custodi

Tra i tanti celebrati cru del Barolo, il Bricco delle Viole ha da sempre un nome fortunato, ed una magia tutta sua. Il peccato più grande sarebbe quello di limitarsi a conoscere solo questa gemma preziosa, senza scoprire le piccole … continua »

I Barolo di Cavallotto e il rotomaceratore al servizio del bene

Come si fa a gestire in maniera artigianale un cru storico come il Bricco Boschis in Langa? Per esempio lavorando senza dogmi e preconcetti. Con il continuo confronto, interrogandosi sui mezzi possibili che la tecnologia mette a disposizione, senza precludere … continua »

Barolo & cigarettes | I vini di Rino, quello alto

Appartengo senza se e tanti mah alla schiera dei seguaci di Bacco&Tabacco. Venere ci starebbe di lusso, ma non è questo il momento né il blog. Siamo quelli avvolti nella nube di fumo, gli specialisti della pausa alle uscite d’emergenza … continua »

Marina Marcarino, Punset e la declinazione bio di Neive

Ho conosciuto Marina Marcarino a metà Dicembre; da lei mi hanno condotto la curiosità, i racconti degli amici ed alcuni assaggi precedenti. La sua azienda si chiama Punset ed è appena fuori Neive, dietro l’angolo insomma. Eppure arrivare da lei … continua »

Flavio Roddolo, Monforte e lo scorrere del tempo

La giornata è di quelle che ti aspetteresti in Langa d’inverno: il freddo che punge, l’aria ferma, i suoni ovattati. La strada verso Monforte, sembra sfidarti a suon di curve e ghiaccio, tant’è che arrampicarsi sulle salite e infine lungo … continua »

Perdere la verginità senza spendere una fortuna (tra le corsie del supermercato)

È inutile che fate quelle facce schifate: so benissimo che molti di voi hanno perso la verginità alcolica tra le corsie di un supermercato, per cui zitti e mosca. Oggi si distribuiscono buoni consigli per chi vergine ancora lo è, … continua »