Trovata!

di Antonio Tomacelli

Continua la nostra “Campagna per l’abolizione dei concorsi vinicoli inutili e dispendiosi”. La foto, scattata ad un giudice dell’International Wine Challenge di Londra, dà più o meno l’idea di quante siano le 10.000 bottiglie partecipanti al concorso. Tante, eh? Per caso c’è anche la vostra in mezzo a questo baillamme?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

1 Commento

avatar

Paolo Cianferoni

circa 12 anni fa - Link

In effetti i concorsi internazionali si sono moltiplicati come i conigli (e le guide, e le fiere e i magazine e i giornalisti). Forse sarà anche a causa di internet per cui la conoscenza di questi concorsi è più facile, ma veramente il troppo stroppia. Tra l'altro credo che ormai questi concorsi servano solo per allietare i giudici, i sommelier e tutto quel che c'è, con grandi bevute a sbafo. Il produttore ignaro di questo, che si lascia trascinare, alla fine dell'anno spende fior di migliaia di euro, ma il ritorno dov'è? Si parla di territorio, si parla di crisi, io credo che i modelli e i comportamenti possono modificarsi per una certa sobrietà proficua per tutti. Aderisco alla campagna. Ci vuole coraggio, ma basta dare vino quì e là. Quello, ho deciso di bermelo io: magari con gli amici o con chi mi viene a trovare. E vaffanc..o il marketing. Sarà quel che sarà.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.