Teranum Offstage #2 – Premi la bocca contro la terra, e non parlare

Teranum Offstage #2 – Premi la bocca contro la terra, e non parlare

di Emanuele Giannone

“Un luogo da noi abbastanza lontano, ma che noi sentiamo molto vicino.”

Questo è il Carso per Sandro Sangiorgi, che aggiunge così la sua a molte formule, già note a noi soprattutto dalla letteratura, che inquadrano questa terra di bellezza austera, a tratti aspra, senza eguali. Alcune di queste formule già note saranno ricordate da Sangiorgi nel corso della puntata; la sua è tuttavia l’incipit più semplice e felice possibile. Ancora:

“Il Carso è uno di quei luoghi dove la viticoltura e la produzione di impostazione naturale sono riuscite a generare una comunità. Una di quelle condizioni molto rare, molto preziose, che in qualche modo giustificano un’idea complessiva di vino naturale e agricoltura naturale […] Un’idea umana di comunità.”

Dei pochissimi ancora capaci di parlare sensatamente di vino naturale, forti per argomenti e non chiassosi per slogan o pregiudizi, Sangiorgi è il più titolato. La cosa non dovrebbe sorprendere, essendo di fatto la storia ultraventennale di lui e di Porthos un nonpareil: ricerca, costruzione teorica, dubbi e soluzioni pratiche. In altre parole, lo svolgimento più ampio possibile di una trattazione sistematica sul vino naturale. Ascoltandolo parlare, immediatamente si nota il contrasto ultramoderno e stridente tra la forza dell’esperienza, del ragionamento e del sentimento da un lato e, dall’altro, l’impostura effimera e fragorosa dell’informazione a effetto, delle mode e delle tifoserie.

“Dei vini mi appassiona quello che si vede lì. La cosa che mi ha immediatamente rapito è la coincidenza tra ciò che si vede e si vive nell’ambiente e ciò che si beve.”

Quello che si vede lì e ci appassiona è anche, in questa seconda parte di Teranum Offstage, la tavola della Lokanda Devetak, luogo del cuore per i tanti che amano il Carso. A quella tavola vedrete, nel video allegato, Avguštin Devetak rinnovare al Carso la sua dichiarazione d’amore e appartenenza, essenziale e senza abbellimenti di convenienza (quindi perfettamente territoriale); e la sempre più invidiata Liliana Savioli rivolgere sberleffi a noi, relegati in un luogo abbastanza lontano e, oltretutto, ancora gravato dal coprifuoco, quando presenta l’abbinamento e pregusta la probabile coda off the air di una cena. Vedrete anche le due figure altrettanto care di Bruno Lenardon da Muggia e Matej Skerlj da Sgonico, due saggi e geni del luogo d’età diversa e uguale dignità: il primo accompagnato dal suo Refosco 2018, il secondo dal suo Terrano 2018.

Per concludere, ascolterete quello che si è letto in limine, scelto da Sandro Sangiorgi:

“Il Carso è un paese di calcari e di ginepri. Un grido terribile, impietrito. Macigni grigi di piova e di licheni, scontorti, fenduti, aguzzi. Ginepri aridi. Lunghe ore di calcare e di ginepri. L’erba è setolosa. Bora. Sole. La terra è senza pace, senza congiunture. Non ha un campo per distendersi. Ogni suo tentativo è spaccato e inabissato. Grotte fredde, oscure. La goccia, portando con sé tutto il terriccio rubato, cade regolare, misteriosamente, da centomila anni, e ancora altri centomila. Ma se una parola deve nascere da te – bacia i timi selvaggi che spremono la vita dal sasso! Qui è pietrame e morte. Ma quando una genziana riesce ad alzare il capo e fiorire, è raccolto in lei tutto il cielo profondo della primavera.

Premi la bocca contro la terra, e non parlare.”

(Tratto da Il Mio Carso, Scipio Slataper).

 

Le altre puntate le trovate qui:

Teranum Offstage #1 – Elena Brussa-Toi e i vini di Rado Kocjančič e Dimitri Cacovich

Teranum Offstage #3 – Andrea Petrini e le osmiza di Zidarich e Milič

Teranum Offstage #4. A Trieste nel caffè di Saba e Joyce

Teranum Offstage #5 – Jacopo Cossater e i vignaioli del Carso

Teranum Offstage #6 In diretta dal canale della Manica

Teranum Offstage #7 Finale di stagione

Sponsor post.

Emanuele Giannone

(alias Eleutherius Grootjans). Romano con due quarti di marchigianità, uno siculo e uno toscano. Non laureato in Bacco, baccalaureato aziendalista. Bevo per dimenticare le matrici di portafoglio, i business plan, i cantieri navali, Susanna Tamaro, il gol di Turone, la ruota di Ann Noble e la legge morale dentro di me.

1 Commento

avatar

Mario

circa 6 mesi fa - Link

Grazie mille! Alla prossima!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.