Marche Tasting: Ribona dei Colli Maceratesi, il nuovo orgoglio marchigiano

Marche Tasting: Ribona dei Colli Maceratesi, il nuovo orgoglio marchigiano

di Andrea Gori

Arriva anche l’ultima puntata per il 2021 di Marche Tasting affrontata con il solito cipiglio dalla crew di Intravino. L’ultima degustazione che vi proponiamo prende di mira la Ribona, vino che in molti di voi farebbero fatica a dire se sia un bianco o un rosso ma non sentitevi soli: i produttori sono poco più di una ventina e in una regione che conta già il verdicchio non è facile trovare posto come grande bianco.

Metteteci poi la delimitazione della superficie alla provincia di Macerata (e un poco di Ancona), certo non la più nota e visitata, ed avete il delitto perfetto. Serve freschezza di clima e buona ventilazione infatti per permettere al maceratino (il vitigno da cui nasce la Ribona, spesso in tempi anche recenti confuso con greco, trebbiano e verdicchio stesso) piuttosto tardivo di svilupparsi senza problemi.

Se per anni il vitigno ha dato luce ad interpretazioni leggere e croccanti oggi molti produttori si cimentano in versioni più intense e complesse con risultati più che lusinghieri. Dal punto di vista della DOC e delle tipologie, il vino ottenuto dal maceratino prende la denominazione Colli Maceratesi Bianco se presente almeno il 70% di maceratino e Colli Maceratesi Ribona se invece presente almeno per l’85%.

Ecco il video della degustazione

Ed ecco i nostri assaggi:

Conti degli Azzoni Colli Maceratesi DOC Ribona 2020 verde smeraldino nei riflessi, pesca gialla, susina, ribes bianco, anice, limone internodato, ginestra, nota sapida e croccante che ne aumenta la bella persistenza, lievemente tannico il finale con mandorle e piccante delicato. 87+

Boccadigabbia Colli Maceratesi DOC Ribona 2020 acidità, freschezza, intensità di speziatura, freschezza e taglio salino, anice, sambuco e glicine in bella evidenza. Sorso scattante, saporito e di bello spessore aromatico anche balsamico, chiude velocissimo al naso mentre si attardano acidità e pepatura che ne fanno presagire un bel futuro. Più volitivo in bocca grazie a una struttura solida accompagnato da una equilibrata sapidità e freschezza. 91

Saputi Colli Maceratesi DOC Ribona Bio Ribona 2020 pesca bianca, glicine e tiglio, note bianche in grande evidenza sia di frutto che di fiori, lime e tocco pepato, sorso che cresce e stuzzica in bello stile fino al finale punteggiato di sale e arancio, scattante ma pronto anche ad evolversi almeno nel medio termine. 88

Fattoria Forano Colli Maceratesi DOC Ribona Le Piagge 2019 arancio giallo maturo, pesca gialla, limone candito, miele di tiglio, al sorso emergono note più sfumate ricche e complesse di tè al gelsomino e bergamotto, corbezzolo, tocchi tropicali di mango e polpa di frutto della passione. Permane la scheggiatura salina del sorso che lo rende complesso piacevole e di grande ritmo. 89

Fontezoppa Colli Maceratesi DOC Ribona Altabella 2019 Tra gli esemplari più noti anche grazie all’etichetta molto impattante, tiene fede alla sua fama di vino immediato e godereccio con sfumature belle di complessità in allungo. Naso con macchia mediterranea, iodato e piacevole freschezza di agrumi ed erbe aromatiche. Sorso di bella struttura, asciutto e ammandorlato. 90

Cantina Sant’Isidoro Colli Maceratesi DOC Ribona Paucis 2018 sfumature di sapidità in un sottofondo di mandorle pepe e agrumi canditi, lime e zenzero, evoluzione verso note fumè e frutto tropicale, punteggiato di grande freschezza e una lunghezza che evolve in una bevuta strutturata e sempre distinta. 89

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

1 Commento

avatar

leonardo

circa 2 mesi fa - Link

A me è piaciuta molto la Ribona Vintage di Casalis Douhet, che non vedo tra i vini recensiti. Vino gastronomico, intenso, con una gran bella struttura, molto interessante.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.