L’estate è arrivata e non ho un rosato da mettere in cantina

L’estate è arrivata e non ho un rosato da mettere in cantina

di Angela Mion

Afa. Il caldo è arrivato.

I reportage del telegiornale fanno venire le palpitazioni, prepariamoci a sofferenze bibliche, ai servizi dove immortalano fontane di Roma con la gente che si bagna la fronte sudante, a 40 gradi fissi senza escursione termica, a zanzare e siccità, ai consigli dell’esperto: mangia tanta frutta, bevi tanta acqua, non uscire con la canicola, fa testamento non si sa mai. Il cambio dell’armadio è stato violento. Dal maglione alle mutande. Dal poncho agli occhiali da sole.

E col ritmo del clima nella mia testa penso al vino, proprio come il cambio dell’armadio. I rossi stan là coricati in religioso letargo ad attendere qualche giornata di pioggia per fare capolino, i bianchi son di casa fonte primaria di sali minerali, la bollicina è rock e asfalta ogni stagione. E il Rosato? Meraviglia, apparizione divina, aurora, visione soprannaturale, mi viene l’acquolina e una sete improvvisa. È lui. Il prescelto e ancora non lo sa.

Poi penso, Houston abbiamo un problema. Mica da poco. E che rosato mi bevo?
Quando ero bambinetta e andavo alle elementari odiavo le tabelline. Poi, tra una tortura greca di mia madre che arrivava al digiuno punitivo e qualche zero in pagella le ho imparate, però quella del 9 no. La tabellina del 9 non mi è mai entrata in testa, 9 x 7 anche adesso mi mette ansia e ci devo fare due conti con le dita.
Ecco, abbasso le armi e poso il calice vuoto, i rosati mi ricordano la tabellina del 9.
Nord sud isole? Dolomitici o partenopei? Bardolino Chiaretto, Negroamaro Rosato, Groppello Valtènesi, Cerasuolo d’Abruzzo, Castel del Monte, Salice Salentino, Cirò rosato, Trentino Lagrein, Rossese ligure..?
Metodo del salasso o pressatura diretta? Rosa chiaretto, tenue o cerasuolo? Freschi, freschissimi, di corpo, beverini, complessi?

Mi sento confusa.

Cerco perdono da sola snocciolando qualche magra giustificazione tipo: solo 6 bottiglie consumate su 100 nel nostro paese sono di rosato; non sono una mosca bianca e la lacuna pare parecchio diffusa tanto che ad aprile di quest’anno è stato fondato “Rosautoctono” – Istituto del Vino Rosa Autoctono Italiano – una sorta di patto federativo tra Consorzi di tutela delle denominazioni di origine “rosa” più significativi con l’intento di rianimare la classe.
Il rosato qua dalle mie parti è quindi un tipo un po’ timido, una categoria che non è mai riuscita a spiccare il volo nonostante i pronostici ogni primavera la diano come il vino dell’anno. Credo di aver bevuto più piwi e mi sento una brutta persona.

La verità è che spesso li si beve per sbaglio o così senza darci troppa corda e confidenza e nelle carte vini dei ristoranti se non hai origini pugliesi manco te ne accorgi se non ci sono. Vorrei trovar pace, prima che arrivi l’ondata di prosecco rosé e i nostri giardini fioriscano di Pinot Nero e la confusione aumenti.
Intanto che vi faccio queste confessioni di categoria cerco conforto in una bottiglia di Pinot grigio ramato. Apro il Ramato 2017 della cantina Monteforche di Alfonso Soranzo, bel personaggio lui, dei colli Euganei, uno di quelli che il vino lo san fare e pure bene e pure senza raccontarlo troppo. Un vino che sa di terra e ama la terra, un’estrazione di frutto, grinta, mineralitá e sostanza, un colore intenso nel mezzo tra un rosa carico e una cipolla dorata. Il mio concetto “tra rosso e bianco” oggi si arena qua in un ramato, assalita dal dubbio bisbetico che il ramato non sia un rosato ma un vino bianco punto e ne ho un quarto di certezza. Non importa, mi assumo ogni responsabilità e non si offenda nessuno (se avete qualcosa da dirmi in merito fatelo). La bottiglia ampiamente sotto i 20 euro vale.

Torniamo a noi. Prima che il rosato spopoli tra i nostri millennials e il consorzio “Rosautoctono” porti i consumi di bottiglie da 6 a 60 su 100 io probabilmente sarò già anziana.
Quindi, l’unico valido strumento che l’Istat mi consiglierebbe per rispondere entro il secolo alla domanda: che rosato bere? siete voi.

Chiedo, a chi ha voglia o non è troppo incazzato, di scrivere un’etichetta di vino Rosato, italiana direi altrimenti vado in tilt prima di iniziare, e di abbinarla ad un aggettivo o ad una parola che descriva quello che di petto quel vino vi evoca. Anche una parolaccia se ritenete opportuno. Può essere un rosato che piace a vostra moglie, uno che bevete tutti i giorni, uno che producete voi, uno che vendete, uno che avete bevuto per sbaglio, uno che vi ricordi un momento, uno che vi diverte o che mi consigliereste punto, uno da perderci la testa, l’evergreen, il Five roses della situazione. Ditemene uno!

Poi li berrò tutti e se non sarò morta vi farò sapere quali andranno a finire nel mio armadio. Ça va sans dire.
Mi corico pensierosa, con un calice ancora vuoto.
Sono stata rimandata a settembre, speriamo non mi boccino.
A settembre il Prof mi chiederà: mi parli dei rosati e me ne racconti uno.

Speriamo non mi chieda la tabellina del 9.

49 Commenti

avatar

Andrea

circa 3 mesi fa - Link

Oltrepò pavese pinot nero Cruasè http://www.brunoverdi.it/cbv/files/pdf/CRR13.pdf

Rispondi
avatar

Luca Miraglia

circa 3 mesi fa - Link

Eccomi col primo, un rosato proveniente dal Casentino, amena vallata a Nord di Arezzo: "Lo Scaccino", da Merlot pressochè in purezza, mille bottiglie che mi fanno tornare con la memoria ai pomeriggi agostani con le trebbiature, il pane cotto nel forno a legna dalle contadine ed i fiaschi impagliati tenuti in fresco nelle cantine delle case coloniche. Il produttore è Simone Pierozzi ed il nome richiama la figura del sagrestano, uno dei cui compiti era quello di "scacciare" i disturbatori oppure i cani dalla chiesa durante le funzioni religiose.

Rispondi
avatar

Franco

circa 3 mesi fa - Link

un lambruschino no? Capisco che sia il parente sfortunato da nascondere, ma cribbio... ce n'è una marea da bere spendendo una fischiata! Con 20€ si acquistano in tris: Vigna del collegio, aurelio bellei (modena); Il Selezione, Vezzelli (modena); Rosaspino, emiliawine (reggio); con il resto, paglie e caffè. Dag dal gas!

Rispondi
avatar

Andrea

circa 3 mesi fa - Link

Oltrepò pavese pinot nero Cruasè http://www.brunoverdi.it/cbv/files/pdf/CRR13.pdf *brezza

Rispondi
avatar

Manuela

circa 3 mesi fa - Link

Vittorini....Marche rosato. Provato all'Only wine festival e acquistato. Perchè...."io sto coi lupi" (così recita l'etichetta stupenda con Cappuccetto Rosso e naturalmente il lupo).

Rispondi
avatar

Denis Mazzucato

circa 3 mesi fa - Link

Girofle di Severino Garofano, 100% Negroamaro. Presente quella bella frutta fresca e quei bei fiori dolci quasi stucchevoli al naso? Ecco, qui non c'è nemmeno l'ombra, anzi, diciamo che l'ombra c'è, ma per il resto è spezia spezia spezia. Bevibilità super.

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 3 mesi fa - Link

Quando il nome dice tutto: il Barbera "Ribelle" di Donati, il "Rossorelativo" di Alice Buonaccorsi, il Cerasuolo "Senzaniente" di Palusci, il Cirò "Marinetto" di Arcuri. A seguire il "Frisant Rosso" del Farneto o della giovialità, il "Maria Pettena" di Sannas o della follia, il "Sant'Isidoro" di Maria Pia Castelli o della profondità, il Bonavita rosato o dell'eleganza e infine il chiaretto col fondo di Poggio delle Grazie o del futuro. E sarà un bellissima estate.

Rispondi
avatar

Franco

circa 3 mesi fa - Link

applausi.

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 3 mesi fa - Link

applausi ai produttori ;-) Bonus (dimenticanza grave) : il "Meticcio" La Distesa o della (bella) politica.

Rispondi
avatar

Pierantonio

circa 3 mesi fa - Link

Aglianico rosato frizzante “il Fric” di Casebianche... cosi c’ è anche la bolla in più!!

Rispondi
avatar

Atos

circa 3 mesi fa - Link

Ciao, ti consiglio di provare 2 rosati siciliani , il rosato di Tornatore e "Sul vulcano" di Donnafugata e come ti ha scritto Franco anche un "lambruschino" rosè di Rinaldini

Rispondi
avatar

Vincenzo Nicotra

circa 3 mesi fa - Link

Vino Rosato (Barbera) Andrea Scovero, Costigliole D'Asti...

Rispondi
avatar

Claudio

circa 3 mesi fa - Link

un tuffo nel lago di Bolsena.....Rosato Le Coste, Alea Rosa Andrea Occhipinti

Rispondi
avatar

Capex

circa 3 mesi fa - Link

Strepitoso

Rispondi
avatar

Guido

circa 3 mesi fa - Link

Balos Pinot nero rosato di Crocizia Per Franco Bergiati Bambina Marilena Barbera Cirò Rosato avita Evviva

Rispondi
avatar

alessandro

circa 3 mesi fa - Link

Celeste angol d'amig. vino rosato non sfecciato su base lambrusco. Gioia, bolle e divertimento (da sboccatura obbligatoria) Ciao, a.

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 3 mesi fa - Link

Angol d'amig rosato? Lo voglio! :-) PS Marco Lanzotti poteva scegliere per la sua azienda un nome meno problematico da ricordare :-(

Rispondi
avatar

Officina Enoica

circa 3 mesi fa - Link

Abbiamo gioito e goduto con Carla, come fosse l’ultimo giorno sulla terra. Carla rosato di Calabria della cantina Salvatore Caparra.

Rispondi
avatar

Littlewood

circa 3 mesi fa - Link

Noi sabato sera 0 rosato....ma alzerò 95 di Quintarelli goduria! X nn parlare dell' amabile del cere' 83...irreale! Ma ci vogliono le p....😃😃

Rispondi
avatar

Stefano

circa 3 mesi fa - Link

Ho provato recentemente un lagrein rosè cantina alois lageder oltre a non indicare correttamente la gradazione alcolica in fase di acquisto il vino è risultato di pessima piacevolezza.

Rispondi
avatar

Zuk

circa 3 mesi fa - Link

Colline Novaresi "La Chimera" del Roccolo di Mezzomerico o Coste della Sesia "Bricco Lorella" di Antoniolo, perché il nebbiolo è sempre grande, anche in rosa (sempre che non si voglia scolorirlo per farlo somigliare ai provenzali, come qualcuno, ahimè, tende a fare ultimamente)!

Rispondi
avatar

Barbara

circa 3 mesi fa - Link

Pianeta Rosa GJ504b Vanzini

Rispondi
avatar

Laura

circa 3 mesi fa - Link

Bocca di Rosa nebbiolo vinificato rosa di La Ribota di San Damiano d’Asti: fantastico

Rispondi
avatar

Alessandra

circa 3 mesi fa - Link

Marinetto di Sergio Arcuri. Il primo approccio è un corteggiamento alla vecchia maniera: un mazzo di fiori, mai banale, che stupisce e stuzzica la mente. Poi, improvvisamente, ti trascina con veemenza in un turbinio di sensazioni. Con i modi di fare di chi è sicuro di sé e non ha paura di mostrare la sua parte più vera. Non una carezza, neppure una dolce frase sussurrata all’orecchio. Niente smancerie, non ne ha bisogno con quel suo temperamento che non accetta briglia e quell’aria un po’ rude che accende il desiderio. È istintivo, verace, autentico. E tu, che fino a pochi istanti prima ne ignoravi l’esistenza, ti chiedi come hai fatto fino a quel momento senza. Ti ha colpito dritto al cuore. Una ventata di freschezza e un retrogusto che sa di mare, come quegli amori passionali che nascono d’estate e li ricerchi tutto l’anno.

Rispondi
avatar

Manuela

circa 3 mesi fa - Link

È piaciuto tanto anche a me. Ne ho sempre una bottiglia in cantina. Ed Arcuri è una persona splendida.

Rispondi
avatar

Franco

circa 3 mesi fa - Link

Stiamo parlando di Sergio Arcuri o del suo vino? :D

Rispondi
avatar

Manuela

circa 3 mesi fa - Link

Il vino è chi lo produce

Rispondi
avatar

Franco

circa 3 mesi fa - Link

Ci riprovo... parliamo dell'uomo ideale o del rosè ideale per l'estate? Un sorriso e un abbraccio :)

Rispondi
avatar

Manuela Pascucci

circa 3 mesi fa - Link

Per quanto mi riguarda del rosè 😊

avatar

Franco

circa 3 mesi fa - Link

commento sarcastico riferito a quello di Alessandra, Manuela... nessuna volontà di giudicare il tuo giudizio su Arcuri, che condivido

avatar

Alessandra

circa 3 mesi fa - Link

Parliamo del Marinetto 😉

avatar

Franco

circa 3 mesi fa - Link

...quindi, al naso fiori secchi(mi piacciono più i frutti, si godono meglio d'estate) e in bocca secco, sapido e pure un po' tannico...

avatar

Roberto

circa 3 mesi fa - Link

Fondo Antico, Memorie - Suggestivo Rosato da Nero d'Avola, prodotto tra Trapani e Marsala. Un vino profondo, di grande temperamento, che intercetta e insieme sintonizza gli umori di una serata. Non richiede, ma è come se "provocasse" concentrazione e un minimo di silenzio, crea atmosfera. L'ho bevuto anni fa durante il corso di sommelier e da allora è stato un punto fermo. Non è per nulla estivo o, se lo è, me lo immagino in una situazione di "raccolta", tipo i figli che tornano dai genitori in una bella fattoria dopo aver fatto carriera fuori, oppure una cena importante e magari un po' formale. Io preferisco però pensarlo con lo stupore di amici che si incontrano e possano permettersi qualche attimo di silenzio.

Rispondi
avatar

James

circa 3 mesi fa - Link

Santa Eulalia frizzante rosé, prodotto da Cantina Sorso Sennori. Un rosato brioso , base cannonau, che accende l’estate. L’etichetta una vera e propria opera d’arte del maestro Angelo Maggi. Volti sognanti e misteriosi che ben si sposano col nettare prodotto nelle vigne che si affacciano sul golfo dell’asinara. Provatelo! ... Garantisco io! www.cantinasorsosennori.it

Rispondi
avatar

Littlewood

circa 3 mesi fa - Link

Syrosa di Stefano Amerighi. Slurp!!!

Rispondi
avatar

Salvatore

circa 3 mesi fa - Link

Five Roses di De Castris, il top

Rispondi
avatar

Flavio

circa 3 mesi fa - Link

ANTONE' , autoctono da solo magliocco dolce della provincia di Cosenza, Dop Terre di Cosenza.

Rispondi
avatar

PAOLA

circa 3 mesi fa - Link

Granatu, Casa Comerci (Calabria) Rosato da Magliocco Canino, sorprendete, succoso, profondo! In sintesi: entusiasmante!

Rispondi
avatar

Alessandro

circa 3 mesi fa - Link

Buongiorno Sicuramemte il mondo dei Rosè italiani è molto complicato ma crediamo che da viticoltori e enologi valga la pena provarci e tentare di percorrere nuove strade rispetto a quelle tradizionali. Siamo una piccolissima azienda a Grumello del Monte (BG) e nella vendemmia 2018 abbiamo fatto una microvinificazione da uve moscato di scanzo per produrre il nostro Rosè Moskè . Dal 2016 cerchiamo di valorizzare questo straordinario vitigno autoctono bergamasco anche con vinificazioni diverse da quella passita. Chiunque fosse interessato batta un colpo. Complimenti a intravino per il lavoro che fate.. W l'Italia del vino Grazie!

Rispondi
avatar

Marco

circa 3 mesi fa - Link

Obvius Rosato . Vino di sola uva senza solfiti aggiunti e non filtrato. Salcheto

Rispondi
avatar

Nic Marsél

circa 3 mesi fa - Link

Buono!

Rispondi
avatar

Giampiero

circa 3 mesi fa - Link

Vi propongo due Cerasuolo d'Abruzzo dal rapporto qualità/prezzo molto alto, acquistabili a circa € 10: Lapis, della cantina Dora Sarchese, e Hedos, della Cantina sociale di Tollo.

Rispondi
avatar

Giampiero

circa 3 mesi fa - Link

Poi, sempre in tema di Cerasuolo d'Abruzzo, se volete il Top è non badate a spese, vi propongo: Montepulciano Cerasuolo Doc della Cantina Valentin (a seconda dell'annata da € 60 fino a 200 per il 1994), Cerasuolo d'Abruzzo Emidio Pepe e Cerasuolo d'Abruzzo Sistina della Cantina Citra.

Rispondi
avatar

Vini di Sicilia

circa 3 mesi fa - Link

Terre Siciliane IGT Rosato di Azienda Agricola Bonavita. Tanto minerale e anche il giusto tannino. Strepitoso.

Rispondi
avatar

Corrado

circa 3 mesi fa - Link

Ehe si, avrei potuto fare il fenomeno cercando di tirar fuori il coniglio bianco dal cilindro della rete, pardon rosè, e spiattellare una cantina di quelle di nicchia magari trovata addentrandomi in un forum ormai impolverato che ha terminato le sue discussioni da più di un lustro. Invece no. Di vino certamente non sono un cultore, nel senso stretto del termine, nonostante ostinatamente cerchi di darmi un tono ogni volta che mi portano il vino al ristorante replicando il teatrino che prevede: far roteare le quattro gocce di nettare di bacco dentro il calice, inserire il mio piccolo naso nel sacro graal cercando di percepire sentori mistici e poi,alla fine, rivolgere uno sguardo quasi di sguincio al cameriere confermando la “bontà” del vino la più parte delle volte con il semplice cenno del capo ed un sorriso che assomiglia più ad una smorfia. A me il rosè fa venire in mente le gite domenicali nelle calde estati di qualche anno fa quando si caricavano nella barca di lavoro del mio amico Emiliano, biologo marino, un paio di bottiglie di “Rabosello “ rigorosamente ghiacciato con la stessa soddisfazione con cui immagino i pirati di Stevenson idealizzavano la bottiglia di rum. In mezzo alla laguna, una volta calata l’ancora, la voglia di sentire l’eco della bottiglia stappata era fortissima. Eco che, ben inteso, non era certo quello simile a quando si stappa una boccia di Cristal, ma molto più simile all’apertura di una bottiglietta di Corona. Una volta riempito il bicchiere di plastica bianco opaco, che a breve anche quello rimarrà un ricordo, La gola arsa veniva placata immediatamente da questo vinello travasato da una cantina dei colli euganei (l’amico Marco con la sua “Le Quercie”) e l’acquolina saziata con delle super proteiche uova sode! Per il resto forse il mio consiglio serio è per la tabellina del 9: si parte appunto con il 9, poi per le sequenze successive, si aumenta di una decina e si diminuisce di una unità. Prosit!

Rispondi
avatar

Giuseppe. Nanni

circa 3 mesi fa - Link

Estrosa di Marianna annio gioia del colle oppure esor moscato rosa e Chardonnay di fondo San Giuseppe Brisighella Faenza

Rispondi
avatar

Stefano

circa 3 mesi fa - Link

Vigneti delle Dolomiti Rosato “Vin dei Molini” - Pojer e Sandri

Rispondi
avatar

Elisabetta

circa 3 mesi fa - Link

Rame di Tenuta Maraveja! Un rosato atipico dalla struttura decisa conferita dal vitigno con cui è ottenuto: Cabernet Sauvignon. Unico e intrigante!

Rispondi
avatar

Maria Bonuzzi

circa 3 mesi fa - Link

Autoctono, giovane e in purezza... è dire troppo?! :) Forse sono un po' di parte perché lo produciamo, ma il nostro spumante Molinara è davvero così! Micro produzione di Molinara in purezza, seguita dal campo all'etichetta direttamente da noi nel veronese. Ci farebbe piacere fartene arrivare una bottiglia per essere compagnia in questa torrida estate! Grazie Maria (Il Brolo di Barco)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.