Le dieci regole precauzionali da conoscere prima di bere Soju sud coreano

Le dieci regole precauzionali da conoscere prima di bere Soju sud coreano

di Clizia Zuin

*SOJU: distillato Sudcoreano a base di orzo, frumento o riso con gradazione alcolica frequentemente intorno ai 20% vol.

Secondo le ultime statistiche, i sud coreani sono considerati “hard drinkers”, ovvero, grandi bevitori, soprattutto di distillati. Con circa 14 shottini a settimana, birra e altri cocktail a parte, bevono più di statunitensi e russi. I bevitori occidentali più esperti faticano a tenere il ritmo, anche a causa degli insoliti effetti collaterali che ne conseguono. Ogni riferimento a fatti e persone è realmente accaduto. Di seguito il decalogo.

1. Lo Soju in tv è onnipresente, sia nelle serie tv locali sia nelle pubblicità. Dopo una settimana di queste réclame non si può resistere: modelli e modelle bellissimi, animaletti pucciosi e docili per mascotte, corsie intere al supermercato dedicate alle varie marche e formati; avrete solo voglia di stapparne un paio per sapere che sapore hanno e perché in Sud Corea ci vanno tutti matti.

2. Quando vi dicono di andarci piano con lo Soju, andateci piano, molto piano. Soprattutto se è la prima volta che lo assaggiate. Tranquilli, non mancheranno le occasioni per berne tanti e di diverso tipo. Il mio consiglio in più è di bloccare ogni app del telefono dopo il primo bicchierino: non vorrete ritrovarvi ad acquistare un pigiama tutto tempestato di ritratti di Putin!

Schermata 2021-03-24 alle 09.48.27

3. Insieme allo Soju e al suo bicchierino, vi verrà chiesto di abbinare anche una birra, il mix si chiama Somaek. Dite sempre di sì. Lo Soju ha una gradazione alcolica di circa 20% vol., se lo diluite con la birra locale (Cass o Terra, facili da ricordare e buone), avrete più probabilità di sopravvivere e di non mandare messaggi patetici ai vostri ex.

Schermata 2021-03-24 alle 09.47.55

4. Il cibo Sud Coreano è molto piccate e abbonda di verdure fermentate come il kimchi. Lo Soju, con il suo retrogusto vagamente abboccato e quel potere salvifico da Mr. Muscolo, invita a berne in eccesso, soprattutto per gli occidentali che non sono abituati ai sapori forti della tavola locale. Ricordatevi sempre di allungarlo con la birra e di non esagerare con piccante/fermentato/distillato perché la pagherete cara il giorno dopo. E in Sud Corea non ci sono i bidet.

5. Se i commensali, i vicini di tavolo o l’oste vi fanno il segno di brindare con il bicchierino, non potete tirarvi indietro, ma dovete bere alla goccia tutto il contenuto di Soju liscio e dire “Gambee”. I bicchierini sono trasparenti e quindi si vede se avete bevuto o fatto finta… questa è l’abitudine più pericolosa di tutte e può portare l’occidentale sprovveduto che ha fatto troppi gambee ad improvvisare duelli di ballo freestyle sui banconi del ristorante con la compiacenza dell’oste che alzerà la musica a tutto volume per far divertire gli avventori.

6. Non ci si versa mai da bere, sono sempre gli altri a versare ed è buona norma ricambiare il favore. Anche se i bicchierini sono piccoli e le bottiglie di Soju hanno una capienza di solo 0,33L, questi vanno sempre tenuti con due mani, sia quando si versa che quando si riceve. Se l’occasione è ufficiale, in segno di rispetto, ci si copre con la mano mentre si beve, un po’ come Claudia Gerini quando mangia la banana in “Viaggi di nozze”.

7. L’effetto dello Soju è il più subdolo che possiate immaginare: vi sentirete lucidi mentre digitate i numeri della carta di credito per quel pigiama di Putin e mentre state vincendo la gara di freestyle, ma in realtà non lo siete affatto. Ricorderete tutto il giorno dopo e vi sentirete delle brutte persone e il wc sarà lì a ricordarvi che avete voluto comportarvi come il classico sborone occidentale che dà lezioni di vita agli orientali e invece no, la lezione ve l’hanno data loro, i resistentissimi sudcoreani, che sono tornati in auto a casa senza problemi e sono di nuovo a lavoro senza il colorito verde che voi invece state mascherando sotto il fondotinta.

8. L’eccesso di Soju ha anche effetti positivi: vi aiuta a digerire se non esagerate e vi fa parlare le lingue che non avete mai parlato, tipo l’arabo marocchino.

9. Bere in modo smisurato, accasciarsi a terra privi di sensi, farsi venire a prendere dalla moglie mentre si è ubriachi nel motel con amiche di dubbia moralità, sono tutte abitudini che fanno parte del folklore locale. È così e non c’è nulla di male.

10. Il Gaviscon masticabile, che se assunto ante sbronzam in parte previene dai dannosi effetti dell’eccesso di alcol, con lo Soju non funziona, ma proprio per niente. Quindi rassegnatevi: ogni uscita in Sud Corea, finché non vi abituerete, corrisponderà inevitabilmente a buona parte degli effetti sopra descritti, se sopravviverete, lo potrete raccontare ai vostri nipotini o ai vostri amici che con infinita pazienza, un pizzico di preoccupazione e google translate cercavano di rispondere ai vostri messaggi in arabo marocchino.

avatar

Clizia Zuin

Veneta di origine, toscana di adozione, cittadina del mondo nel cuore. Dopo la laurea in Lingue Orientali, scopre la complessità del mondo del vino e dopo tanti anni ancora non si annoia. Ha lo straordinario superpotere di trovarsi sempre nei paraggi mentre si sta stappando una bottiglia monumentale. Formazione mista A.I.S e WSet, con la convinzione che presto conquisterà il mondo; in attesa di diventare il Dottor Male, collabora come sommelier in alcune delle cantine più celebrate di Toscana.

13 Commenti

avatar

marco

circa 1 mese fa - Link

Hanno quasi la stessa aspettativa di vita degli italiani secondo la classifica dell'OMS. Ma bevono di più. (E lo reggono bene) Chissà, è probabile che anche per questo sono simpatici. Siamo diventati, noi italiani, forse, troppo politicamente corretti: abbiamo perso qualcosa della nostra umanità. Il Covid, secondo me, ha peggiorato le cose. __ Facciamoci un SOJU. E non dimetichiamo di dire......."Gambee”.

Rispondi
avatar

Clizia

circa 1 mese fa - Link

Ma bravo Marco! Sì, decisamente si divertono e sono usciti dal covid con uno spirito (in tutti i sensi) più unito e un pizzico di leggerezza

Rispondi
avatar

Stefano

circa 1 mese fa - Link

Il pigiama è da uomo o da donna?

Rispondi
avatar

vinogodi

circa 1 mese fa - Link

...il pigiama comprato da me aveva su tanti Trump...

Rispondi
avatar

Zita Regina

circa 1 mese fa - Link

Meravigliosa e divertente descrizione del Soju! Brava ,bravissima! Appena potrò lo assaggerò.Ovviamente seguendo i tuoi consigli👊🏾 Grazie.

Rispondi
avatar

Invernomuto

circa 1 mese fa - Link

Ma nasce prima questo o lo Shochu giapponese? Comunque hai descritto le stesse cose che accadono in Giappone, e che purtroppo confermano l'idea, ovviamente errata, che la Corea del Sud sia fatta a specchio del Giappone. Però cappero, la metro di Seoul fatta a immagine e somiglianza della Yamanote, non depone a favore....

Rispondi
avatar

Clizia

circa 1 mese fa - Link

La tradizione dei distillati da fermentati è cinese, ma i giapponesi non lo ammetteranno mai. Shochu e soju sono simili, un tempo in Corea erano fermentati da solo riso, poi, a causa della carestia di questo cereale, lo Soju è diventato un distillato da diversi cereali, anche se oggi quello di riso sta tornando in auge.

Rispondi
avatar

Invernomuto

circa 1 mese fa - Link

Ah beh si si, lo so che è una tradizione cinese, un po' come tutto quello che c'è in Asia a esclusione dell'India. I Kanji sono quelli cinesi antichi, ogni parola in giapponese ha la lettura autoctona e quella cinese, ma se hai fatto Lingue Orientali credo tu lo sappia già. Mi divertivo sempre a far imbestialire i giapponesi facendogli notare che in pratica, a parte lo Shinto, di tipicamente giapponese non c'è niente (e mi diverto anche con gli invasati del Sol Levante).

Rispondi
avatar

Giuseppe

circa 1 mese fa - Link

Vero! Pero` e` anche vero che tante cose importate dalla Cina (alcune dall'Occidente) sono poi state "migliorate" in Giappone. Ecco forse questo un po` li accomuna a noi Italiani, capaci di sublimare al meglio qualcosa preso altrove

Rispondi
avatar

Invernomuto

circa 1 mese fa - Link

Beh sì, lungi da me poter criticare l'attenzione al dettaglio tipica della cultura giapponese, e soprattutto l'attenzione al "fatto bene" in tutte le sue declinazioni, tanto di cappello. Diciamo però che la narrazione post seconda guerra mondiale relativa al Giappone lo ha trasformato nell'immaginario occidentale come "la culla della civiltà asiatica", ed è importante far capire che è un falso storico. Poi sarebbe un discorso lungo e tedioso e già ho divagato troppo. Aspettiamo altri articoli sulla Corea

avatar

Giuseppe

circa 1 mese fa - Link

Mi hai messo curiosita`... ma bevuto solo com'e`? immagino esistano svariate tipologie e stili come per i distillati giapponesi, sono piu` le similitudini o le differenze? Si torva qualcosa in Italia? Grazie e ciao Giuseppe

Rispondi
avatar

Clizia

circa 1 mese fa - Link

Ciao Giuseppe, lo Soju è molto simile al Sake e allo Shochu giapponese. Non ha punte di acidità, è spesso addizionato di un po' di zucchero senza sfociare nella dolcezza, anche se recentemente sono uscite tante versioni alla frutta e molto zuccherate per avvicinare i non bevitori

Rispondi
avatar

Giuseppe

circa 1 mese fa - Link

Vero! Pero` e` anche vero che tante cose importate dalla Cina (alcune dall'Occidente) sono poi state "migliorate" in Giappone. Ecco forse questo un po` li accomuna a noi Italiani, capaci di sublimare al meglio qualcosa preso altrove

Rispondi

Commenta

Rispondi a Stefano or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.