Io me le ricordo quelle bottiglie

Io me le ricordo quelle bottiglie

di Alessandro Morichetti

Sono le bottiglie che apri agli inizi, sprovvisto di mezzi ma volenteroso di capire e terribilmente propenso a subire il fascino di blasone e, nondimeno, costo.

Ricordo i genitori regalarmi – sarà stato il 2003 – una Guida al vino quotidiano di Slow Food e una bottiglia di Brunello di Montalcino (1997?) di un’azienda che non ho mai più incrociato (Fanti – San Filippo?) e ho ben presente l’emozione nel tenere in mano un oggetto di valore, quasi “sacro”, movimentato con l’attenzione che si dedica solo alle cose più importanti.

Ricordo quel periodo e l’ho in mente benissimo perché mi è tornato in mente ora, tanti anni dopo, che quella curiosità è diventata il mio mestiere. Penso ai tanti colleghi della filiera del vino – in senso ampio – quindi enotecari, ristoratori, sommelier, produttori, fornitori vari, comunicatori, consulenti, addetti marketing, agenti, degustatori, giornalisti, influencer e scrocconi assortiti perché solo oggi, e specialmente in questo periodo assurdo in cui ho la fortuna di poter lavorare, mi rendo conto di fare il lavoro più bello del mondo.

Sono un intermediario degli alcolici più celebrati, sono totalmente indipendente negli acquisti e sono, quindi, così fortunato da poter comprare (sperando di vendere) le cose che ritengo più buone, più valide e più degne di attenzione. Il mio motto è “Se hai così tanta voglia di berlo allora puoi venderlo”.

Ho ripensato a quella prima bottiglia l’altro ieri, all’ennesima festa in solitaria, dopo la seconda bottiglia in due giorni di un ottimo Rosso di Montalcino 2016. Una bottiglia che, in quei giorni passati, avrei maneggiato, osservato, venerato, contemplato e bramato prima di berla come fosse una reliquia. Ma, a ben guardare, pur buonissima e un po’ costosa, è solo una bottiglia di cui godere.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

2 Commenti

avatar

Nelle Nuvole

circa 5 mesi fa - Link

Oh fanciullino, fanciullino storno!... Scusa, mi confondo un po'. Grazie per l'omaggio ai vini di Montalcino, ieri e oggi.

Rispondi
avatar

Massimo

circa 5 mesi fa - Link

Al tempo del corso Ais, ricordo grandi emozioni per un sauvignon Lafoa, per una malvasia istriana Podversic, e indimenticabile un Masseto, aperto con devozione e timore. Oggi, pur conservandone il bel ricordo e avendoli ancora in stima, probabilmente non li acquisterei di nuovo. Magari se qualcuno me ne offre un bicchiere, allora li berrei ancora, quello sì... :)

Rispondi

Commenta

Rispondi a Nelle Nuvole or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.