Il problema è che Davide Bortone certe cose le pensa davvero

Il problema è che Davide Bortone certe cose le pensa davvero

di Giovanni Corazzol

Verona si appresta ad ospitare il XIII Congresso Mondiale delle Famiglie.

Salvini si esprime perentorio sul coraggioso Ramy, salvo cambiare idea ed esprimersi perentorio sul coraggioso Ramy.

Tre palestrati catanesi stuprano una baby sitter americana, nemmeno ubriaca.

Davide Bortone scrive su WineMag: “Scollate Doc: se l’onda delle influencer contagia i Consorzi del vino. La presidente del Mamertino, Flora Mondello, in una posa da calendario. Per i giornalisti.”

Sprite 7

Sarà la primavera anticipata, sarà il desiderio di attrarre l’attenzione, selezionare il proprio target, accreditarsi presso Brian S. Brown, occupare il posto lasciato vacante da Franco Ziliani; oppure sarà che queste cose Bortone le pensa davvero e che, effettivamente, lì fuori esiste un mondo fatto di giovanotti maschi inzuppati di pensieri, e quindi linguaggi retrogradi, che vanno oltre qualunque giustificazione storica o ambientale. Giovanotti maschi che per esprimersi, facilmente ricorrono a stereotipi sessuali, stabilendo per una donna quale sia il giusto comportamento o il giusto vestiario.

“Tette al vento e sguardo ammiccante, con le dita poggiate sotto al mento. Roba da far sussultare le botti di rovere, in cantina”. Per dire.

La domanda legittima, da porsi in questi casi, è se sia opportuna un’invettiva, involontario, potenziale amplificatore del rumore. La risposta in questo caso, è: sì, bisogna, senza esitazione, a costo di regalare immeritata visibilità. Ed è risposta decisa ma avvilita: alla soglia dei cinquant’anni, intriso di abitudini e pensieri viziati da un certo maschilismo, so di essere generazione perduta, parzialmente salvata grazie alla pazienza delle donne vicine; anche per questo è avvilente contemplare un esponente della Generazione Y,  presumibilmente emancipata da quel retaggio, esprimersi in modo tanto retrivo; che siano risultato di una strategia oppure,  più banalmente, di una brutale interruzione dello sviluppo cognitivo, quelle parole sono oscene, fuori tempo massimo, meritevoli di essere additate con brutalità.

“Decidiamo dunque di denunciare l’episodio, in difesa di tutte le donne del vino, professioniste, che non cedono al ricatto del maschilismo per proporre esclusivamente contenuti e informazioni degne di attenzione da parte del pubblico. Tutto, insomma, tranne che un attacco di tipo sessista alla malcapitata Flora Mondello e al genere femminile.”

Questo scrive Bortone in un secondo articolo, apparso in seguito per ricostruire la vicenda e difendersi dalla reazione annunciata dalla Presidentessa Mondello, ergendosi a difensore delle donne del vino. Issato alto il vessillo del mos maiorum enoico. Non male, a Padova parlano di toppe peggiori del buco.

avatar

Giovanni Corazzol

Membro del Partito del progresso moderato nei limiti della legge sostiene da tempo che il radicalismo è dannoso e che il sano progresso si può raggiungere solo nell'obbedienza.

25 Commenti

avatar

Tommaso Ciuffoletti

circa 5 mesi fa - Link

Non conosco il signor Bortone, ma spero s'intenda di vini più di quanto s'intende di calendari sexy. Offro tour guidato presso officina specializzata.

Rispondi
avatar

Fabrizio

circa 5 mesi fa - Link

Fantastico! Ahahahahahahahah

Rispondi
avatar

Nicola

circa 5 mesi fa - Link

Non so come abbia reagito la Signora oggetto delle offese, perchè queste sono. Lo spazio per una querela c'è tutto.

Rispondi
avatar

antonio c.

circa 5 mesi fa - Link

Nicola, è vero che siamo al limite della querela (forse oltre), ma per personaggi così sarebbe una sorta di "medaglia" da appuntarsi al petto. Piuttosto sarebbe da cominciare a chiederci perché questi beceri abbiano sempre più visibilità in qualsiasi campo, anche nel nostro, forse se cominciassimo ad ignorarli e lasciarli a bearsi tra di loro non sarebbe una cattiva idea.

Rispondi
avatar

Nicola

circa 5 mesi fa - Link

Antonio, concordo. Tuttavia questi personaggi imparano solo quando sono toccati nel portafoglio.

Rispondi
avatar

Riccardo

circa 5 mesi fa - Link

Personalmente trovo una cosa ugualmente di poco gusto sputtanarsi tra "colleghi", ancorché uno abbia sbagliato e sia meritevole di critiche.

Rispondi
avatar

Giovanni Corazzol

circa 5 mesi fa - Link

"giuro di essere fedele a cosa nostra. Possa la mia carne bruciare come questo santino se non manterrò fede al giuramento" Non scherziamo

Rispondi
avatar

Emanuele

circa 5 mesi fa - Link

Stupendo. Dulce et decorum est pro mafia mori. Riccardo, mi suggerisce qual è quel novissimo dizionario che ammette "omertà" tra i sinonimi di deontologia?

Rispondi
avatar

Riccardo

circa 5 mesi fa - Link

Non si tratta di omertà. Non ho detto di non parlarne, tutt'altro, ho detto che forse sarebbe stato di buon gusto che non lo faceste voi in quanto siete colleghi, volenti o nolenti. Come un produttore che dice di un altro pubblicamente che fa un vino schifoso. Se poi siete troppo superbi e supponenti da fraintendere quello che ho scritto è un problema vostro. Tra l'altro siete pure ingenui, perché sapete meglio di me che quella che avete fatto non è tanto una denuncia ma una pubblicità per una cosa che non meritava di averne. Infine gradirei mi chiedeste scusa per avermi offeso con un termine odioso come mafioso, che non è certo meno passibile di querela rispetto all'oggetto dell'articolo, anzi.

Rispondi
avatar

andrea celant

circa 5 mesi fa - Link

leggendo il post del Sig. Bortone ho provato parecchio fastidio e,francamente, cosa ne possa pensare di vini una persona con simili idee non 'interessa: ho smesso di frequentare quel blog...

Rispondi
avatar

Stefano

circa 5 mesi fa - Link

Tenetelo lontano da Vinitaly, il suo cuore non reggerebbe

Rispondi
avatar

Luca B

circa 5 mesi fa - Link

OT: Ma qualcuno sa che fine ha fatto ZIliani? Sta bene? Almeno lui di vino ne capiva

Rispondi
avatar

Radici

circa 5 mesi fa - Link

Non so chi sia Bortone né leggo winemag, ma la tizia nella foto ha una posa indiscutibilmente (e intenzionalmente) sexy. Ed è pure parecchio phyga, a dirla tutta.... Dai, su, non prendiamoci in giro. A prescindere dai propri meriti e competenze in qualità di presidente della Doc Mamertino, che non conosco ma ovviamente non metto in dubbio, con questa foto la signora utilizza la propria immagine di donna molto bella in una posa inequivocabilmente sensuale per attirare l'attenzione sulla piccola denominazione in cerca di visibilità. Suvvia, ma quanti anni avete...?

Rispondi
avatar

Paolo A.

circa 5 mesi fa - Link

Io vedo solo una bella donna con un abito un po' scollato e la cosa non mi turba affatto. Forse sei tu quello rimasto all'età in cui basta un pizzico di pelle scoperta per scatenare tempeste ormonali ;)

Rispondi
avatar

Rossella C

circa 5 mesi fa - Link

Se il direttore Bortone desiderava fare sinceramente un giornale sessismo free a) non pubblicava la foto b) chiamava l’ufficio stampa, com’è uso tra colleghi corretti, e chiedeva se per caso ci fossero altre immagini (come poi in effetti è venuto fuori, capita che negli invii partano alcuni scatti e altri no.) Ma soprattutto non ci montava su un pezzo così così stupidamente morboso, così allusivo (la frase con i puntini “per chi volesse incontrare… i vini del Mamertino” fa semplicemente ribrezzo, manco si parlasse di una casa di appuntamenti) e, alla fine, così inutile. Qual era la notizia? La nascita dell’Associazione dei Produttori della DOC Mamertino e la sua imminente presenza al Vinitaly. Riferimenti in proposito nell’articolo: zero. Informazione finale utile per gli utenti del sito: nessuna. Obnubilato dalla sua crociata contro gli influencer, il direttore deve essersi scordato la mission del suo giornale: e cioè quella di parlare di vino, non di scandaletti alla tabloid inglese. Peraltro inesistenti nel caso della povera presidente Mondello. La cui sola colpa è quella di essersi fatta scattare una foto non troppo istituzionale, probabilmente nella più totale buona fede. Se c’è qualcuno quindi che “ha ceduto” (inconsapevolmente?) “al ricatto del maschilismo”, ahimé, è proprio Bortone. E la sua denuncia dell’episodio “in difesa di tutte le donne del vino” ha il sapore di una tragicomica pezza. Da applicare dopo aver preso una toppa clamorosa.

Rispondi
avatar

Sara

circa 5 mesi fa - Link

Chapeau.

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 5 mesi fa - Link

Quello che ha scritto l'articolo è un bischero che credeva di fare lo spiritoso e invece ha scritto solo una cosa di pessimo gusto, però per favore non esageriamo con il politicamente corretto. È una bella donna con un vestito scollato, non mi turba affatto ma sarei un bugiardo se dicessi che non mi piace. Anche se l'età delle tempeste ormonali l'ho passata da un pezzo, apprezzo sempre.

Rispondi
avatar

Stefano

circa 5 mesi fa - Link

... e io che pensavo che il tuo Brunello fosse afrodisiaco!

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 5 mesi fa - Link

Beh, proprio afrodisiaco no, però in una seratina romantica aiuta.

Rispondi
avatar

alberto

circa 5 mesi fa - Link

Sollecitato dalla lettura di questo articolo, che trovo poco attinente, vado a verificare. La prima sensazione, di fastidio, è la stessa di Bortone: perchè mai legare la comunicazione di un consorzio ad una immagine non istituzionale, ma chiaramente ammiccante? Fossi una donna mi sentirei offesa... Preferirei che il mio interlocutore si concentrasse sul mio volto, invece che n cm più in basso... Successivamente c'è una replica, piuttosto chiara, che spiega l'accaduto. Forse l'autore, prima di darsi al clickbaiting, avrebbe fatto meglio a contattare il collega, chiedere chiarimenti e dopo aver ascoltato entrambe le campane, esprimere la propria opinione... Si chiama dovere di cronaca.

Rispondi
avatar

Una donna che spiega le cose a un uomo che spiega le cose alle donne

circa 5 mesi fa - Link

Se lei fosse una donna, le assicuro che si sarebbe apparecchiata esattamente come le avrebbe suggerito il suo gusto personale (mi creda, sono davvero molto poche quelle che si vestono con l'intenzione di sfrucugliare peni altrui: il più delle volte si vuole piacere all'idea che abbiamo di noi stesse. Insomma, se finora ha creduto che ci si abbigliasse in funzione del gradimento maschile, è ora di rivedere le sue convinzioni). Stavo dicendo? Ah, sì: a leggere le reazioni scomposte del Bortone mi sono fatta l'idea di uno che con una mano scriveva indignato e con l'altra si masturbava davanti alla foto della Nostra. Male ha fato la Presidentessa a cambiare l'immagine ufficiale: io avrei lasciato gli interlocutori disturbati dalla scollatura in preda alle loro personalissime turbe

Rispondi
avatar

Alberto

circa 5 mesi fa - Link

Si rassereni, prima di arrivare ai turbarmenti invocati, ce ne vuole... Si è resa conto dell'epoca in cui viviamo? Davvero crede uno scollo un po' pronunciato possa essere notato da qualcuno? Semplicemente, quell'abbigliamento è piuttosto inadatto alla situazione... Lo sarebbe stato anche un abito monastico, una muta da sub o la tuta da astronauta... Nel red mist del rigurgito da rivoluzione sessuale anni '70, si è perso di vista l'argomento fondamentale della concordanza fra forma e contenuti. La t-shirt scollata, un giorno di sole su di un lungomare qualsiasi non l'avrebbe notata nessuno... E, se l'immagine è stata cambiata, evidentemente qualcuno deve averla pensata allo stesso modo. Per il resto il turpiloquio sensazionalista, a mio avviso, rende il quadro più chiaro.

Rispondi
avatar

Carolaincats

circa 5 mesi fa - Link

guarda... io andrei a cerea tette al vento, facendo invito a bertone di venire a farsi una bella ombra, per poi sturargli il cervello col cavatappi

Rispondi
avatar

bobby

circa 4 mesi fa - Link

10 minuti di applausi

Rispondi
avatar

Giovanni Corazzol

circa 5 mesi fa - Link

Forse l'autore, prima di darsi a quello che crede più opportuno, avrebbe tenuto il comportamento che più gli aggrada, esprimendo la propria opinione nelle sedi e nelle modalità che più gli garbano. Si chiama libertà di espressione. La stessa di cui lei ha abusato in questo sfortunato frangente. Davvero trovo stordente che esistano così numerosi giudici degli altrui comportamenti. Si eserciti maggiormente sull'analisi dei propri, correggibili le auguro

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.