Il Molinaccio a Montepulciano, un garage wine di territorio

Il Molinaccio a Montepulciano, un garage wine di territorio

di Andrea Gori

Quando un territorio comincia a rinascere lo vedi da molti segnali. Grandi cantine che passano di generazione ed entrano giovani validi in azienda, acquisizioni di antiche realtà a vita nuova restituite, investimenti e ottimismo, conversioni di centinaia di ettari in biodinamica e poi anche da piccoli grandi vin de garage che spuntano apparentemente dal nulla. Il Molinaccio di Alessandro Sartini riassume molti di questi elementi e soprattutto li traduce in vini splendidi, profondi, personali da scoprire il prima possibile.

Alessandro eredita un piccolo podere a Cervognano dalla famiglia di produttori storici Fanetti e una volta grande decide di dimostrare che il territorio a Montepulciano deve ancora essere esplorato e valorizzato. Per farlo usa  gli insegnamenti del nonno che lo portava sempre con sé in vigna e in cantina ma unendoli ad un immancabile moderno rigore enologico.

50956382606_8350715114_c

Oggi Il Molinaccio è un frequentatissimo (quando è possibile ) agriturismo in un contesto speciale lungo il fiume Salcheto e circondato da ogni lato da bosco, e un’azienda agricola di 2,3 ettari di nuovo vigneto negli ultimi 2 anni, di cui 70% Sangiovese, 20% Merlot e il resto altre varietà locali.

Oltre a questi ci sono 1,5 ettaro di vecchia vigna e tutti insieme portano la produzione a oltre 10mila bottiglie, limitatissima e accuratissima. Cemento, acciaio, botti austriache di medie dimensioni e accortezze speciali come l’acino intero quando serve come la 2017, rendono questi vini autentiche e caratteriali espressioni di territorio, tra i più vocati di Montepulciano per l’eleganza e il fine frutto che si può ricavare.

Il Molinaccio Il Golo Rosso di Montepulciano 2019
Solo acciaio, un vino di ingresso già di sicuro interesse e impressione, tono pimpante saporito , ferroso ematico,  netto, fresco goloso e strutturato, saporito e croccante. Un tocco di cannonau lo intensifica e lo rende originale. 91
Il Molinaccio Allocco 2018 Igt merlot 70% sangiovese 30%
Dolce e caramello, fine e croccante, succoso agile, interpreta il territorio in chiave più dolce e lieve ma senza perdere rigore e tensione acida. Bello e sorprendente in annata decisamente propizia al tema. 88
Il Molinaccio la Spinosa Vino Nobile di Montepulciano 2017
Naso di amarene e canditi, incalzante, fresco, arioso, saporito e lunghezza che appassiona, tannino godereccio, grande finale. 92
vini molinaccio montepulciano
Il Molinaccio La Poiana Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2016
Mai più di 3500 bottiglie, vino che spicca lucido per tensione sapida e croccantezza di frutto, molto più rosso che nero, lamponi e ribes, fragole in confettura, melograno e dulce de membrillo. Scivola al palato in maniera soffusa ma carnosa e poi genera tantissima salivazione per tanta sostanza. Come tutti i vini qui si risolve in una lunghezza sontuosa, piccantezza e saporosità sopraffina. 95
Il Molinaccio Duemiladiciassette Riserva 2017 sangiovese e cannonau per un minimo 3%
1500 bottiglie realizzate a dispetto del millesimo tosto, ha ovviamente grande intensità e maturità con toni di lamponi in confettura, lavanda, viole, cassis, mirtillo e un’idea balsamica tra mirto e alloro. Sostanzioso di pancia al suo ingresso, sul finale si rivela finissimo con un tannino piccante, divertente e godereccio. 94

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

2 Commenti

avatar

Stefano

circa 2 mesi fa - Link

Se però metti tu già in grassetto i descrittori inusuali, è troppo facile! Differenza tra dulce de membrillo e cotognata? Ma anche qui acino intero? Dove si usa questa tecnica in Italia? (Dal sito internet sembra un bellissimo posto, e i prezzi del vino molto interessanti)

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 2 mesi fa - Link

in realtà non c'è...o meglio secondo me la cotognata che fanno in Italia è meno dolce di quella che fanno in Argentina ma dipende dalle marche che mangi di solito!!! Comunque hai ragione l'editing con il grassetto non ho capito come mai è uscito...in genere nascondo i descrittori strani per capire se uno legge le note oppure no

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.