Il future del vino

di Massimo Bernardi

I future del vinoIeri, ho scritto una storia per Dissapore sulla gastrofinanza. Nel farlo, ho citato ovviamente i future del vino. Non scappate, i future sono contratti a termine nati proprio tra appassionati di vino come voi e me. Solo più facoltosi (più di me, si capisce). In pratica questi enomaniaci col bernoccolo per gli affari, acquistano prima, a suon di assegni, il diritto alla bottiglia di Barolo o di Bordeaux che uscirà dalla botte solo tra qualche anno. Sicuramente pensava a questa idea il Credito Emiliano, quando di recente, ha deciso di erogare prestiti ai suoi clienti accettando come pegno Parmigiano Reggiano.

Ma Gianni Zonin, gran capo dell’azienda Zonin e non a caso, presidente della Banca Popolare di Vicenza, ha riportato subito il discorso sul vino. Settimana scorsa ha dichiarato che se la garanzia per il prestito della banca al produttorie può essere il formaggio, perché allora non replicare con i vini tipo il Brunello di Montalcino e il Chianti Classico?” Subito spalleggiato dal ministro dell’agricoltura, Zaia, che ha dato la sua approvazione entusiasta.

Non riesco a rendermi conto di quanto siano apprezzati da voi, ammesso che lo siano, strumenti tipo i future del vino. Qualcuno ha provato? E cosa pensate dei prestiti bancari con il vino come pegno? Vi sembra un’idea praticabile?

1 Commento

avatar

Bereilvino

circa 12 anni fa - Link

Non ho esperienza diretta con i futures del vino. Sono cose da ricconi! Forse dovresti girare la domanda direttamente alle cantine che utilizzano tali strumenti per finanziarsi. Lo strumento puo' essere interessante per garantirsi la disponibilità di vini difficilmente reperibili sul mercato (2,3,4 anni dopo). Ma in questo caso si deve essere proprio pazzi per quel determinato vino. Personalmente ritengo che ogni vino sia perfettamente sostituibile con un altro. Dal punto di vista economico invece non vedo alcun vantaggio, almeno per ristoranti, ed enoteche. Comunque aspetto di leggere anche i commenti degli altri.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.