Hit parade | I buoni e i cattivi della settimana in cui, ohibò, Zonin ci divenne simpatico

di Antonio Tomacelli

Io ne ho viste cose che che voi umani non potreste immaginarvi: consorzi viniferi grandi quanto una capocchia di spillo partire alla conquista dei Bastioni di Hong Kong, vitigni migliorativi balenare nei disciplinari di Calabrauser, e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come…eh no, ora basta! Da oggi nulla verrà dimenticato grazie alla ultimativa classifica di Intravino. Quattro buoni e quattro cattivi per questa settimana scelti con cura e pregiudizio dalla nostra redazione e lasciati ai posteri perchè emettano la loro ardua sentenza. Cominciamo?

I BUONI

1. iu-e-ssei, iu-e-ssei (da ripetere 5 volte)
Il governo degli Stati Uniti ha approvato una legge che tutela il Prosecco dai falsi e dalle contraffazioni. Da oggi, dunque, solo le bottiglie italiane potranno fregiarsi della menzione e guai a chi scopiazza. Vi pare niente? Beh, chiedete un po’ ai signori dello Champagne in che cassetto giace la loro pratica…

2. Mezzacorona entra in borsa
Ci vuole un coraggio da leoni per chiedere la quotazione in borsa di questi tempi ma, ehi! quando il gioco si fa duro i duri si fanno due conti e si gettano a corpo morto nell’arena. Bonus: Mezzacorona è la prima cantina italiana che entra a listino e qualcosa vorrà pur dire.

3. La CIA, non quella che ci spia
La Confederazione Italiana Agricoltori riscopre il baratto e lo mette online. “Offro 10 caciotte di pecora, prima qualità, cerco un pigiama di puro cotone” oppure “Cedesi 50 litri di ottimo olio extravergine d’oliva 0,4 gradi di acidità per soggiorno in Beauty Farm, preferibilmente in Italia settentrionale”. Da classificare perentoriamente tra “molto figo” e “strafigo”.

4. Brettanoche?
Il brettanomyces non ha più segreti. Un gruppo di scienziati australiani del Wine Research Institute ha finalmente sequenziato il genoma del fungo responsabile della “puzza di cavallo marcio” nel vino. La notizia getta nello sconforto i produttori “puzzoni”: pensavano fosse tipico e invece era un calesse (cit.)

I CATTIVI

1. Franco Maria Ricci
Che fine ha fatto il nostro amato Bibenda 7, la rivista telematica che doveva cambiare il…blablabla? Leggo le ultime parole lasciate in rete e trasecolo: “Bibenda7 andrà in vacanza e tornerà più fresca e stuzzicante a settembre”. Chiaro come il sole che, essendo a dicembre, something goes wrong. Faccio una modesta proposta: e se affidassimo la direzione ad Al Bano?

2. Il Gastronauta Davide Paolini
Da Starman a Space Oddity sono giusto due passi: nel vuoto, però. Che fine ha fatto la manifestazione Semplicemente Uva che l’anno scorso entrò in rotta di collisione con La Terra Trema del Leoncavallo? Puff, più nulla, dispersa nello spazio. Ground control to Major Tom

3. Il Consorzio dell’Asti spumante
So che sembra assurdo ma i consorziati non vogliono inserire il comune di Asti nel disciplinare della docg…Asti. Con assoluto sprezzo del ridicolo continuano a opporsi alle richieste di Gianni Zonin, proprietario di una tenuta che al momento è in terra di nessuno. Zonin minaccia ricorsi alla corte europea di giustizia e, così facendo, corre il serio rischio di diventarci simpatico.

4. Joe “ebBAstianich”
Cioè, nell’ultima puntata del programma Masterchef i concorrenti devono cucinare un piatto che si abbini al meglio con il vino bianco prodotto nelle tue tenute e io non dovrei scoppiare a ridere? Eddai, Joe, siamo il paese che le marchette le ha inventate, non lo sapevi?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

5 Commenti

luca ferraro

circa 10 anni fa - Link

Quel punto uno mi fa impazzire di gioia.

Rispondi

luca ferraro

circa 10 anni fa - Link

Dei buoni ovviamente ;)

Rispondi
avatar

zakk

circa 10 anni fa - Link

Bastianich fa meglio la tivvù del vino (si fa presto aggiungo io!!!), questo credo sia noto a tutti ormai.

Rispondi
avatar

Claudia Donegaglia

circa 10 anni fa - Link

il punto 4 dei cattivi per la caduta di stile del protagonista mi ha fatto scompisciare dalle risate claudia

Rispondi
avatar

Roberto

circa 10 anni fa - Link

Zonin compra una tenuta in terra di nessuno e poi pretende il cambio del disciplinare? A me pare patetico visto come ha cambiato il prosecco in Friuli... dai suvvia

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.