Diversamente Spritz | Il lemon-wine lo ha inventato mio nonno

di Antonio Tomacelli

Uno spritz nel vino ed è subito cocktail. Intravino vi regala le sette ricette facili per sconfiggere il caldo e sfuggire alla noia del “solito” aperitivo.

Dobbiamo l’invenzione dello spritz agli austriaci mollaccioni, che allungavano col seltz i vini della Serenissima, troppo alcolici per il loro fine palato. Da lì in poi è stato tutto un miscelare e le combinazioni si sprecano. E così, mentre i veneti si accapigliano sulla ricetta originale del popolare aperitivo, noi ci siamo fiondati in rete a caccia di alternative e ora siamo in grado di proporvi tutta una serie di spritz che ci traghetteranno verso il Ferragosto più caldo degli ultimi millenni. Il primo della serie ha un che di familiare: avevo cinque anni e già mio nonno spruzzava il limone nel vino ghiacciato. Poi mi passava il bicchiere. Il gin non ce lo ha mai messo ma, credetemi: con le gradazioni alcoliche di certi vinelli pugliesi di una volta, c’era poco da aggiungere. Eccovi, dunque la prima ricetta: il Lemon-wine Spritz.

1/2 cucchiaio di limone
1 cucchiaio di gin
una manciata di cubetti di ghiaccio
2 o 3 fettine di limone
Colmare il bicchiere col vino bianco e il seltz in parti uguali.
Mischiare delicatamente.

Ora tocca a voi: che vino usereste per questo cocktail? Il primo che dice Tavernello vince una viaggio di sola andata tra i ghiacci della Patagonia. Vi ho avvisati.

(Foto credits: Anna Williams)

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

9 Commenti

avatar

pietro

circa 9 anni fa - Link

Ferrari da supermercato.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 9 anni fa - Link

Sicuramente un vino bianco fermo con un precettibile residuo zuccherino

Rispondi
avatar

Durthu

circa 9 anni fa - Link

Tavernello! (il biglietto di ritorno lo pago da solo, no problem)

Rispondi
avatar

Vittorio Vezzola

circa 9 anni fa - Link

Moet ICE e non ci pensiamo più.

Rispondi
avatar

Michele

circa 9 anni fa - Link

Per restare in tema puglia. Dai miei suoceri ogni estate spunta il caraffone di vino bianco con le "percoche" (un incrocio tra pesche e albicocche, credo). La ricetta: - vino bianco privato ovvero locale e vinificato in proprio - percoche a pezzettoni a volontà - acqua q.b. A voi l'assaggio

Rispondi
avatar

luigi ardoino

circa 9 anni fa - Link

Lumassina brut spumante

Rispondi
avatar

irene stein

circa 9 anni fa - Link

Andiamo subito al sodo dai, il must della prossima estate è l'Ugo (o Hugo) di bolzanina tradizione ! Prosecco Sciroppo di fiori di Sambuco Lime (spruzzato appena appena ) Foglia di menta Ghiaccio SPruzzatina di Soda (ma anche no) Dissetante e più leggero dello Spritz (che resta indiscusso al numero uno delle mie preferenze). Posso solo dirvi (ma guai a voi se lo comprate) che Mionetto lo ha già messo in commercio come bevanda già miscelata...ma trovare lo sciroppo di fiori di sambuco non è mission impossible...anzi... reparto Food dell' Ikea ... e buona estate a tutti!

Rispondi
avatar

pietro

circa 9 anni fa - Link

Grande Irene non avevo fatto in tempo a comprare lo sciroppo di fiori di Sambuco a Riva del Garda dive l'Hugo era davvero un must... e a Padova non l'ho trovato.., ora so che l'Ikea non ha solo legno, salmone all'aneto e patatine straunte.

Rispondi
avatar

Il Chicco d'Uva

circa 8 anni fa - Link

Anch'io conosco una variante "limonina" del noto aperitivo. Al contrario degli austriaci, la mia proposta è molto alcolica ma favolosa: Limoncino e prosecco millesimato!!! Da provare in questa estate ancora non torrida!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.