Come ripulire i denti sporchi di vino senza dover scalare le montagne

di Elena Di Luigi

THE INDEPENDENT. Chi sotto l’effetto dell’alcol non si è mai lasciato scappare una parola di troppo e poi si è dovuto scusare  il giorno dopo? Con l’avvento del digitale, però, tutto è diventato paradossalmente più complicato. Il fenomeno del e-rant appartiene a quest’epoca dove una semplice bravata, magari fatta proprio con la mente offuscata da un bicchiere di troppo, viente postata su twitter o facebook e poi amplificata dal net. Ogni settimana si conta una nuova vittima che in 140 battute offende amici, parenti e colleghi. Da oggi alla raccomandazione di non guidare sotto l’effetto dell’alcol aggiungiamo quella di stare lontani da Internet che, proprio quando siamo meno vigili, ci attira come il canto delle sirene di Ulisse.

THE STAR PHOENIX. Proprio quando avevamo imparato a scegliere il bicchiere nel pieno rispetto del DNA delle uve, ecco un nuovo modello che, ci assicurano, bilancia l’acqua e il fuoco nel vino. La forma è molto simile a quella dei bicchieri dei degustatori professionisti, un tulipano ma con una base più larga e un orlo ristretto per limitare ogni possibile ossidazione nella fase di rotazione del vino. Bruno Quenioux, il tecnico che ha guidato la casa Baccarat nella realizzazione di questo modello, assicura che un vino bilanciato mette in evidenza tutti i suoi gli aromi e perde quella rusticità che invece risalta ogni volta che si sceglie un bicchiere tradizionale. Pare che il mercato cinese abbia già inoltrato gli ordini.

BBC. Mentre la Scozia introduce il prezzo minimo per unità di alcol (50p, il più alto della GB), in queste ultime settimane prima degli esami alcuni insegnanti inglesi hanno scelto i wine bars locali per ripassare con gli alunni. Grazie a un ambiente rilassante e da adulti le ragazze si concentrano di più. Per i ragazzi invece si è scelta un’attività da alternare allo studio come il rock- climbing. Gli insegnanti comunque hanno tenuto a precisare che in entrambi i casi non si consuma alcol ma solo caffeina.

MARKETING MAGAZINE. Oggi la qualità non è più sufficiente a vendere un vino e dunque si ricorre ad idee alternative. La cantina E&J Gallo è entrata in partnership con la Universal Pictures, dando la possibilità ai consumatori di ottenere su richiesta un DVD gratis. Attraverso un codice ricavabile dall’etichetta si può, inoltre, entrare a far parte di un film club che permette attraverso un sito di accedere a suggerimenti di vario tipo, per esempio, come realizzare una memorabile serata cinematografica a casa e come scegliere il vino e il cibo giusto. E pensare che una volta per divertirsi bastavano una buona bottiglia e un pò di amici.

WINE SEARCHER. Per alcuni avere i denti neri dopo un bel vino rosso al ristorante è un piccolo prezzo da pagare, per altri è la ragione per cui rinunciano a bere. Kimberly Walker, dopo aver provato di tutto per sbiancare i denti, perfino il sapone per le mani in un momento di disperazione, ha provato una soluzione che salvasse capra e cavoli e ha realizzato le Wine Wipes, cioè delle salviettine da utilizzare sui denti a fine pasto. Queste sono imbevute di sostanze che ristorano il bianco “che più bianco non si può” – per esempio bicarbonato e acqua ossigenata – e poichè hanno già ottenuto l’approvazione dai dentisti americani, è solo questione di tempo prima di vederli anche in questa parte dell’oceano.

2 Commenti

avatar

lanzo

circa 9 anni fa - Link

Purtroppo l'acqua ossigenata danneggia lo smalto, poi fate come vi pare.

Rispondi
avatar

AlcolGym

circa 9 anni fa - Link

Massì... una detartrasi ogni 8 mesi cosa volete che sia? ;)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.