Chiaretto di Bardolino 2020, la corvina in rosa fa sul serio

Chiaretto di Bardolino 2020, la corvina in rosa fa sul serio

di Andrea Gori

I numeri snocciolati dal Consorzio Bardolino riguardo il Chiaretto  sono davvero impressionanti e confermano ogni previsione sulla crescita dei vini rosa sul mercato e sull’ancora più promettente futuro, considerando anche che il livello medio della DOC è elevatissimo.

Giusto due numeri per farvi entrare nella situazione presentataci via zoom davanti a 50 campioni in fialette da 50ml dal direttore Angelo Peretti e dal presidente Franco Cristoforetti (proprietario di Villa Cordevigo): 100 produttori, 800 viticoltori che vendono ogni anno quasi 10 milioni di bottiglie (nel 2009 erano solo 4…) da 1000 ettari (sui 2600 complessivi della DOC Bardolino che comprende anche il rosso) suddivibili in 66 tipi di suoli differenti.

L’uva regina è la corvina, la stessa dell’Amarone della Valpolicella, con complementari rondinella e molinara, tutte molto scariche di antociani da cui il colore rosa pallido. Il 60% va all’estero con tanta Germania  ma anche tanti altri paesi legati al turismo estivo del Garda ma non solo (Francia, UK, Olanda, Canada); il Chiaretto Bardolino è inoltre sempre più richiesto negli Stati Uniti (dove durante il Covid sono state fatte tante attività con i sommelier a riposo forzato) e nord Europa dove la diffusione è limitata anche per l’impossibilità di vendere in bag-in-box e contenitori alternativi.

Un successo fatto di impegno in qualità e in marketing (dal 2014 è partito il progetto Rosè Revolution) che ha permesso di assecondare il fenomeno del vino rosa e al contempo offrendo al mercato un prodotto territoriale identitario e riconoscibile, che parte dal colore (il nome stesso “claretum” deriva dal colore dei vini che i romani producevano in tutta la Gallia Cisalpina e anche qui) e che continua con le note agrumate tipiche, la sapidità e gessosità del gusto fino a lambire note di complessità e vinosità spesso inusuali in un vino rosa. Il tutto in un range di prezzi che lo fa essere vino accattivante anche sotto i 10€ e comunque molto remunerativo per i produttori.

L’annata in esame era la 2020, decisamente favorevole alla tipologia e al suo equilibrio delicato tra frutto, acidità e struttura lieve con alcuni pregevoli assaggi anche di 2018 e 2019. L’anteprima di quest’anno ha avuto luogo in modalità remota, grazie alla partnership con Vignon e le fialette in vetro da 50ml che hanno facilitato l’invio di 50 campioni agli assaggiatori, la cui degustazione è stata resa molto più piacevole grazie alle tre porzioni di formaggio Monte Veronese in tre stagionature inviata insieme ai campioni.

Da un sondaggio tra i consumatori di questo vino il formaggio arriva infatti subito terzo come abbinamento e utilizzo del vino dopo il classico aperitivo e il pesce.

Schermata 2021-05-04 alle 19.45.43

 


Bardolino assaggi 2021


SCATOLA 1

1. Aldo Adami – Chiaretto di Bardolino 2020 leggerissimo colore, sapido, fresco, scattante, cipria e vaniglia pepata, bel finale arioso, 88
2. Bennati – Chiaretto di Bardolino I Gadi 2020 leggero e fine colore, arancio melograno, sorso un po’ aspro e tosto. 84
3. Benazzoli – Chiaretto di Bardolino Tecla 2020 colore lieve, fresco così come naso di rose e fragole, finale un poco erbaceo. 84
4. Vinicio Bronzo – Chiaretto di Bardolino Rosa Canina 2020 naso dimesso, erbaceo, mela rossa, fragola appena matura, finale piacevole. 85
5. Cantina di Soave – Chiaretto di Bardolino Classico Rocca Sveva 2020 floreale, rosa, peonie, succoso e placido, finale di discreta lunghezza 86
6. Cantina Caorsa – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 vinoso e intrigante, cipria e senape, melograno e ribes rosso, sorso fresco e diretto 87
7. Casaretti – Chiaretto di Bardolino Classico Rosa dei Casaretti Bio 2020 aromi di macchia, fragole e lamponi, bocca di spessore e buona finezza 85
8. Cavalchina – Chiaretto di Bardolino 2020 melograno, rosa lincoln, fragole, sorso vinoso di bell’impatto e grande finale 90
9. Corte Gardoni – Chiaretto di Bardolino Nichesole 2020 naso di agrumi gialli e pompelmo rosa, sorso piacevole e diretto, non profondissimo 84
10. Costadoro – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 saporito confettoso, finale con dolcezza insistita ma acidità regge bene il tutto 87
11. Costadoro – Chiaretto di Bardolino Classico Pink Diamond 2020 colore deciso e piacevole, agrumi rossi e gialli al naso, sorso intenso e succoso, grande acidità e sostanza 88
12. Gentili – Chiaretto di Bardolino 2020 cipria, vaniglia e fragola, bocca resinosa e acida, bel ritmo e piccantezza, frutto ricco ma elegante 88
13. Gorgo – Chiaretto di Bardolino Bio 2020 vaniglia pepe bianco e resina, sorso di sostanza e pepato, finale floreale e mentolato 86
14. Guerrieri Rizzardi – Chiaretto di Bardolino Classico Keya 2020 ampio e di struttura, ribes rosso, mandorle, nocciole, rosa damascata, sorso che pare solo all’inizio di un bel viaggio 91
15. Il Pignetto – Chiaretto di Bardolino 2020 placido, tranquillo e fruttato di fragola matura e ribes rosso, chiude con nettezza e sapidità 85
16. Il Pignetto – Chiaretto di Bardolino Le Morandine 2020 delicato e sinuoso floreale, bel frutto e mela, papaya, sorso lungo e personale 91
17. La Rocca – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 piacevole, saporito, scattante, sapido e lucido, bel ritmo 87
18. Le Fraghe – Chiaretto di Bardolino Rodon Bio 2020 menta e succosità, grinta e sapidità rimarchevoli, finale di grande lunghezza e personalità, più vino che bardolino 92
19. Le Ginestre – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 intenso floreale di rosa e viola, agrumato e pimpante, finale di sostanza e intensità non banale 88
20. Le Tende – Chiaretto di Bardolino Classico Bio 2020 confetto, lamponi, ribes rosso, finale lungo e speziato 89
21. Le Vigne di San Pietro – Chiaretto di Bardolino Corderosa 2020 ribes rosso, lamponi, pepe bianco, resine, finale con fiori e menta, bel ritmo 89
22. Le Morette – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 ribes rosso, fragole, resina, erbe aromatiche, sorso esplosivo ricchissimo e con sfumature speziate intriganti 93
23. Le Muraglie – Chiaretto di Bardolino Birò 2020 confetto, cipria, fragole e lamponi, sorso sapido e fruttato, finale distinto e pulito 88
24. Lenotti – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 cilegia, fragola, pepe e alloro, sorso succoso e pepato, finale di struttura e stile 89
25. Lenotti – Chiaretto di Bardolino Classico Decus 2020 lamponi, menta, ribes, grande sostanza, elegante il sorso con sapidità, lamponi, ribes rosso e mela rossa, speziatura e personalità 93


SCATOLA 2
26. Marchesini Marcello – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 vaniglia, cipria, tabacco e anice, piccante saporito e bel finale 88
27. Marchesini Marcello – Chiaretto di Bardolino Classico Coralin 2020 saporito e deciso, delicato e arioso, sorso di eleganza floreale intensa e lunghezza distintiva 92
28. Monte del Frà – Chiaretto di Bardolino 2020 rosa classico, importante sorso fruttato e acidità ben ritmata, arancio e pompelmo rosa, finale bello nitido terso come una mattinata primaverile 91
29. Morando Lorenzo – Chiaretto di Bardolino 2020 pepe bianco, zenzero, fragole e ribes rosso, sorso è piccante e sapido, finale vinoso e floreale 90
30. Albino Piona – Chiaretto di Bardolino 2020 mela rossa, ribes, lamponi e tocco di anice, sorso semplice e delicato 84
31. Poggio delle Grazie – Chiaretto di Bardolino Bio 2020 pompelmo rosa e pepe, sapido e fine, sorso intrigante anche se breve 87
32. Righetti Enzo – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 mela e canditi, zenzero e mallo di noce, sorso di asprezza e vinosità 84
33. Giovanna Tantini – Chiaretto di Bardolino 2020 delicato eppure profondo, floreale e fruttato, ribes, lamponi, mughetto, sorso intenso e sapidissimo 90
34. Santi – Chiaretto di Bardolino Infinito 2020 rosa e arancio, lamponi freschi e confettura zenzero, finale veloce 84
35. Sartori – Chiaretto di Bardolino 2020 cipria e fragola, gustoso e diretto, semplice ma efficace 85
36. Sartori – Chiaretto di Bardolino Mont’Albano 2020 ribes rosso e pepe nero, floreale intenso e profondo, finale di bella armonia 88
37. Seiterre – Chiaretto di Bardolino El Salgar 2020 pompelmo rosa, arancio, limoni, finale con bello agrumato persistente 87
38. Tenuta la Presa – Chiaretto di Bardolino I Territori 2020 balsamico di anice, erbe aromatiche e lamponi, sorso dinamico sapido e con ritorni di fiori 87
39. Tenuta la Presa – Chiaretto di Bardolino Le Selezioni 2020 importanza e distinzione, struttura aromatica molto fruttata e intensa, sorso fresco floreale, rose e cumino, bella complessità 93
40. Valetti – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 cipria, mughetto e viole, sorso di personalità e piacevolezza floreale. 88
41. Villa Calicantus – Chiaretto di Bardolino Classico 2019 evoluzione interessante con ossidazione che porta a floreale maturo, mela, lamponi in confettura, sorso vinoso e sapido con un’idea tannica che somma complessità a freschezza 87
42. Villa Medici – Chiaretto di Bardolino 2020 cipria e vaniglia, pompelmo rosa e lytchee, acidità che spinge molto e diverte 86
43. Zenato – Chiaretto di Bardolino 2020 rosa ciclamino e tiglio, sorso fruttato semplice e diretto 85
44. Zeni 1870 – Chiaretto di Bardolino Classico Anfora 2019 ossidazione ed evoluzione intrigante e delicata, liquirizia tabacco che affiancano rose, fragole e ribes rosso, sorso pimpante con speziatura che ne allunga la durata 88
45. Zeni 1870 – Chiaretto di Bardolino Classico Vigne Alte 2020 saporito, canfora, gessoso, ribes rosso, lamponi, zenzero, roccioso il sorso, finale di pompelmo rosa freschissimo 88
46. Vigneti Villabella – Chiaretto di Bardolino Classico 2020 cipria, mughetto e viole, arancio e acidità bella sostenuta, divertente e intrigante 89
47. Villa Cordevigo – Chiaretto di Bardolino Classico Gaudenzia 2018 talco, gesso, fragole e ribes rosso, in bocca è divertente giovanile e trasognante, scorre e disseta rilanciando di continuo nelle sue note fruttate e balsamiche 93
48. Vitevis – Chiaretto di Bardolino Cà Vegar 2020 floreale non freschissimo, un’idea di liquirizia tabacco e pepe nel frutto di fragola, sorso un poco contrastato 84
49. Vitevis – Chiaretto di Bardolino Cantina del Garda 2020 sottile e saporito, floreale, tocco tropicale e pepato, lieve tocco alcolico nel finale 84
50. Vitevis – Chiaretto di Bardolino Terre di Castelnuovo 2020 deciso floreale, fruttato sapido e netto, grande profondità e sorso di rimandi floreali fruttati e speziati, lunghezza non banale e impatto iniziale affascinante 91

L’assaggio è stato davvero piacevole e variegato nonostante la tipologia abbia parametri molto stringenti per preservarne la tipicità. Lo sforzo collettivo si sta muovendo sempre più verso nuove modalità di affinamento (quasi per niente legno ma esperimenti in anfora e altri contenitori sono la norma) e soprattutto versioni più intense e ricche che possono evolvere in maniera intrigante.

E’ interessante vedere come una tipologia sia riuscita a cambiare in maniera determinante la produzione delle aziende: il chiaretto valeva il 20% del Bardolino mentre ora è oltre il 50% rispetto al rosso (tra cui si trovano rossi stile Amarone e altri più pronti e freschi) comunque molto premiato da guide e giornalisti: una tipologia, il rosso, che si sta concentrando su cru e vini sempre meno di tecnica e più di territorio e di livello più elevato anche come prezzo medio.

Un fenomeno rischioso quello dei rosa rispetto al mercato perchè rinunciare ai milioni di turisti sul Lago di Garda poteva non essere indolore ma l’appeal sui canali ecommerce e alternativi ha permesso di tenere botta. Non poteva mancare un cenno alla lattina: da parte del Consorzio è una strada interessante perchè la lattina di vino rosa, con bollicine o senza, rappresenta uno dei vini ideali del prossimo futuro secondo gli studi di settore e di mercato. La legislazione per ora ne impedisce la produzione ma c’è da scommettersi che il Chiaretto potrebbe davvero essere la killer app di questo contenitore anche per tanti appassionati che la odiano in maniera viscerale.

Il tempo ci dirà chi avrà ragione ma non c’è fretta, per adesso possiamo ancora e sempre più goderci questi vini bandiera del vino rosa italiano che portano avanti la loro impresa di qualità insieme agli aderenti a Rosa Autoctono, il Consorzio di secondo livello che unisce le più importanti DOC rosa d’Italia.

 

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

6 Commenti

avatar

Dario

circa 1 mese fa - Link

C'è futuro per il Vino Rosa, anche in Italia!

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 mese fa - Link

Direi proprio un futuro ROSEO! basta crederci però...non fare come si è fatto finora

Rispondi
avatar

bevo_eno

circa 1 mese fa - Link

ma i voti espressi, sono relativi alla categoria oppure valgono tout court? cerco di spiegarmi un chiaretto con 92 equivale, in termini di voto si intende, ad un Brunello di montalcino con lo stesso voto?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 1 mese fa - Link

si, in pratica hanno le stesso valore in termini di qualità e finezza. Certo che un Brunello da 92 punti e 50 euro però è mano pregevole di un Chiaretto da 10 con lo stesso punteggio

Rispondi
avatar

Eb2323

circa 1 mese fa - Link

Secondo questa logica prendere nove alle elementari non è come prenderli all' liceo. Mi sfugge il concetto. Bisognerebbe fare, serie A, B, Champions e superlega dei vini. Oppure usare un metro più parco nei 100 centesimi che mi sembra sia sfuggito di mano un po' a tutti.

Rispondi
avatar

Vinologista

circa 1 mese fa - Link

Ciao Andrea, Hai avuto modo di assaggiare anche il Chiaretto Campo delle rose dell'azienda Tinazzi ? Lo assaggiato l'anno scorso e l'ho trovato interessante.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.