Champagne, per brindare alla faccia degli elettori

di Antonio Tomacelli

Non credo ai miei occhi! Dopo mesi di ricevute e spese pazze, finalmente sbuca fuori uno scontrino per l’acquisto di vini e champagne: la Casta beve e, a giudicare dalle bottiglie acquistate, beve anche benino. Niente di particolare, sia chiaro: che vuoi che siano 784 euro in confronto alle spese di un Lusi (cantina superattrezzata nella villa comprata con i fondi del partito) o di un Formigoni in vacanza milionaria a sua insaputa, ma la soddisfazione resta grande. A regalarcela è il capogruppo del PDL della Regione Lazio, Franco Fiorito, accusato dalla magistratura della solita distrazione dei fondi di partito. Al vaglio degli inquirenti stanno passando una serie di bonifici presso le banche spagnole che il Fiorito, pensa che fantasia, intestava a se stesso.

Il capogruppo e/o cassiere è stato immediatamente defenestrato dal PDL e costretto alle dimissioni ma lui, per tutta risposta, ha reso pubbliche le richieste di rimborso dei consiglieri della Regione Lazio. Insomma, visto che il più pulito c’ha la rogna, muoia Sansone con tutti i filistei e zac!, spuntano le ricevute per un servizio fotografico da 9.000 euro e una cenetta intima per 120 persone in un ristorante da 40 coperti. E poi, finalmente, lei, la ricevuta dei nostri sogni emessa da un’enoteca romana con tutti gli item perfettamente registrati e rimborsati. Ora che il vino è sbucato fuori possiamo dirlo: la società dei magnaccioni beve, e beve alla faccia nostra.

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi e Stefano Caffarri il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

11 Commenti

avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

però sembrerebbero acquisti per regali di Natale piuttosto che per autoconsumo, come suggerisce l'acquisto di tre cassette vuote il 22 dicembre.

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Non credo che un tesoriere autorizzerebbe mai una spesa simile per autoconsumo. Probabilmente le cassette sono un "copertura" ma resta il fatto che questi qui regalano champagne a spese nostre

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 9 anni fa - Link

Sottovaluti la facciaculaggine dei politici e sindacalisti. Ti assicuro che non hanno problemi a fatturare per autoconsumo.

Rispondi
avatar

Antonio Tomacelli

circa 9 anni fa - Link

Parola di enotecario, quindi m'azzitto :-)

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 9 anni fa - Link

La cosa sconfortante é lo scontrino n 12 e numero 13 alle 18.23 del 22 dicembre. Dopo sono falliti???

Rispondi
avatar

Federico

circa 9 anni fa - Link

Non è detto ... se i precedenti 11 scontrini erano anch'essi fatti tutti a politici! :-) :-(

Rispondi
avatar

MAurizio

circa 9 anni fa - Link

Però. Fatto salvo che è una fattura del 2010 (diciamo in epoca più "spensierata" e con meno attenzioni "castali") NON è che il titolare dell'enoteca si sia inalberato, da probo cittadino che paga le tasse, all'idea di vendere la propria merce a chi l'avrebbe pagata con denaro sostanzialmente "pubblico" :-) Perchè la questione vera è questa: i soldi di "spasa pubblica" finiscono in gran parte nelle tasche di probi cittadini. E se una parte di questi soldi finiscono in mance o tangenti è perchè altri probi cittadini accettano di pagarle ...

Rispondi
avatar

Elena

circa 9 anni fa - Link

Quello che fa male davvero e' dover ammettere che le ruberie sfacciate, le bugie da barzelletta di Zelig, le cricche, il disprezzo delle leggi, l'oltragio ai cittadini avvengono proprio perché a fronte di una classe dirigente arraffona nessuno oppone ferma resistenza. Fanno questo e noi lo permettiamo...

Rispondi
avatar

Elena

circa 9 anni fa - Link

Insomma sembra che per reggere l'enorme peso del governo di uno stato non ci sia scelta : serve un goccetto di quelli giusti! E che caspita lo vogliamo forse negare a persone che per fare gli interessi di pochi si spremono dalla mattina alla sera le meningi?

Rispondi
avatar

Il chiaro

circa 9 anni fa - Link

Si, ma a breve moriranno perché mi pare si sia bevuto maluccio

Rispondi
avatar

ag

circa 9 anni fa - Link

Brunello da Vinci......

Rispondi

Commenta

Rispondi a Il chiaro or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.