Champagne Bruno Paillard Blanc de Blanc Millesime 2012 e la vendemmia 2020

Champagne Bruno Paillard Blanc de Blanc Millesime 2012 e la vendemmia 2020

di Andrea Gori

L’occasione di incontro con Alice Paillard in una Milano ancora timorosa post Covid è stato profondo e interessante perchè ci ha permesso di fare ancora una celebrazione per la 2012 in Champagne con il nuovo millesimo in uscita dalla maison, ma anche per parlare del momento complicato della denominazione sui mercati in realtà molto esagerato da certa stampa più che reale. Soprattutto si è parlato di una vendemmia 2020 quasi miracolosa se non altro perché  sceglie di accontentare i vigneron con la giusta quantità di uva per far felici tutti senza danneggiare gli affari delle grandi maison.

Una vendemmia sorprendente per tempistiche (anticipata ma soprattutto con tutto il pinot nero in cantina entro il 10 settembre) ma di alta qualità che completa il trittico di annate calde ma perfette che comprende anche 2018 e 2019, annate che saranno molto utili per i prossimi assemblaggi e foriere di qualche bell’exploit in termini di millesimati.

Alice ci racconta  in questo video il suo punto di vista:

Venendo alla 2012 in esame abbiamo assaggiato il nuovo nato Blanc de Blancs che rimarca quanto di bello abbiamo già assaggiato di questo millesimo quindi concentrazione, vigore e intensità senza cedimenti di freschezza e sapidità, un’annata già godibile per molte maison ma che per Paillard necessita sempre di qualche anno in più di attesa.

Inverno mite poi febbraio molto rigido e sotto zero anche di 20 gradi per molte occasioni, poi primavera dolce con molta pioggia e purtroppo gelate. Pioggia e temporali sono la norma fino all’estate che vede caldo e sole fissi solo ad agosto fino ad arrivare a sorprendenti stress idrici. Vendemmia sotto il sole tranne qualche giorno difficile più umido a dare alta qualità e poca resa: annata di contrasti, adatta ai colpi di genio…

In etichetta questo 2012 ha un quadro raffigurante un ciliegio fiorito dai contrasti cromatici elettrici inaspettati a illustrare il tema dell’annata, ovvero,  “Dove la forza sposa la grazia” dipinto da Takehiko Sugawara. Nasce da sole uve chardonnay da Oger e Mesnil sur Oger di cui il 20% vinificato in rovere. Otto anni di affinamento in cantina poi 18 mesi di attesa dopo il degorgement e dosaggio pari a 3gr/lt.

paillard 2012 alice

Bruno Paillard Champagne Blanc de Blancs Millesime 2012 
Floreale grandioso di ginestra e gardenia, rarefatto e speziato eppure carnoso e dolce, mela cotogna, arancio e alchechengi, pompelmo giallo e rosa, limone e zest, talco e petricore, tostature e brioches, miele di tarassaco e robinia. Sorso sorprendente per agilità e ritmo che infonde in tutta questa materia esplosiva, finale di lunghezza e confetto di mandorle, tambureggiante sapido con maturità di frutto che spunta fuori di continuo ribaldo e tropicaleggiante. Un vino insolitamente carnoso e dolce nei modi cui non si è abituati  per la maison che però marchia la materia con una rassicurante acidità che lo farà crescere bene e a lungo. 96+

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

3 Commenti

avatar

hakluyt

circa 3 mesi fa - Link

Non sono un esperto di champagne, qualcosa mi sfugge. Se il 2012 è l'anno della vendemmia, otto anni di affinamento in cantina e "poi" 18 mesi di attesa portano ad una disponibilità delle bottiglie per la seconda metà del 2022. Oppure l'attesa fa parte dell'affinamento ??? Scusate per la domanda che a molti di voi parrà ingenua...

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 3 mesi fa - Link

Ciao hakluyt! in realtà trattandosi di una anteprima non ancora in vendita c'è da considerare il fatto che sono finiti i mesi sui lieviti e sta iniziando adesso il tempo di riposo in bottiglia . Quando sarà disponibile sul mercato saranno passati più o meno tutti i tempi previsti dalla scheda.

Rispondi
avatar

hakluyt

circa 3 mesi fa - Link

Grazie per la risposta.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.