Bordeaux 2017 Rive Gauche: il miglior rapporto qualità prezzo del decennio e St. Estephe sul tetto del mondo

Bordeaux 2017 Rive Gauche: il miglior rapporto qualità prezzo del decennio e St. Estephe sul tetto del mondo

di Andrea Gori

Non è un bellissimo momento per i primeurs a Bordeaux e, nonostante la 2018 sotto esame questa settimana sia potenzialmente una delle migliori annate dal 2000 ad oggi, non si dormono sonni tranquilli. Rispetto ai tempi d’oro (ovvero fino al 2010) non è così automatico che investire nei primeurs (ovvero comprare il vino in botte mesi e anni prima dell’arrivo sugli scaffali) porti a significativi risparmi per collezionisti e investitori in Chateau. Il risultato per adesso sono magazzini con la 2016 che si vende ben ma non fa guadagnare e una 2017 massacrata ex ante dalla critica che rischia di non vendere se non tra qualche anno. Peccato perchè i prezzi sono del 30-40% inferiori alla 2016 (avvicinandosi alla 2014) ma la qualità è molto più consistente di quanto si potesse immaginare. Vini con eleganza e succulenza, senza esagerazioni né in calore e frutto né in note legnose, un’annata dove la maestria dei vigneron ha fatto sì che non si perdesse la buona qualità della poca uva (in molti casi) sopravvissuta alle cospicue gelate di primavera, il caldo dell’estate e la sfortunata pioggia di metà settembre che ha rovinato una vendemmia dalle prospettive ottime. Le gelate, in ogni caso, hanno risparmiato quasi del tutto le denominazioni a nord (St Estephe, Pauillac e anche St Julien) e anche andando verso sud  ci sono stati problemi a Margaux  e nelle Graves.


Margaux


Boyd Cantenac – Pepato, arioso e balsamico dalla bocca piccante, curiosa e lieve, bella forza. 91
Cantenac Brown – Roccioso, fruttato di bosco molto scuro, bocca balsamica tannino bellissimo. 92
Dauzac – Balsamico mentolato, anche alloro e lentisco. Bocca di pepe densa e ricca di tannino. 90
Desmirail – Ampio frutto rosso e confettura, bocca lieve, sottile, con scissa tannica sul finale. 89
Giscours – Elegante e serioso, legno bello e frutto ricco, tannino solido e pieno in agilità, non in peso, stile fine. 91
Issan – Peperoni e pomodori, mirtillo e fichi maturi, bocca sottile e tannino con tocchi agrumati. 87
Kirwan – Floreale di lavanda, rose e sottobosco, bocca con bel frutto e tannino ben disposto. 90
Labegorce Margaux  – Pepe, sandalo e cardamomo, bocca dal frutto pieno, ricco. Molto legno ma in prospettiva molto solido. 90
Lascombes – Floreale, poi resina, pepe e liquirizia, bocca sostenuta da legno, frutto esile. 88
Marquis d’Alesme – Affascinante spezia orientaleggiante, bocca dal frutto e tannino tambureggianti, solenne ed elegante insieme. 93
Marquis de Terme – Leggiadro, fine e piccante, frutto ampio e rosso. Bocca compita e stuzzicante. 90
Palmer – Scuro e vorticoso, frutto nero e ampio, bocca con tannino in definizione ma affascinate e sontuoso, dura secoli nel palato. 96
Prieure Lichine – Sottilmente fruttato ma molto balsamico, prugne e rosa canina, ginepro. Bocca stupenda e ricca. 91
Rauzan Gassies – Rotondo e pepato, bocca esile ma equilibrio suo particolare, tannino ottimo. 92
Rauzan Segla – Cardamomo, tocco di smalto, artemisia e senape, bocca con frutto e sale. 92
Siran – Pepe, cardamomo e mandorle, poi amarene e prugne. Bocca ampia ma sottile, tannino fine e promettente. 90
Tertre – Pepe, mallo di noce e ciliegie, bocca di eleganza e finezza, sottile. 91
Tour de Bessan – Fragole in confettura, tannino croccante con tracce verdi. 88
Tour de Mons – Legno e caffè, cassis e rafano, bocca di sostanza ma tannino che ruga molto. 88


Pauillac


Armailhac – Ricco e preciso ma anche molte note verdi, bocca piacevole ma con qualche ruga. 87
Batailley – Ampio e fine il naso molto floreale, di rose e lavanda. Bocca semplice e lineare ma con una bella energia futura. 93
Clerc Milon – Amarene e confettura rossa, bergamotto e pepe, bocca fine e sottile ben condotta in agilità. 90
Croizet Bages – Spezia, legno e resine, miele di carrube e pepe, mirtillo al palato e frutto pieno, tannino che soddisfa. 90
Duhart Milon – Sandalo e pepe, fragole e cacao, bocca molto ricca e ben condotta, bellissimo tannino. 91
Fleur Peyrabon – Floreale e smalto, tostature e ginepro, bocca agile e fine con poche pretese ma che ha buona misura. 88
Grand Puy Ducasse – Intenso balsamico e roccioso, tannino speziato e finale con frutto scuro che intriga. 90
Grand Puy Lacoste – Sandalo, more e prugne, bocca con pienezza e armonia, spinta tannica precisa e profonda. 93
Haut Bages Liberal – Balsamico, pigne, elicriso e ginepro, rose e fragole con vaniglia, sorso ampio e ricco ma soprattutto elegante. 94
Haut Batailley – More e mirtilli, piccantezza di frutto, senape e acqua di rose. Bocca personale, soffice e lunga. 92
Lynch Bages – Pepe e spezia scura, sandalo, poi cuoio, cardamomo e cumino. Bocca elegante con tannino prezioso. 92
Lynch Moussas – Cumino e chiodo di garofano, noce moscata e more, bocca splendida con energia e sottigliezza. 93
Pedesclaux – Moderno, raffinato con potenza ed eleganza, bel frutto e spezia fine, bocca animosa con tannino ben colto. 92
Pichon Baron – Scuro e pepato, frutto nero di mirtillo, more e prugne, tannino appuntito ma bello e profondo. 95
Pichon Longueville Comtesse Lalande – Affresco fruttato di stupefacente fattura: fragole, lamponi, mirtillo, melograno, tannino e corpo fini e sottili ma con una perstenza infinita. 96
Pontet Canet – Impetuoso e irresistibile, amarene e sandalo, lenticchia, anice e tabacco, bocca di incredibile ricchezza eppure sottile, meraviglioso in allungo. 96


Pessac Léognan (Graves)


Domaine de Chevalier – Sontuoso e netto floreale di rose, poi cassis e potenza, sorso ricco e sapidità, finale con tannino bellissimo. 94
Carbonnieux – Intenso e balsamico, frutto piccante e presente, sorso imperioso e fumè. 92
Les Carmes Haut Brion – Floreale,  polveroso, note di lavanda e rose, tannino preciso. 92
Couhins – Lavanda e mirtillo, fragole in confettura, tannino ricco ma non risoluto. 88
Haut Bailly – Pepe liquirizia e rafano, sorso preciso stuzzicante e delicato. 89
Larrivet Haut Brion – Menta, pepe nero e melanzana, bocca di noci e more, tannino che graffia un poco. 87
La Mission Haut Brion – Incenso e fiori, ricchezza e agilità, piccantezza e raffinatezza, sorso monumentale di precisione e bellezza tannica che non stanca mai. 96
Latour Martillac – Balsamico incenso e tabacco dominicano, tannino sottile e prodigiosi agrumi e menta. 93
Lespault Martillac – Ricco, rosso frutto in confettura, prugna e olive, sorso deciso, spigliato e lunghissimo. 93
Malartic Lagraviere – Rose, bergamotto e alloro, bocca che svolge in rivoli di piacere fruttato e sapido e intriga in allungo. 95
Olivier – Solido elegante senza eccessi di frutto in bocca, è elegantissimo e fine con bella struttura. 90
Pape Clement Pessac-Léognan Rouge – Ricchezza ed eleganza, struttura fine e lunghissima, opulenza e tannino splendido che sveglia e infiamma la persistenza sontuosa. 96
Picque Caillou – Mandorle e amarene, note candite, bocca ampia, fine, leziosa ma che seduce. 91
Smith Haut Lafitte Pessac-Léognan Rouge – Piccante e pepato, caramello e resine, sorso pieno e sontuoso, bel finale grintoso. 94


Saint-Estèphe


Calon Segur – Affreschi di rose e caramello, pepe rosa e mirtilli, bocca splendida che affonda e seduce, tannino superbo e sottile con energia. 97
Capbern – Pieno, succoso, mentolato, è solido, ferro e noci, tannino ottimo. 91
Cos d’Estournel – Mallo di noce, agrumi canditi, alloro ed elicriso. Bocca devastante per impeto, completezza e definizione, meraviglioso. 95
Cos Labory – Amarene, pepe e sandalo, bocca elegantissima e raffinata. 92
Haut Marbuzet – Ricco e pepato, bocca sottile e fine con finale energico e bel tannino. 90
Laffitte Carcasset – Speziato con tocchi di lacca, more e mirtilli, bocca in equilibrio con frutto e tannino profondo. 91
Lafon Rochet – Arioso e lieve, pepato e di struttura, in bocca ha tannino appena rugoso 88
Meyney – More e chiodo di garofano, china e rabarbaro, amarena al palato con tannino intrigante. 90
Montrose – Amarene e pepe, bocca mediterranea e solare, sorso lungo e fitto. 90
Ormes de Pez – Arioso, sottile e floreale, bocca lieve e croccante ben condotta. 88
Phelan Segur – Scuro e rosso di frutto, pepe e piccantezza, zenzero candito, bocca di grande polpa e tannino solidissimo. 94
Tour de Pez – Fresco e balsamico, frutto fine e sottile , profondità e note fresche. 90


Saint-Julien


Beychevelle – Ricchissimo ed esplosivo, acceso e intrigante, bocca di buona polpa festosa e solare, cangiante. 92
Branaire Ducru – Pepe e oscurità, amarene e datteri, bocca non molto accesa ma materia bella e tumultuosa. 91
Clos du Marquis – Note verdi invitanti di vaniglia e pepe, bocca un po’ strozzata da legno. 87
Gloria – Serioso e solido, liquirizia, olive e cassis, bocca agile e molto sottile. 88
Lagrange – Piccante e legnoso ma bello e solido, bocca con frutto scuro e agrumi che si rincorrono, bello il tannino. 91
Langoa Barton – Spezia, coccoina e zenzero, mirtillo e mora, in bocca ha polpa, succo e tannino ben disposto. 90
Leoville Barton – Elegante e sontuoso, pepe, more, alloro, sandalo e fava tonka, sorso di polpa e precisione tannica. 94
Leoville Poyferre – Scurissimo di colore e note ma esplosivo e cangiante, amarene, lamponi, pepe e sandalo, tannino splendido e accordato al millimetro. 94
St Pierre – Sandalo, poutpourry floreale, menta e anice, bocca ricca e dolce, di bella freschezza. 93
Talbot – Elegante, fine e aristocratico, rose e lavanda, bocca setosa e promettente. 92

 

 

 

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

1 Commento

avatar

Fernando

circa 4 settimane fa - Link

Ottimo articolo

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.