Autochtona, l’insolita fiera del vino

di Intravino

Celosò: il weekend lo passerete legati a una poltrona con l’obbligo di votare il bilancio, pena uno spread che neanche lo Zambia. Lunedì, però, liberatevi da lacci e lacciuoli e fiondatevi come saette in quel di Bolzano per godervi i quattro giorni di Autochtona, l’imperdibile forum sui vitigni italiani che si terrà dal 17 al 20 di Ottobre. Come dite? Volete qualche motivazione in più per schiodarvi dalla poltrona? Detto, fatto: 100 aziende da 18 regioni con oltre 300 etichette in degustazione possono bastare? Hey! ho detto degustazione non “girone infernale con migliaia di vini stracotti dal caldo”, chiaro? Autochtona non è la “solita fiera” ma uno dei più interessanti incontri sul vino da godersi in tranquillità, incontrando i produttori e assaggiando il meglio della produzione da vitigni autoctoni.

Solo dal Piemonte, per esempio, 30 cantine d’eccellenza cercheranno di dimostrare che “c’è vita oltre il nebbiolo”: cortese, dolcetto, grignolino, freisa, moscato e timorasso non saranno più la vostra dark side of the moon ma una piacevole conferma. Vogliamo spendere due parole sulla più completa degu di Lagrein che la storia umana e disumana abbia mai conosciuto? Save-the-date, allora: mercoledì 19 ottobre 21 etichette in fila per Tasting Lagrein e non dite che non vi avevo avvisato.

Dimentico niente? Ah, si, qualche piccolo particolare: il sito del Forum è completissimo, cosa rara di questi tempi, e c’è un parcheggio comodo e ampio. Bonus per i fanatici bio: si fittano le biciclette. E adesso provate a dirmi che “Autochotona è la solita fiera”!

14 Commenti

avatar

A3C

circa 10 anni fa - Link

A me del Timorasso...non mi è mai importato molto... e nemmeno della Passerina passita... P.S. Citofonare Grazioli per referenze

Rispondi
avatar

Francesco Annibali

circa 10 anni fa - Link

raga a me questo sponsor post 'un mi garba 'na sega

Rispondi
avatar

Marossi

circa 10 anni fa - Link

Informazione molto interessante, purtroppo Bolzano è troppo lontana. Eventi come questi dovrebbero farli come minimo a Milano. Spero che un vostro prode si rechi in loco e riferisca. Un appunto: smettiamola, vi supplico, con invereconde epsressioni come "save the date". Dio mio, ma non sapete nemmeno scrivere 'promemoria'?

Rispondi
avatar

A3C

circa 10 anni fa - Link

Marossi 6 grande.... ancora M sto spanciando con la storia del Fumigante dei Conti della Fornace...e quando fai il maestrino colla penna rossa 6 semper impeccabile...un giorno a l'altro dovrai svelarmi K timorasso 6...spero solo K T NN sia di Genova (marassii...? marossi...ma passi)

Rispondi
avatar

Marossi

circa 10 anni fa - Link

Per 3caffè: tranquillo, sun de Milàn. Forse. In ogni caso il Fumigante è piaciuto persino a F.Ziliani, che ne ha scritto meravigliato: pur trattandosi di un vino ben diverso da quelli che il Nostro predilige - con la sua mostruosa opulenza -, Ziliani è arrivato a scrivere: "(...)il confronto con l'Es è ampiamente stravinto. Il Primitivo di Fino, assaggiato appena dopo il Fumigante, è sembrato esile come un Lago di Caldaro. Intendiamoci: non è il mio vino, questo dei Conti della Fornace, ma è, nel suo genere, monumentale. Dedico questo commento a chi mi crede capace di apprezzare solo i nebbioli". Cordialità P.S.:Montes mi ha scritto in privato che il Fumigante ha scalzato persino Calabretta, nel suo personale empireo. Vedi un po' tu, 3caffè.

Rispondi
avatar

esperio

circa 10 anni fa - Link

Irritante, eh? Purtroppo, di pronipoti di quel Salvatore del "Il nome della rosa", l'Italia ne' e' piena. A volte basta soltanto una capatina a Londra e si e' contaminati. Cheers.

Rispondi
avatar

Marossi

circa 10 anni fa - Link

Basterebbe facessero la stessa fine di Salvatore, tutto sommato.

Rispondi
avatar

sebelloni mazzancolle ribollito vien dal mare

circa 10 anni fa - Link

Marossi parli proprio tu che ci propini citazioni latine che manco al liceo? Che parli popperianamente pensando che noi si capisca qualcosa? prima di quardare la trave che ha nell'occhio la redazione di IV guarda la pagliuzza che hai nel tuo... s.a.a. t.v.b. q.v.a p.

Rispondi
avatar

Marossi

circa 10 anni fa - Link

Mazzancolla dei miei stivali, tu metti sullo stesso piano il latino e l'inglese? Ma dove siamo finiti? Si vede che bevi troppo lambrusco, è chiaro!

avatar

esperio

circa 10 anni fa - Link

Eppure un lambrusco accompagnatore di un buon piatto grasso e usato con temperanza, non merita derisione.

Rispondi
avatar

Marossi

circa 10 anni fa - Link

Ma dimmelo a me. L'Otello Nero di Lambrusco Ceci è molto meglio del Giulio Ferrari, sia chiaro.

Rispondi
avatar

esperio

circa 10 anni fa - Link

Mai avuto l'onore dell'assagio. Ma non vedo il perche di non doverti credere sulla parola.

Rispondi
avatar

sebelloni mazzancolle ribollito vien dal mare

circa 10 anni fa - Link

L’Otello Nero di Lambrusco Ceci è molto meglio del Giulio Ferrari, sia chiaro. Certo certo e il Tavenello frizz in bottiglia è meglio del Bellavista

Rispondi
avatar

Marossi

circa 10 anni fa - Link

E' una guerra culturale, ribollitone: qualsiasi buon vino da vitigno autoctono è ipso facto meglio di uno chardonnay.

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.