Assaggi Modena Champagne 2021: Montagne de Reims e Vallée de la Marne

Assaggi Modena Champagne 2021: Montagne de Reims e Vallée de la Marne

di Andrea Gori

Montagne de Reims e Valle della Marne rappresentano lo zoccolo duro delle uve nere e di carattere e luogo di bellissime scoperte negli ultimi anni, ma il cambiamento climatico ha cambiato non poco le carte in tavola perchè maturazione e precisione del vitigno non sono sempre state ottimali con vendemmie molto precoci e dai ph e caratteristiche fenoliche inusuali.

La tipologia blanc de noir però rappresenta la cuvée più in voga e di moda nella regione e gli esempi di prodotti magnifici in questa categoria sono la vera novità in Champagne degli ultimi anni e il pubblico risponde in maniera decisamente entusiasta tanto che ormai le cuvèe bdn sarebbero quasi da suddividere in quelle più vinose e simili ai rosè e a quelle che si tengono più fresche e sapide.

Nella Valle della Marne fioriscono talenti e nuovi interpreti via via che il meunier esce dal ruolo di gregario e assurge al ruolo di protagonista e anche qui il clima bizzarro lo ha aiutato non poco ad affermarsi sempre di più anche in purezza (di questi ne abbiamo assaggiati pochi, ci rifaremo presto!).

NB: le descrizioni delle aziende e i dati sulle cuvèe sono stati forniti dall’organizzazione di Modena Champagne, assaggi e punteggi dalla redazione di Intravino.


Champagne Henri Giraud
La Maison di Champagne Henri Giraud ha origini antiche. Fondata nel 1625 dalla famiglia Hémart ad Aÿ, l’azienda si sviluppò nel 1900 con l’unione fra Madeleine Hémart e Léon Giraud. Léon rico- nobbe l’eccellenza dei terreni e ripiantò la vigna distrutta dalla Filossera. Oggi Champagne Henri Giraud è guidata dalla dodicesima generazione di Hèmart-Giraud con Claude Giraud, enologo con studi in Borgogna, che ha reso Champagne Henri Giraud una delle migliori Maison di Champagne al Mondo. L’azienda oggi produce circa 260mila bottiglie l’anno.

Fut De Chene MV16
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 70% Pinot Noir, 30% Chardonnay Dosaggio (g/l): 7/8
Mesi sui lieviti: 60
Il 30% da vini della riserve perpétuelle dall’annata 2000 alla 2015 danno note eteree e balsamiche molto nitide su cui la trama fruttata si distende benissimo, prugne e camemoro, crostata alle more, fichi verdini, chiodo di garofano e zenzero sul finale. 94

Argonne 2013
90% pinot noir 10% chardonnay
Fermentazione in legno di foresta di Argonne da cui prende il nome, un tempo un vino decisamente marcato dal legno che oggi si rivela intenso frutto e luminoso, ha incedere speziato e balsamico che esalta prugne, melograno, cassis e albicocche mature. Sorso di intensità, piacere e grazia anche se necessita di un poco di pazienza in bottiglia per esprimersi a pieno. Ma la sensazione è quella di avere nel bicchiere un altro fuoriclasse. 96


Champagne Pascal Lejeune
La storia di questa maison è molto recente, visto che tutto comincia, grazie a Sandrine e Pascal, nel 1995. In precedenza la famiglia conferiva le proprie uve a una cooperativa nata a Moussy. La voglia di vinificare in proprio dal 2015 ha coinvolto anche il figlio di Sandrine e Pascal: Thibault (quinta generazione). Le uve per gli champagne di Pascal Lejeune provengono da piante che non hanno mai meno di 25 anni di età. Gli champagne di questa maison sono generalmente realizzati con utilizzo di acciaio, con un piccolo saldo vinificato in legno di Borgogna.

Metonymie
Tipo: Bianco
Millesimo: 2018
Uvaggio: 53,75% Meunier, 33,75% Chardonnay, 12,50% Pinot Noir
Dosaggio (g/l): 6
Mesi sui lieviti: 36
Dalla raccolta 2018 nei cru di MOUSSY, VINAY et EPERNAY, vino che esalta la morbidezza e la piacevolezza con frutto ricco mela golden e rossa e tanto floreale di campo, sorso croccante e salino. 90

Anaphore
Tipo: Bianco
Millesimo: 2018
Uvaggio: 100% Chardonnay Dosaggio (g/l): 7
Mesi sui lieviti: 36
Bdb deciso e fresco, gesso e agrumi in vari colori e versione compreso un floreale di zagara affascinante, sorso con equilibrio acido sapido dolce benissimo condotto. 91

Litote
Tipo: Bianco
Millesimo: 2018
Uvaggio: 50% Chardonnay, 50% Meunier
Dosaggio (g/l): 5
Mesi sui lieviti: 36
Struttura e corpo ben evidenti anche dal naso, ricco e sfaccettato anche se gli agrumi prevalgono notevolmente sul resto, sorso ricco e speziato, di bella lunghezza. 92


Champagne Jacquesson
Dal 1798 questa Maison porta il nome del suo fondatore. Lo Champagne Jacquesson fu il preferito da Napoleone che, nel 1810, gli conferì la medaglia d’oro per «la Beauté et la Richesse de ses Caves». Oggi la Maison Jacquesson & Fils concentra i suoi sforzi per dar vita a una produzione annua che si aggira sulle 250.000 bottiglie. Nonostante il successo, la produzione non è mai stata gonfiata, e gli approvvigionamenti di uve provengono essenzialmente dai vigneti di proprietà (28 ettari), di cui 11 situati nella Côte des Blancs, ad Avize.

Cuvée n° 744 Extra Brut
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 1/3 Chardonnay, 1/3 Meunier, 1/3 Pinot Noir Dosaggio (g/l): 0,75
Mesi sui lieviti: 48
La base 2016 offre un telaio di elasticità nervosa perfetto per esprimere le note di grazia e finezza di questa composizione, albicocca e pesca di volpedo al naso insieme a pompelmo e pepe lo rendono invitante e particolare mentre al sorso ha già bella piacevolezza e acidità pimpante ma ovviamente il tempo sarà gentiluomo di classe per questa cuvèe. 93+

Terres Rouges Dizy 1er Cru
Tipo: Bianco
Millesimo: 2013
Uvaggio: 100% Pinot Noir Dosaggio (g/l): 0,75
Mesi sui lieviti: 72
Eleganza e freschezza del millesimo in bella evidenza, note di mela, susina gialla, bergamotto e tamarindo miste a floreale rosso e giallo, sorso delicato e fine senza la vinosità di tanti bdn ma solo la sua struttura snella ed elegante, lunghezza gustativa che impressiona. 94


Champagne Secondé-Simon
La storia della Maison inizia nel 1983, nel villaggio di Ambonnay. Il vigneto della maison copre 6 ha, peraltro classificati Grand Cru. La cantina di Secondé-Simon è stata scavata sotto la casa di famiglia. L’azienda è oggi condotta da Jérôme Bôle, già chef de cave di casa Krug, coadiuvato da Nicolas Seconde, enologo e figlio dei fondatori. Le vigne dell’azienda, dedicate in gran parte al Pinot Nero, crescono su di un terreno collinare il cui sub-strato è composto da calcare, ricoperto da un sottile strato di argilla gessosa.

Grand Cru Cuvée Nicolas Brut
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 100% Pinot Noir Dosaggio (g/l): 8
Mesi sui lieviti: 36
Ambonnay, ribes rosso e vinoso, more di gelso e di rovo, lunghezza saporita che spunta tra il sottobosco gastronomico e precisione sontuosa. 91


Champagne Nicolas Maillart
Sulla montagna di Reims Nicolas Maillart, nona generazione di questa famiglia, possiede 13 ettari di vigne di età superiore ai 35 anni solo Grand e Premier cru, tra cui uno dei rarissimi vigneti su “piede franco”. Un’assoluta rarità, questa parcella produce un Pinot Noir senza portinnesto, come prima dell’invasione della fillossera. La considerazione di Nicolas è consolidata dalle valutazioni molto lusinghiere che gli tributa la critica di tutto il mondo.

Platine Premier Cru
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 57% Pinot Noir, 28% Chardonnay, 15% Meunier
Dosaggio (g/l): 3,5
Mesi sui lieviti: 36
Nuova etichetta e stesso slancio rosso e tambureggiante, sorso impavido e divertente, una cuvèe di ingresso con pochi uguali.

Rosé Grand Cru
Tipo: Rosé
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 60% Pinot Noir, 40% Chardonnay Dosaggio (g/l): 3,5
Mesi sui lieviti: 48
Carattere rosso molto spiccato e divertente, lamponi e melograno, rose e violetta, sorso sapido e appena candito, finale fresco e veloce. 90

Mont Martin 2016 Premier Cru
Tipo: Bianco Millesimo: 2016 Uvaggio: 100% Meunier Dosaggio (g/l): 4
Mesi sui lieviti: 48
Esordio per un meunier di rango per Maillart, belle note di pesca, susina, frutta gialla e mango, finale sottile ed elegantissimo. 93

Franc de pied 2015 Premier Cru
Tipo: Bianco
Millesimo: 2015
Uvaggio: 100% Pinot Noir Dosaggio (g/l): 2
Mesi sui lieviti: 60
Solita meraviglia ancora più sontuosa in annata di grazia ed energia, spezie e torrefazioni seguono un naso di caramello, prugna matura, viole e lavanda, sorso sapido e netto con concessioni alla dolcezza in virtù della maturità splendida del vitigno. 95

97fb1f1f-2156-42f6-afff-f6c51e29a196

Champagne Gardet
Tutto nasce ad Epernay alla fine del 1800, per mano di Charles Gardet. Poco più di 30 anni dopo Georges Gardet sposta la sede della maison in un piccolo villaggio vicino a Reims. Nonostante l’avvicendamento con la famiglia Prieux, oggi alla guida della maison, le attenzioni che hanno sempre caratterizzato la gamma di etichette di quest’azienda sono rimaste le stesse. Gardet utilizza in cantina solo mosto fiore e legno di quercia per conservare i propri vini di riserva. I vini della maison esprimono tradizione, senza rinunciare a un’eccellente capacità di abbinamento.

Brut Blanc de Noir
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: pinot mero e meunierDosaggio (g/l): 9
Mesi sui lieviti: 36
Un bell’esempio per sfruttare le doti per il territorio per il vitigno, naso e sorso carnoso e pepato, gastronomico e delicato, di impatto, non si allunga molto, ma soddisfa. 88

Cuvée Prestige Brut Millésime
Tipo: Bianco
Millesimo: 2012
Uvaggio: 60% Chardonnay, 40% Pinot Noir
Dosaggio (g/l): 7
Mesi sui lieviti: 48
Ampio e sontuoso, canfora, confetto e resina, lime e pepe, bella dinamica e struttura. 91

Cuvée Anniversaire 120 ans Extra Brut
Blend di 12 harvests: 1943, 1947, 1959, 1988, 1995, 1996, 1997, 1998, 2000, 2001, 2002 e 2011 (delle vecchissime annate siamo quasi al 15%) Pinot Noir (70%) and Chardonnay (30%).
Dosaggio : Extra-Brut (2g/l)
Ricco e solenne ma anche fresco e gentile, un compendio intrigante che si fa scoprire poco a poco e regala bei momenti di miele, zenzero, mallo di noce, carrube misti a floreali e fruttati ben più giovani, sorso di corpo e meno maderizzato di quanto si possa immaginare. 93


Champagne Brimoncourt
Hanno quasi compiuto 150 di età. Nonostante questo i Brimoncourt sono rimasti intraprendenti e fortemente legati al proprio territorio. La casa di Brimoncourt è infatti da sempre ‘domiciliata’ nel comune di Ay. Qui l’azienda coltiva le tre uve classiche della regione, con cui realizza i propri champagne. In cantina Brimoncourt si comporta in maniera molto lineare, cosicché i loro champagne si esprimono sempre sul doppio registro di fedeltà gustativa al territorio, sommata alla massima espressione rispetto all’arte dell’assemblaggio.

Brut Regence
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 80% Chardonnay, 20% Pinot Noir
Dosaggio (g/l): 8
Mesi sui lieviti: 36/48
Accogliente, nero e scuro, ricco e sfidante, bel finale. 90

Brut Rosé
Tipo: Rosé
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 40% Pinot Noir, 35% Chardonnay, 25% Meunier
Dosaggio (g/l): 8
Mesi sui lieviti: 36/48
Lamponi e visciole, vinoso e saporito, allunga e soddisfa la voglia di dolcezza fruttata. 88

Blanc de Blancs
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 100% Chardonnay Dosaggio (g/l): 8
Mesi sui lieviti: 48
Arancio e mandarino, lime e zenzero, bel finale da scoprire. 90

Extra Brut Premier Cru Brut
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 60% Meunier, 20% Pinot Noir, 20% Chardonnay Dosaggio (g/l): 8
Mesi sui lieviti: 48
Canfora anice e finocchietto, elegante e saporito, profondità e eleganza che si mostrano ad ogni sorso. 92


Champagne Cattier
Piccola maison dal passato prestigioso, che risale addirittura alla prima metà del 1600. Uno dei tesori dell’azienda è il Clos du Moulin, il singolo vigneto più antico di tutta la regione. In epoca più recente la maison Cattier ha dato vita ad un’altra maison di successo: Armand de Brignac, uno dei brand più cool di tutta la nuova scena della Champagne. Lo stile della maison Cattier si basa ancora su di un team produttivo familiare e su di un savoir faire che mira, sopra ogni cosa, al perfetto grado di maturazione di ogni singola tipologia prodotta.

Premier Cru Blanc de Blanc
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 100% Chardonnay Dosaggio (g/l): 8
Mesi sui lieviti: 48
Note agrumate sia floreali d’arancio che di buccia di limone contornate da un bel floreale tra sambuco, glicine e tiglio. Note ferrose e fruttate più scure emergono poi a tratti e sopratutto al sorso dove il tono nocciolato burroso e speziato tipico dello chardonnay si fanno sentire. Un vino ricco e con dolce spiccato in ingresso ma che non diventa noioso nonostante il dosaggio più alto della media. 90

Premier Cru Brut Nature
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 60% Meunier, 30% Pinot Noir, 10% Chardonnay Dosaggio (g/l): 0
Mesi sui lieviti: 48
carattere e personalità tra fragole, mirtilli, ribes, arancio rosso, sottobosco, zenzero e pepe nero completato da un lato nocciolato e speziato intrigante. Sorso fruttato ricco e intenso che appaga bevuto da solo. 92

Premier Cru Brut Millesimè 2012
Tipo: Bianco Millesimo: 2012 Uvaggio: 20% Pinot Noir, 45% Meunier, 35% Chardonnay
Dosaggio (g/l): 7 Mesi sui lieviti: > 72
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 80% Pinot Noir, 20% Chardonnay Dosaggio (g/l): 2
Mesi sui lieviti: 48
Inizia su rimandi agrumati che sfiorano il tropicale ,poi susina rossa matura, arancio candito rosso, zenzero, ribes nero, sorso che aggiunge miele e gesso, anice e menta, sorso rotondo eppure fresco e sapido. 94

Champagne Paul Bara
www.champagnepaulbara.com
La maison Paul Bara si insedia a Bouzy nel 1833 e qui è rimasta da ben sei generazioni. Il suo vigneto, poco più di 10 ha, è situato esclusivamente a Bouzy, con piante che hanno una media di età molto alta. Una volta in cantina le uve sono pressate in modo classico attraverso una Coquard. Solo la prima pressatura diventerà champagne Paul Bara. La vinificazione qui viene effettuata esclusivamente in acciaio. I loro vini esprimono sempre potenza e ricchezza aromatica.

Grand Rosé de Bouzy Grand Cru
Tipo: Rosé
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 70% Pinot Noir, 18% Chardonnay, 12% Bouzy Rouge
Dosaggio (g/l): 8
Mesi sui lieviti: min. 36
Succo di fragole e mirtillo, mela rossa, pepe nero molto importanti al naso ma bocca molto più snella e fine, bel ritmo. 91

Brut Millésime Grand Cru 2014
Tipo: Bianco
Millesimo: 2014
Uvaggio: 90% Pinot Noir, 10% Chardonnay
Dosaggio (g/l): 8
Mesi sui lieviti: min. 48
Naso fine e roccioso, sapido e incalzante, pepe e sale frutto e finezza al palato di bella energia. 93

Special Club Grand Cru
Tipo: Bianco
Millesimo: 2014 Uvaggio: 70% Pinot Noir, 30% Chardonnay Dosaggio (g/l): 7
Mesi sui lieviti: min. 96
Dolcezze e ampiezza fruttata rossa e nera, un’idea di canfora vaniglia e zenzero , sorso con croccantezza e stile rigoroso. Non perde mai di vista la piacevolezza e la unisce con una tosta profondità. 95

Champagne Marguet 
www.champagne-marguet.fr
Benoît Marguet è l’ultimo discendente di un’anti- ca maison di famiglia. Dal 2004 gestisce 8 ettari di proprietà ad Ambonnay, 1,5 dei quali vengo- no affittati a Krug. La cura della vigna è affidata alla prassi biodinamica, esercitata grazie anche dall’aiuto di due magnifici cavalli. Tutte le parcelle vengono vinificate separatamente in legno e, di anno in anno, Benoît decide gli assemblaggi ed i dosaggi. I vini sono sempre sottoposti a fer-mentazione malolattica, così da tenere al mini- mo i livelli di SO2 all’interno delle etichette della maison.

Shaman 18 Grand Cru
Tipo: Bianco
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 67% Pinot Noir, 33% Chardonnay
Dosaggio (g/l): 0
Mesi sui lieviti: 36
Preciso e sontuoso, l’impressione di forza è maggiore che in altre occasioni e si resta davvero rapiti per come prende il palato. 90

Shaman 18 Rosé Grand Cru
Tipo: Rosé
Millesimo: S.A.
Uvaggio: 70% Chardonnay, 30% Pinot Noir
Dosaggio (g/l): 0
Mesi sui lieviti: 24
Naso favoloso mandarino e lavanda, quasi confettoso tanto che ci aggiungo subito cipria e mandorle, sorso più normale ma sempre piacevolissimo. 91

Solo piccoli assaggi dei parcellari (introvabili sul mercato) ma così al volo (ci vorrebbero assaggi più tranquilli) abbiamo trovato:
Les Crayeres 2016 splendido e ricco 95
Le Beurys 2016 ruspante selvatico e burroso finale pieno 93
Le Saint Remy 2016 pinot noir con tanta liquirizia e cedro bergamotto e sottigliezza, energia 92
Ambonnay 2016 livelli da Clos omonimo ma forse più leggibile ed elegante, grande intensità e fittezza di rimandi 95+
Oiry 2016 Grand cru Avize ricco tropicale con note anche di zenzero, toffee, caramella e canditi, sorso che asciuga e appaga 96

Champagne Geoffroy 
www.champagne-geoffroy.com
L’avventura della famiglia Geoffroy nello cham- pagne comincia nel XVII secolo a Cumières. I Geoffroy diventano tuttavia produttori di vino solo a partire dagli anni ’50. Verso la fine del primo decennio degli anni 2000 Jean-Baptiste Geoffroy decide di trasferire la produzione e la sede commerciale dell’azienda ad Ay. Nonostan- te il cambio di ‘indirizzo’ nulla cambia nel savoir faire dei Geoffroy. I loro vigneti, in totale 14 ha, prevedono una prevalenza di Pinot Nero. In can- tina utilizzano acciaio e botti di rovere. La malo- lattica è bandita dalle loro etichette.

Purete 1er Cru
Tipo: Bianco Millesimo: S.A. Uvaggio: 35% Pinot Noir, 35% Meunier, 30% Chardonnay
Dosaggio (g/l): 0 Mesi sui lieviti: 60 ca.
Ampio vellutato e nota rocciosa ben definita, sorso sorprendentemente succoso e importante, spinte su frutto e freschezza, bel passo e gusto con basso dosaggio ad esaltare il tutto 93

Empreinte 1er Cru
Tipo: Bianco
Millesimo: 2014
Uvaggio: 100% Pinot Noir Dosaggio (g/l): 1
Mesi sui lieviti: min. 60
Tra i migliori bdn in Champagne, è tra i meno vinosi e le note di mandarino, noccioline, zafferano pepe resina e cumino lo staccano da altri più rossi come toni, sorso piacevolezza e ritmo molto duro su energie del millesimo di grande tensione 95

Volupté 1er Cru 2013
Tipo: Bianco
Millesimo: 2013
Uvaggio: 100% Chardonnay Dosaggio (g/l): 2
Mesi sui lieviti: min. 72
Diretto e affilato canfora anice pepe e resine, pompelmo al sorso con anche un tocco di lytchee e talco, lunghezza e piacevolezza incantevoli 94

b09edf4f-7d74-4a90-9ff4-8aa17e235bc5

 

[foto di copertina da simonitesirch.com e quelle all’interno di Stefano Triulzi]

 

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

2 Commenti

avatar

vinogodi

circa 2 mesi fa - Link

...io c'ero in entrambe le giornate ... come sponsor , tra l'altro...

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 2 mesi fa - Link

ecco mi raccomando continuiamo a non incontrarci mai, eh!!!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.