Produrre vino in tempo di guerra

di Elena Di Luigi

Nonostante la guerra e un futuro del tutto incerto in Siria, i winemakers Karim and Sandro Saade anche quest’anno imbottigliano il loro vino per dire che si può e si deve andare avanti. Anche se residenti a Beirut, a 150 miglia dai loro vigneti sulle montagne siriane, i Saades seguono la produzione guidando via telefono 60 dipendenti che inviano i campioni per le analisi oltre confine via taxi. L’obiettivo è quello di mantenere in vita un’attività che spera di vedere tempi futuri migliori e di continuare una tradizione iniziata con i Romani 2,000 anni fa.

1 Commento

avatar

postatore_occasionale

circa 9 anni fa - Link

assaggiai tempo fa dei vini libanesi e armeni a una bancarella di un locale torinese temporaneamente distaccata in romagna, i vini (rossi) erano buoni, la sommelier (oriunda) carina gentile e competente e il kebab di agnello una meraviglia la bandiera dei guerriglieri siriani col topic non c'entra molto

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.