Maurizio Paparello | Quando il sommelier è uno dei più grandi esperti di vino al mondo

Maurizio Paparello | Quando il sommelier è uno dei più grandi esperti di vino al mondo

di Alessandro Morichetti

Maurizio Paparello è sommelier, lavora a Roma da Roscioli e so che non gradirà leggere di sé, ma mi perdonerà. Ho conosciuto Maurizio parecchi anni fa quando rese la carta dei vini del ristorante Le Case (Macerata) un autentico gioiello. In realtà lo riconobbi perché magnificatomi da amici e facilmente identificabile per la chioma rasta che lo ricopre tuttora. Io all’epoca tracannavo Corona col limone mentre lui, poi, si traferì a Roma, avendo già all’attivo numerosissimi assaggi di grandi vini del mondo. Maurizio Paparello è, senza dubbio, un uomo di sala eccezionale, mix superlativo di sapienza, informalità, senso del luogo, rispetto del cliente e debordante passione. Credo sia l’unica persona al mondo ad aver preso un mutuo per comprare grandi vini. Meriterebbe senza dubbio la presidenza honoris causa dell’associazione Luidisala.

Paparello è illuminato ed ipersensibile. Ha buoni rapporti con tutti e gode di stima a 360° pur non essendo centrista o cerchiobottista. Anzi, chi lo conosce molto bene tratteggia una mente davvero radicale. Per lui, il vino – dal Litrozzo (Le Coste di Gradoli) a Romanée-Conti – viene sempre dopo le relazioni umane. Raramente parla di UN vino parlando solo DI vino. Approccia ogni bicchiere nello stesso modo, con la stessa umiltà, e nei limiti del possibile con la stessa imparzialità. E ci prende, cavolo se ci prende! Mai parlerà male di un’azienda, soprattutto se – al netto della qualità dei vini prodotti – ha fatto la storia di una tipologia o di un territorio. Paparello non parla mai di ciò che non conosce. Allo stesso tempo, davanti un bicchiere o un produttore ignoto, la sua interpretazione cerca sempre di essere quanto più approfondita possibile. È stato visto prendere a calci bottiglie da migliaia di euro, incazzato, perché in fondo è solo succo d’uva.

È un uomo di incredibile generosità, ama molto bere vino e rinfrescarsi di birra prima e dopo le bevute, normalmente Beck’s. Dopo le bevute, e dopo la birra, ama molto bere Stravecchio. È un grande appassionato di cibo, cucina, creatività e ricerca dell’abbinamento (che difenderà sempre a spada tratta): tra gli altri, Cheval Blanc 1998 con pizza salsiccia e zucchine, Hamburger con Chateau Trotanoy 1949 o Climens 1947. Per non parlare, poi, di quella sera alle Calandre dove, dopo magnum di Dom Perignon 1961, Hermitage La Chapelle 1978 Paul Jaboulet Aine e Vega Sicilia Unico 1971, l’epopea finì in camera con Grands Echezeaux DRC 1985 bevuto nei bicchieri di plastica in dotazione nei bagni. Nessuna irreverenza, solo una grande passione che se ne sbatte del noioso e bigotto rituale applicato al vino.

Paparello è magistrale nello stappare le bottiglie al momento giusto, sia azzeccando la fase di migliore espressività di un vino lungo l’arco della sua vita, sia scegliendo il momento migliore durante un pasto. Cita sempre la frase borgognona “Non esistono buoni o cattivi millesimi, bensì buoni o cattivi degustatori”. Ha una cantina spaziale, ama Bordeaux, ne conosce alla perfezione annate e qualità come anche per Borgogna, Champagne e chissà cos’altro, non ama le puzze. Da Pinchiorri a Firenze ancora ricordano quando caracollò a terra dopo un pasto luculliano e vini memorabili in compagnia di Giovanni Ascione (Nanni Copè). Non si fosse capito, con Maurizio c’è materiale per un libro appassionante. Quello che posso suggerire è di andarlo a conoscere al più presto: fa il sommelier, sembra un cameriere, è uno dei più grandi esperti di vino al mondo.

[Un ringraziamento a Cristiana Lauro, Mirco Lucamarini e Francesco Romanazzi per la collaborazione]

 

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

57 Commenti

avatar

Elena

circa 8 anni fa - Link

Grande maestro di vita e non solo.....grazie Mauri

Rispondi
avatar

lidolucca

circa 8 anni fa - Link

Da farci un libro e allora auto tassiamoci e facciamolo questo libro, i Francesi ne avrebbero già fatti 3. Dai Morichetti Tu Editore la Cristiana cronista e divulgatrice, un fotografo lo si trova, su Roma ne conosco di bravi, Piazza dei fiori come location è perfetta, un caffè con Bonilli e Cremona sicuramente lo facciamo. e allora Dai, questo ragazzo vederlo lavorare è un vero piacere detto da uno che un pochino ci capisce. ciao e Bravo Maurizio. Lido Vannucchi.

Rispondi
avatar

fabrizio pagliardi

circa 8 anni fa - Link

.......Maurizio Paparello non è un sommelier, lavora come sommelier, è un appassionato, che assaggia e serve vino ma quando parla di un vino il vino lo ha bevuto. Ha una memoria dei vini incredibile, scrive benissimo ma purtroppo avendo la mano destra occupata dal bicchiere tu capisci... e visto che lo spazio per i ricordi nel nostro cervello è limitato non bisogna sperare che si ricordi altro tipo un appuntamento che non sia per bere o per guardare la partita o un discorso fatto che non riguardi il vino o la Roma. Perchè c'è un tratto fondamentale della sua persona che hai tralasciato..... E' romanista fino al midollo.

Rispondi
avatar

Andrea Federici

circa 8 anni fa - Link

Non ho ancora avuto il piacere di conoscerlo, ma leggendo il post, che ama il vino e anche molto la magica Roma, se farete il libro che suggerisce Lino, ecco a voi disponibile anche il fotografo di Roma ;-)

Rispondi
avatar

Mariano Enfiogonfio

circa 8 anni fa - Link

Mi sembra un ritratto un po' crudo, troppo critico e severo: avrà anche qualche pregio questo ragazzo, no?

Rispondi
avatar

lediteur

circa 8 anni fa - Link

Al di là della stima e dell'affetto che mi lega a Maurizio, ho un grande debito di (ri)conoscenza: nessuno come lui ha saputo raccontarmi il vino e gli uomini che stanno accanto ad esso. Ecco, se dovessi fermarmi su un suo tratto, è questo che sottolineerei: la generosità di condividere la sua profonda conoscenza ed esperienza con tutti, appassionati cultori o neofiti, purché sempre curiosi e intellettualmente aperti. Ama il vino e lo fa amare.

Rispondi
avatar

lidolucca

circa 8 anni fa - Link

Pensavo proprio a te caro Andrea mi rode un casino non lavorare con la Cristiana, ma che vuoi la città eterna fa per te. Quando volete e se volete per la copertina faccio un salto. ciao Andrea.

Rispondi
avatar

simone

circa 8 anni fa - Link

Quando ho visto Miles (Paul Giamatti) in Sideways, svuotre un Cheval Blanc del 1961 nel bicchiere di carta mentre si "spara" un hamburger in un fast food... mi son detto... ok é un film... ed invece nella realtà c'è chi ha fatto ancora peggio.. un Grands Echezeaux DRC 1985... decisamente punk!! Ci vuole il libro...

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 8 anni fa - Link

Io sono proprio felice di leggere un post come questo. Emozionata e non mi fa paura dichiararlo. @ lidolucca sei troppo forte! @lediteur ecco hai centrato, lui ama il vino e lo fa amare. Lui sa raccontare il vino, se ne frega di alzar quattrini ed è generosissimo anche nella divulgazione...la carità divulgativa... ;-)

Rispondi
avatar

Alessandro Roscioli

circa 8 anni fa - Link

per me e' un onore e una fonte inesauribile di cultura enologica gastronomica e umana, e' prima un fratello e dopo un collaboratore senza di lui molte avventure non le avrei mai affrontate ,chapeau ad un GRANDE UOMO ed UN GRANDE PROFESSIONISTA. ps:l unica cosa che ci divide e' la fede calcistica!

Rispondi
avatar

Pipero

circa 8 anni fa - Link

Come Totti .pipero mood .sulla Francia non eguali al mondo. Sullo champagne arriva tra i primi tre

Rispondi
avatar

ale235

circa 8 anni fa - Link

Bellissimo tentativo, Ale, di descrivere l'indescrivibile. Maurizio non è descrivibile se non vivendolo: al 100 % (e, credimi, da compagno di stanzetta, quando t'addormenti, te succhia no il sangue, ma il vino che ti sei bevuto fino a poco prima!!!)... è veramente il De Andrè dell'intero mondo mondiale del Vino!!!! Mi spiace tanto per chi non ha mai bevuto con lui...

Rispondi
avatar

francesco romanazzi

circa 8 anni fa - Link

Giusto, indescrivibile. Ma anche l'editeur coglie come sempre nel segno: curiosi ed intellettualmente aperti. Perché Maurizio per primo è sempre curioso ed intellettualmente aperto. Non solo Totti o Cheval Blanc, dunque. Forse in questo risiede la sua grande capacità di comunicare con gli altri interagendo su tanti livelli. Lavorare con lui è un piacere - oltre che un'esperienza altamente formativa - come lo è viaggiare, mangiare o chiacchierare di qualunque argomento, dalla musica (altra sua grande passione) al cinema, alla politica. Ad altro, di cui forse qui è meglio non parlare. Ma sempre col dovuto - e sornione - disincanto. Proprio la sua ironia e la sua visione amplissima della realtà gli consentono di essere non solo un grandissimo sommelier, ma anche qualcosa di più. Anzi, tanto di più. Grazie ad Alessandro per questo post e grazie a Maurizio per continuare imperterrito il suo lavoro con tanta umiltà ed entusiasmo.

Rispondi
avatar

Arcangelo Dandini

circa 8 anni fa - Link

Straquoto e finalmente plaudo ad una recensione per un grande uomo di sala e del vino. Un abbraccio. A

Rispondi
avatar

mirco lucamarini

circa 8 anni fa - Link

Come ha già scritto ale235 "difficile descrivere l'indescrivibile. E non ho raccontato tutto al caro Alessandro Morichetti, altro che libro... Un appello a Cristiana, bada a lui.... e' un uomo unico per generosità, sapienza e umiltà.

Rispondi
avatar

francesco romanazzi

circa 8 anni fa - Link

PS: pare che durante la famosa cena con Ascione da Pinchiorri (la leggenda narra che i due bruciassero annualmente a Firenze il compenso ricevuto da Bibenda per la collaborazione a duemilavini), Giovanni ordinasse un Vega Sicilia 1412 o giu di lì soltanto per accompagnare un minuscolo cosciotto di piccione che ancora rimaneva nel suo piatto (andando penso ben oltre quello che la paga dell'ais Roma consentiva loro). Ecco, quando Maurizio vuole spiegare a qualcuno l'importanza dell'abbinamento o esprimere la stima profonda nei confronti del suo amico Giovanni, racconta ancora estasiato questa storia.

Rispondi
avatar

Federico Graziani

circa 8 anni fa - Link

ci sono poche parole da aggiungere. un piacere e un onore aver avuto la possibilità di degustare molti vini incredibili insieme. viva Maurizio e chi come lui riesce a sdrammatizzare le belle e più grandi bottiglie!!

Rispondi
avatar

Hansen

circa 8 anni fa - Link

Grandissimo il Sommo Maurizio!!ricordo sempre con piacere le sorprese che tirava fuori ed offriva dalla sua fantastica cantina...quel Salon 82 alle 3 del mattino nel giardino delle Case fù clamoroso roba da star svegli fino al giorno dopo :-) si si lui dovrebbe scrivere un libro !! Chicco

Rispondi
avatar

Graham

circa 8 anni fa - Link

Grande anzi grandissimo, finalmente un uomo del vino senza difetti.

Rispondi
avatar

Lediteur

circa 8 anni fa - Link

Se fossi Maurizio comincerei seriamente a pensare se non sia il caso di fare qualche gesto scaramantico...

Rispondi
avatar

Montosoli

circa 8 anni fa - Link

Ci sono stato da Roscioli 2 volte l'anno scorso.......e la faccia e famigliare.... L'ambiente e piccolo....ma la qualita del servizio e del cibo e veramente superiore. Per non parlare della grande selezione di vini ...........che occupano tutti e due muri dei lati.... Via dei Giubbonari e di stile.......non ci sono macchine..e tante belle boutique

Rispondi
avatar

jovica todorovic (teo)

circa 8 anni fa - Link

Il pezzo è bellissimo. Un gesto apotropaico (citazione dottola), come soggerisce anche Lediteur ci starebbe proprio bene. Paparello è credibile primancora di essere mostruosomente preparato e ascolta nel senso anche lato le persone che gli si parano davanti. In un mondo di quaquaraquà, improvvisati e pressapochisti è merce sempre più rara è merce che ha valore definitivo e fa una grande differenza. :-)

Rispondi
avatar

Massimo Billetto

circa 8 anni fa - Link

Orgoglioso di averlo avuto come allievo, e naturalmente già tra i banchi era un gioiello.

Rispondi
avatar

Pasquale Livieri

circa 8 anni fa - Link

Conosciuto grazie a l'editeur e monsieur le professeur Chapeau per umiltà e conoscenza Spero di reincontrarlo presto

Rispondi
avatar

Pasquale Livieri

circa 8 anni fa - Link

Solo?

Rispondi
avatar

Alessandro Bocchetti

circa 8 anni fa - Link

Un libro una volta si doveva fare... È stata l'occasione per alcune domeniche tra gargantua e pantagruel.... Poi non se ne fece più nulla,come di tanti progetti che hanno costellato la ns vita di "santi bevitori", ma "restano i sogni senza tempo, le impressioni di un momento" Maurizio è un appassionato, prima che un grande professionista, penso che questa sia la differenza essenziale tra old school e curva sud... Un volta uno dei tanti "fenomeni" mi disse "bevo solo criticamente", non ho potuto fare a meno di pensare: poveretto, pensa che inferno :D Ciao A

Rispondi
avatar

Caterina

circa 8 anni fa - Link

Un sentito ringraziamento all'autore dell'articolo dedicato al mio super fratello. Cordialmente. Caterina Paparello

Rispondi
avatar

Francine

circa 8 anni fa - Link

E' gia sposato? Io mi metto in lista come pretendente. :-)

Rispondi
avatar

ricoh

circa 8 anni fa - Link

Uno dei piu' grandi esperti di vino del mondo ! Gli altri chi sarebbero ? Enonsenepuo' piu' ...

Rispondi
avatar

antonio

circa 8 anni fa - Link

Addirittura uno dei piu' grandi esperti di vino al mondo ? Intanto che ci siamo diciamo dell'universo...ma per favore come si possono scrivere certe cose ??

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 8 anni fa - Link

È il più preparato e esperto tra i professionisti e gli appassionati che io conosca, alla pari con un altro che ha una pizzeria al taglio. E ne conosco un'enormitá di giornalisti appassionati e sommelier, il mondo forse è troppo .... L'Italia ti va bene???

Rispondi
avatar

Fabio Spada

circa 8 anni fa - Link

Per scriverlo basta lavorare nel mondo del vino, incontrare quotidianamente esperti, appassionati, professionisti, enologi..., conoscere Maurizio Paparello, parlarci e magari berci insieme ed ammettere a se stessi che lui è molto meglio di te e di quelli che conosci. Poi se sia tra i migliori al mondo o in Italia non cambia molto.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 8 anni fa - Link

Antonio, si possono scrivere certe cose per la stessa ragione per cui tu puoi dubitare che siano vere e quindi intervenire, mettendole in discussione. Si possono fare l'una e l'altra cosa, il problema dov'è? I più concordano con noi, come puoi vedere dagli interventi, ma se così non fosse, non ci sarebbe comunque alcun problema. Io ho letto un bel ritratto di un grande uomo, di buon amico, di un professionista che stimo da anni. È il ritratto di Maurizio, con cui ho condiviso molti assaggi, persuasa di aver a che fare con uno dei migliori talenti mai incontrati. Se, per assurdo, tu potessi provare il contrario, mostrerei un tiepido interesse, anche perchè uno che richiede di stilare un elenco dei dieci migliori palati in circolazione ha un problema di affermazione di sè o di qualcuno molto vicino a sè e tende a farlo mostrando i muscoli. Non è una gara, che volgarità!

Rispondi
avatar

alessandro masnaghetti

circa 8 anni fa - Link

complimenti alessandro, davvero un bel ritratto. una delle poche cose che negli ultimi mesi ho letto da cima a fondo.

Rispondi
avatar

antonio

circa 8 anni fa - Link

@ Fabrizio Il mio commento era rivolto all'autore del post, che non mi sembra sia tu. Ad ogni buon conto , visto che tra i migliori del mondo siamo scesi a tra i migliori d' Italia, per curiosità mia e penso anche di altri lettori, stilaci un elenco con i 10 migliori d' Italia o del mondo che tu conosci personalmente. Grazie :)

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 8 anni fa - Link

@ antonio la prossima volta scrivi "@alessandro" a inizio frase così ti risponderà solo lui magari. Nel mio elenco comunque non c'è nessun fabrizio e non c'è nessun antonio e c'e sicuramente un Maurizio Paparello per il resto, la curiosità te la puoi tenere.

Rispondi
avatar

Fabio Spada

circa 8 anni fa - Link

Io in compenso sono tra i primi nel mio condominio.

Rispondi
avatar

antonio

circa 8 anni fa - Link

Vedrò di sopravvivere ugualmente anche senza leggere la tua classifica, ma se rimaniamo in ambito condominiale forse va meglio per tutti

Rispondi
avatar

lidolucca

circa 8 anni fa - Link

Dai Facciamo una classifica, 1- Cristiana Lauro 2- Maurizio Paparello perchè amico di Cristiana 3- andate avanti Voi ......

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 8 anni fa - Link

Lido sei il solito provocatore...vuoi vedermi morta, incaprettata? Ma che ti dice la testolina, mannaggiattè??? :D

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 8 anni fa - Link

A cristià morta non te vole vede nessuno ma il vederti incaprettata potrebbe interessare il 90% degli utenti maschi eterosessuali di intravino. mannaggiattè ma che scrivi!!!

Rispondi
avatar

Sir Panzy

circa 8 anni fa - Link

Bravo Alessandro, condivido ogni parola. Anzi, sei stato fin troppo stretto con i complimenti.. Per me Maurizio è un top player indiscusso, classe, finezza ed un bagaglio di conoscenza praticamente infinito.. Il tutto condito da una vibrante passione. Averne.

Rispondi
avatar

lidolucca

circa 8 anni fa - Link

Praticamente ha parlato per me e per tutta la categoria degli uomini che tengono buon gusto ed ironia il Grande Fabrizio Pagliardi. Prosit, e le liste facciamole fare a Monti, Berlusconi e altri venti ladroni.

Rispondi
avatar

alessandro

circa 8 anni fa - Link

io la mia classifica l ho fatta anche se questa non e' una sfida ma solo un ringraziamento a Maurizio maurizio cristiana miroslav klose (sopratutto per i vini romani)

Rispondi
avatar

Michela

circa 8 anni fa - Link

Non dimenticate che e' di Macerata....grande Mauri...meritatissimo tutto e stratutto!!!!!!!!!! alla prox cena baciiiii Mik

Rispondi
avatar

Graham

circa 8 anni fa - Link

Ma andate a.........eh! voi, Paparello, e sto sito del vino del....!

Rispondi
avatar

sfursat

circa 8 anni fa - Link

Non lo conosco anche se sono stato da Roscioli e non mi permetto di giudicare. Dico solo che, dopo: -Magnum di Dom Perignon 1961, -Hermitage La Chapelle 1978 Paul Jaboulet Aine -Vega Sicilia Unico 1971 Un Grands Echezeaux DRC 1985 bevuto nei bicchieri di plastica SE LO POTEVA RISPARMIARE.... magari per il giorno dopo.

Rispondi
avatar

alessandro

circa 8 anni fa - Link

@ tutti ricordo che Maurizio è ancora vivo e lotta insieme a noi. Giusto per scaramanzia visto che alcuni toni suonano un pò come un epitaffio. E già che ci sono rimando un paio di link (perdonate la pubblicità) sulle degustazioni passate e future del Maestro (odia essere chiamato così) http://www.salumeriaroscioli.com/EventieDegustazioni/EventieDegustazioni/tabid/82/ModuleID/417/ItemID/35/mctl/EventDetails/language/it-IT/Default.aspx ps confermo in toto l'articolo

Rispondi
avatar

ValerioCapriotti

circa 6 anni fa - Link

Il Paparello...già il nome sembra da manuale enciclopedico! IL PAPARELLO. :) Ho imparato tanto da lui... Gli devo Molto, e mi rendo conto della fortuna che ho avuto a collaborarci. Uno dei pochi che per parlare di una vigna inizia il discorso dal casello dell'autostrada che bisogna imboccare per arrivarci!!! Crea dipendenza!

Rispondi
avatar

Daniele

circa 6 anni fa - Link

Bho...

Rispondi
avatar

Francesco

circa 6 anni fa - Link

Mah, non saprei dire. Concordo con Fabrizio quando dice che non è un sommelier in senso stretto ma un amante del vino che ti ricopre con il suo amore , e per un attimo ti sembra di viaggiare nei luoghi da cui proviene il vino proposto. Nei primi anni del duemila, complice anche la striscia giornaliera "gusto" sul tg5 si era imposta la moda della gara al descrittore analitico in modo asettico, indipendentemente da dove il vino provenisse. Oggi quell'approccio mi sembra tramontare lasciando spazio al narrato della cantina, del produttore, della zona. Credo, ahimé, che se non si ricorre ai ripari quanto prima anche questa diventerà una tendenza e passerà di moda. Oggi, immancabilmente, quando ti raccontano il terroir di provenienza è quasi sempre molto calcareo per far defluire l'acqua, se ti parlano del produttore è sempre "guarda, se non lo conosci non capisci i suoi vini, cioè, lui è i suoi vini e ce lo ritrovi in ogni bottiglia che apri", se ti parlano dei vini sono quasi sempre fuori dal circuito mercantile, a tiratura ridotta, non li manda mai alle guide. Insomma, per farla breve, si sta costruendo un cliché intorno ai guru del vino, non più tecnico ma affabulatore e non sono particolarmente sicuro chesia la strada corretta. Riconoscere tecnicamente le peculiarità di un vino, riconoscere che a volte vini bioqualsiasicosa sono destinati a morire prima di un anno di invecchiamento per evidenti problemi gustolfattivi, conoscere le tecniche di servizio credo sia decisamente molto importanti anche se nella descrizione del vino al cliente non lo si può rincoglionire con 57 marcatori gustativi e olfattivi; di solito quelli si tengono per se e al cliente si danno due tre spunti evidenti per fargli capire come quel vino possa abbinarsi alla portata. Alla portata ahimè non si abbina la storia di un vino ma la sua peculiare caratteristica per un perfetto connubio di amore. Sono stato da Roscioli 3-4 volte (di più non ci riesco perché l'ambiente è piccolo e i clienti non sanno parlare a voce bassa) ho preso la carta dei vini e ho cominciato a sfogliarla: di certo non era scarsa ma erano presenti bottiglie che credo potessero essere già spirate (vista anche la condizione in cui son tenute sugli scaffali senza ventilazione e regolazione di temperatura, e senza umidità perché si rischierebbe la fuga del cliente dal locale), soprattutto Italiane. Unitamente ho trovato, soprattutto in Italia referenze che, a mio MODESTISSIMO parere sono vagamente datate sia come annata sia come tipologia del vino. Questo nulla toglie alle qualità intrinseche di Maurizio: la mia era una riflessione sul fatto che a volte, per voler a tutti i costi saltare sul carro del vincitore finisce che al carro si rompono le ruote e si casca tutti. Forse una descrizione meno entusiastica e più puntuale sulle capacità di Maurizio avrebbe avuto meno commenti ma non ci sarebbero stati pareri discordanti. P.S. Il miglior palato d'Italia per me è Paolo Leone testa a testa con Franco Siciliano

Rispondi
avatar

Andrea Dentre

circa 6 anni fa - Link

E' stato un grandissimo onore per me conoscere Maurizio, una delle persone più preparate, professionali, belle e schiette nel mondo del vino. Il mio rammarico e non averlo potuto frequentare di più al livello lavorativo perché da una persona come lui c'è solo da imparare e molto! Grande Maurizio, un abbraccio e un saluto. Dajeee

Rispondi
avatar

Luca M

circa 6 anni fa - Link

Peccato per l'orrenda becks! Ma nessuno e' perfetto

Rispondi
avatar

michele travaglini

circa 6 anni fa - Link

Conosco Maurizio dai tempi da prima de il ristorante LE CASE e vorrei confermate la sua cultura a 360 gradi e la sua grande umanità. è un grande amico

Rispondi
avatar

F. Saverio

circa 6 anni fa - Link

Un mito di umiltà, passione ed introversa saggezza, del quale ancora a Le Case parlano con orgoglio e stima profusa.

Rispondi
avatar

Gianluigi

circa 5 anni fa - Link

"Me buffen de la lengua del papà o de la mama o d'un quaj fradell La lengua l'è de Diu, tassa de troj! Parli cume magni, e andi' a caga'." Prima poesia da: FRANCO LOI, Voci d'osteria Ultimo significativo regalo di Maurizio al "loculo" prima di abbandonare "la straniante avventura de Milan" anni fa, lasciando gocce di champagne e borgogna dietro di sé... Bravo Alessandro, ritratto emblematico e proposito di pubblicazione condiviso!

Rispondi
avatar

Corrado

circa 5 anni fa - Link

Complimenti Maurizio....d'altronde è de Morro!!!!!! Scherzi a parte (comunque in parte vero) , ricordo il suo inizio a Colmurano.....nei ristoranti maceratesi, grande professionista di estrema umilta

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.