Teranum Offstage #7 Finale di stagione

Teranum Offstage #7 Finale di stagione

di Emanuele Giannone

Finisce così, Teranum Offstage: con una settima e ultima puntata che, per evidenti ragioni, è uno splendido inizio. E ha pure un nome: Rod, ospite inatteso e, se possibile, anche più benvenuto degli altri, figlio di Lucija Milič che … continua »

L’Oro di Montalcino non è quello che pensate voi

L’Oro di Montalcino non è quello che pensate voi

di Stefano Cinelli Colombini

È arrivata una rivoluzione, e il mondo del vino (ma non solo) non sarà più lo stesso.

L’Oro di Montalcino ha cambiato le regole, ma tutti sembrano aver visto solo l’ennesimo museo del vino perché è talmente eversivo da continua »

Servono ancora le fiere del vino?

Servono ancora le fiere del vino?

di Andrea Troiani

Ho sempre avuto un rapporto altalenante con le fiere del vino. Ne parlavo, seppur ancora da quasi neofita, nel mio pezzo sul Vinitaly del 2017  (sembra passato un secolo e invece è bastato un lustro a cambiare il mondo).

Da … continua »

Editoria del vino in Italia, ne parliamo con Camillo Favaro di Artevino Studio

Editoria del vino in Italia, ne parliamo con Camillo Favaro di Artevino Studio

di Massimiliano Ferrari

Continua la serie di interviste dedicate all’editoria sul vino. Sono chiacchierate fra un curioso di vini e libri (io) e persone che, in modi differenti e talvolta divergenti, esprimono punti di vista nel fare cultura del vino, attraverso libri, riviste … continua »

Chambolle-Musigny, 9 passi nel mito di Borgogna

Chambolle-Musigny, 9 passi nel mito di Borgogna

di Vincenzo Le Voci

Quando penso ai vini di Chambolle-Musigny un’immagine chiara si ritrae nella mia mente, quella di una donna elegante, raffinata, di classe. I vini di questa mitica denominazione sono sensuali, affascinanti, seducenti. Scarichi nel colore, traboccanti di profumi e sapore, sottili, … continua »

Terrazze Singhie, la Lumassina incastonata tra i boschi

Terrazze Singhie, la Lumassina incastonata tra i boschi

di Giorgio Michieletto

A volte ci vogliono i giovani per raccontare bene le storie dei nonni. Soprattutto se sei nell’entroterra della Liguria dove gli anziani spesso son di poche parole e il gusto della lumassina di una volta è più raro di un … continua »

Montellori e quei quarant’anni di chardonnay metodo classico in Toscana

Montellori e quei quarant’anni di chardonnay metodo classico in Toscana

di Andrea Gori

Correva il 1981 e l’idea di produrre uno spumante metodo classico in Toscana non era certo di moda e, se è per quello, non era di modo praticamente da nessuna parte in Italia (se non in Trentino). In quel periodo, … continua »

Riscaldamento globale: i vitigni italiani sopravvivono meglio?

Riscaldamento globale: i vitigni italiani sopravvivono meglio?

di Salvatore Agusta

Siamo sinceri, a molti di noi la storia del cambiamento climatico non ci appassiona per nulla, forse perché non ci sembra una cosa tanto imminente e dunque non ci spaventa.

Eppure, in certi casi, la situazione è nettamente oltre continua »

I numeri che contano a Montalcino

I numeri che contano a Montalcino

di Stefano Cinelli Colombini

Siamo italiani, per cui siamo abituati a elaborare splendide teorie senza manco un dato certo a supporto, e ora voglio proporvi un giochino estivo. Vi do un po’ di numeri assortiti, disomogenei e non coerenti su Montalcino com’è nel 2021, … continua »

Còntini e la Vernaccia di Oristano col dono dell’immortalità

Còntini e la Vernaccia di Oristano col dono dell’immortalità

di Clizia Zuin

Ti ricordi il tuo primo bacio?

“Ti ricordi il tuo primo bacio: vini che si ricordano” è l’incipit del sito di Còntini, azienda vitivinicola sarda fondata nel 1898 e situata a Cabras in provincia di Oristano, ma con vigne sperse … continua »

Teranum Offstage #6 In diretta dal canale della Manica

Teranum Offstage #6 In diretta dal canale della Manica

di Emanuele Giannone

Sesta puntata di Teranum Offstage con Veit Heinichen, Sandi Skerk (e il Terrano) e Martin Merlak (e il Refosco) ospiti del ristorante Dal Checo. Parola allo scrittore, per iniziare: Heinichen racconta il suo esordio triestino, il primo bicchiere di … continua »

Domaine d’ Auvenay l’anima segreta di Madame Leroy

Domaine d’ Auvenay l’anima segreta di Madame Leroy

di Daniel Barbagallo

Eccomi qua, di nuovo in macchina. Il tratto di strada tra Vosne Romanée e Saint Romain dura circa trenta minuti. Questa volta è David Bowie che mi accompagna: lui è una delle colonne sonore della mia vita, c’è sempre stato … continua »