Vergognarsi per il vino al metanolo 30 anni dopo. Basta l’intervista a Ciravegna della Televisione Svizzera Italiana

Vergognarsi per il vino al metanolo 30 anni dopo. Basta l’intervista a Ciravegna della Televisione Svizzera Italiana

di Fiorenzo Sartore

Ritorniamo a parlare di scandalo del metanolo. Certo, sono passati trent’anni, e pare necessario ricordare un trentennale così. Pietro ne ha ripercorso la storia, oggi ci andava solo di segnalarvi un vecchio filmato tratto dalla TV svizzera, con tanto di intervista a Giovanni Ciravegna.

Guardatelo, questo servizio di dieci anni fa. C’era già tutto: la truffa, la beffa, la storia dei sommersi e dei salvati. Manca solo la vergogna: quella, chi vuole, la può provare conto terzi. Prendetevi un po’ di tempo, anche se non vi piacerà.

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

8 Commenti

avatar

Rondinella

circa 6 anni fa - Link

Senza parole....anzi "CHE VERGOGNA!"

Rispondi
avatar

Sergio

circa 6 anni fa - Link

Servizio bellissimo; solo gli Svizzeri potevano farlo; giustamente centrato sulle vittime. Sarà cambiato qualcosa dopo 10 anni?

Rispondi
avatar

Samuele

circa 6 anni fa - Link

Sono allibito

Rispondi
avatar

Alessandra

circa 6 anni fa - Link

Impressionante. Non dimentichiamo mai.

Rispondi
avatar

Nella Cerino

circa 5 anni fa - Link

Almeno pagate, porci!

Rispondi
avatar

Roberto

circa 5 anni fa - Link

Probabilmente, da un punto di vista puramente pragmatico, criminali così andrebbero eseguiti sulla pubblica piazza, a scopo di esempio e per depurare la società da pericolosi cancri.

Rispondi
avatar

mariangela ferrarini

circa 5 anni fa - Link

Schifosi produttori agroalimentari...di capra e cavoli, fate le merende con un bello [edit] per lavare i vostri peccati... La gogna!!
Orsù, conteniamo l'indignazione. F.

Rispondi
avatar

Andrea Ciravegna

circa 4 anni fa - Link

Purtroppo storia ben nota a chi porta lo stesso cognome anche senza alcun grado di parentela. Fanno solo inorridire le risposte date da Giovanni C. che ha disonorato un buon cognome che annovera un generale nell' ottocento e mio zio Tommaso Ciravegna. Classe 1908 che fu vice comandante dell Arma dei Carabinieri. Tale individuo dice che produce ancora del vino ed è tornato a risiedere a Narzole invece di scomparire nel profondo dell' Australia.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.