Vendemmia 2014: fondamentale il ruolo dell’enologo. Lo ha detto Assoenologi

di Alessandro Morichetti

Purtroppo non leggo certe robe di prima mano ma qualcuno lo fa e, insomma, c’è da divertirsi. Aprite bene le orecchie, è il Report Vendemmia 2014 di Assoenologi che vi parla.

“Il fondamentale ruolo dell’enologo. La meritocrazia sarà determinante per i risultati qualitativi di quest’anno. La vitienologia è una scienza e come tale non può essere delegata a chi non è della professione. Il 2014 è la classica annata che mette in luce come la tradizione da sola non risolve i problemi. Il vino, come qualsiasi altro prodotto biologico alimentare, senza cultura scientifica e tecnologia solo casualmente può essere di qualità, e quando si parla di tecnologia si parla di tecnici, nel nostro caso di enologi e di enotecnici”.

Grazie Assoenologi, è un contributo illuminante e certamente super partes. Lasciamo fare ai tecnici, insomma, quando le cose si mettono male? I tecnici sono una gran cosa, per carità, ma da qui a costituire una certezza ancora ce ne passa. Non so voi, ma a me viene in mente cosa resta dell’ultimo governo tecnico (Monti). Quanto al fatto che i vini a-tecnici possano essere solo buoni “per caso”, facciamo che non commento.

avatar

Alessandro Morichetti

Tra i fondatori di Intravino, enotecario su Doyouwine.com e ghost writer @ Les Caves de Pyrene. Nato sul mare a Civitanova Marche, vive ad Alba nelle Langhe: dai moscioli agli agnolotti, dal Verdicchio al Barbaresco passando per mortadella, Parmigiano e Lambruschi.

18 Commenti

avatar

Tommaso

circa 7 anni fa - Link

Lasciando da parte il paragone con il governo Monti veramente molto, molto brillante, non penso che l'analisi di Assoenologi sia così lontana dalla realtà, poco o molto illuminante che sia. Se l'intento di questo articolo era sminuire la figura del tecnico ammiccando ad una filosofia condivisa per la quale tecnico = utilizzo di sostanze che possono nuocere alla tua salute e a quella delle persone che ti stanno intorno, questo è un altro discorso, ma spero e credo che l'intento non fosse quello. Comunque da Assoenologi non mi aspettavo certo di leggere chissà quale grande verità, giustamente tende a valorizzare l'operato della categoria che rappresenta, fermo restando che l'espressione "certamente super partes" la si può usare in qualsiasi dichiarazione di qualsiasi persona/ente. Last but not least: non sono un tecnico.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 7 anni fa - Link

Dr. Morichetti, non condivido affatto la sua polemica! Per me non è autopromozione o autoreferenzialismo. Dietro al vino oltre alla tradizione, al legame col territorio, c'è anche tanta scienza, ricerca. In annate disastrose come questa, serve ricordare il ruolo dell'enologo che cerca di salvare il salvabile, senza essere maliziosi e cercare di accusarci su chissà cosa circa il nostro conto. Una rinfrescatina al cervello su cos'è l'enologia non fa mai male! http://it.wikipedia.org/wiki/Enologia Ps Il paragone col governo è Monti non si può proprio sentire. Mi fa venire l'orticaria!!

Rispondi
avatar

Giovanni

circa 7 anni fa - Link

Che il governo del vino sia lasciato ai tecnici; i praticoni soffrono spesso di uveite.

Rispondi
avatar

maurizio gily

circa 7 anni fa - Link

che il ruolo dell'enologo sia importante nel 2014 è sicuro. Come è sicuro che i vini a-tecnici possono essere buoni solo per caso.Tutto sta a mettersi d'accordo cosa su vuol dire a-tecnici. A partire dal significato di techne. che c'entra poco con i diplomi e l'iscrizioni alle associazioni. Quindi sul contenuto si può anche essere almeno in parte d'accordo. Ma è il modo autocelebrativo in cui è stato scritto che induce al sorriso.

Rispondi
avatar

gp

circa 7 anni fa - Link

Veramente oltre all'autopromozione c'è qualcosa di più, perché accostando due frasi non strettamente consequenziali si lascia l'impressione in chi legge che "tradizione" equivalga a "senza cultura scientifica e tecnologia" (cioè vini a-tecnici, nel senso di fatti come capita da persone inesperte). Quindi c'è un attacco implicito a chi ritiene di avere accumulato sufficiente competenza individuale e collettiva per non ricorrere all'assistenza di un enologo, o per ricorrervi in modo limitato, che in pratica viene gufato alla grande...

Rispondi
avatar

Tommaso

circa 7 anni fa - Link

Una condizione nega l'altra: se hai acquisito abbastanza competenza individuale da non avere (o quasi) bisogno di un enologo ciò vuol dire che non sei a-tecnico. Quindi non si possono mischiare le tre condizioni (enologo, colui che ha acquisito competenza, a-tecnico nel senso di "senza cultura scientifica e tecnologica") a seconda del messaggio che si vuole far passare, anche se funziona. Certo, potremmo stare qui a discutere anni sul significato di tradizione, a-tecnico ecc. ma non penso sia il caso di farlo.

Rispondi
avatar

gp

circa 7 anni fa - Link

Come ho mostrato, chi "mischia le condizioni" è l'Assoenologi, nel brano citato da Morichetti. Che bisogno c'era di tirare dentro la tradizione, accostandola a "senza cultura scientifica e tecnologia"? Anche la chiusa "quando si parla di tecnologia si parla di tecnici, nel nostro caso di enologi e di enotecnici" sembra voler dire "non farai un vino decente senza di me, in generale e in particolare nel 2014": per questo ho parlato di gufare.

Rispondi
avatar

Giancarlob

circa 7 anni fa - Link

Alcuni gg fa passeggiando in collina sono passato accanto ad un vigneto: non sono un esperto in materia, ma vedendo l' uva malridotta più che di un enologo secondo me c' è bisogno di un mago …..

Rispondi
avatar

maurizio gily

circa 7 anni fa - Link

ho scritto un po' di refusi, sorry. fucking touch screen

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 7 anni fa - Link

io sono enologo, ma non è che in cantina quest'anno si facciano miracoli. se l'uva di partenza è una ciofeca perchè non c'è stato sole non serve a nulla addizionare con amenità estrattive o chimiche. confido nel tempo... e osservo. poi vedremo.

Rispondi
avatar

claudia

circa 7 anni fa - Link

L'associazione non brilla per proprietà comunicative, ma nei lontani anni 80 per me è stato un modo iniziale, uscita da scuola , di conoscere dei colleghi. Ragazzi miei il mondo degli enologi non è fatto solo da moltiplicatori di Brunello, dagli emuli di Riccardo o Giuseppe, ma anche da persone come me che vivono la professione così: https://www.vinix.com/myDoc.php?userContent=25885 Io vi aspetto in cantina così possiamo continuare a ragionare.

Rispondi
avatar

Andrea c.

circa 7 anni fa - Link

Almeno al nord , la stagione è andata come tutti sappiamo , stanno svanendo anche le speranze di un "buon settembre" . Se può essere in parte vero il vecchio detto che in cantina si può solo peggiorare un' ottima uva .... quest' anno potrà essere vero (in parte) il contrario . L' uva in troppi casi è pessima (o comunque povera) , un bravo enologo saprà tirar fuori un prodotto, speriamo accettabile, anche per i bilanci dei produttori . Per le eccellenze rivolgersi alle scorse annate , o alle prossime ....

Rispondi
avatar

armin

circa 7 anni fa - Link

non l'annata è pessima ma il decorso meteorologico. vuol dire che ci saranno ottimi vini anche nel nordest, ma questi saranno molto meno del solito. le aziende che non possono o vogliono aspettare la piena maturazione molto probabilmente non faranno un buon vino, quelle più fortunate e diligenti (ci vuole la combinazione dei due) faranno di meno ma probabilmente eccellenze anche quest'anno. un mio amico ha definite queste annate le annate del vignaiolo. per cui dire che l'annata è stata pessima è tanto generalizzante quanto dire che in tutta italia ci siano stati problemi.

Rispondi
avatar

Francesco Garzon

circa 7 anni fa - Link

Mi piace questo blog anche "solo" per il fatto di far affacciare tra i commentatori persone come Armin Kobler.

Rispondi
avatar

Francesco Garzon

circa 7 anni fa - Link

Carolain Cats la considero di casa.

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 7 anni fa - Link

oh grazie! io però non so chi è lei... giusto per far vedere quanto gossippara o social io sia... comunque grazie eh! :-)

Rispondi
avatar

Francesco Garzon

circa 7 anni fa - Link

Amante del vino, apprendista degustatore, buon lettore "combattendo" tra famiglia (con piacere) e lavoro (non sempre con piacere). Commentatore (spero non troppo disturbatore) sui/l blog.

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 7 anni fa - Link

ah però... io invece sono miss nessuno :)

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.