Tutto il 2013 di Intravino dal buco della serratura. Numeri e sorprese per tutti i gusti

di Antonio Tomacelli

Google Analytics, lo strumento che analizza il traffico di qualunque sito internet, somiglia molto a un buco della serratura dal quale la nostra redazione moderatamente arrapata spia i movimenti lascivi dei lettori. Ogni fine anno il motore di ricerca pubblica i suoi dati globali in un sito dedicato che, pomposamente, chiama Zeitgeist, lo Spirito del Tempo.

Anche noi, più modestamente, abbiamo analizzato un tot di “Spiriti” dal nostro personalissimo peep-show per cui poggiate l’occhietto sul buco che si va a rivedere i vostri comportamenti nel 2013.

I post più letti dell’anno
1. Cose che stento a credere: Giordano Vini inganna i clienti
Al primo posto, come ogni anno, c’è l’articolo sull’azienda piemontese. Perché questo articolo ha tanto successo a tre anni dalla pubblicazione? Provate a gugolare “giordano vini” e capirete.

2. Domande da panico: qual è il prosecco di Valdobbiadene con il miglior rapporto qualità/prezzo?
Il Prosecco impazza sui mercati e trionfa su Intravino anche se, a due anni di distanza, la domanda resta inevasa.

3. Portare il Tavernello alla Fiera dei Vini Veri per vedere l’effetto che fa. Perché lo fa, eh
Il lato zuzzurellone di Intravino. Quel giorno il nostro editor Morichetti ha perso più di un amico. Alla cieca.

4. Manuali | Come farsi il vino in casa (in 22 facili mosse) e vivere felici
Ma davvero seguite i consigli di Intravino per farvi il vino in casa? Bravi, chi lo avrebbe detto! Fuori classifica ma ben piazzato c’è anche questo post sull’imbottigliamento del vino sfuso: da rileggere.

5. Ciao, Simone
E se lo ricordassimo in ogni nostro brindisi di mezzanotte? Sono sicuro che a lui farebbe piacere.

6. Ecco i 50 migliori vini d’Italia per Best Italian Wine Awards 2013. Vince il Brunello 2007 Riserva Poggio di Sotto
Le liste sostituiranno le guide? Su Intravino è già successo anche se la tag “tre bicchieri” (più sotto) viaggia ancora alla grande.

7. Il suicidio social mediatico di Fulvio Bressan tra razzismo, boicottaggio e gogna all’italiana
Il “popolo del web” non perdona e la condanna è unanime. Banalità a parte, nel giro di tre giorni il caso Bressan fa il giro del mondo, come da