Sei un agricoltore single? Un programma tv ti aiuterà a trovare moglie. Seguono suggerimenti

di Cristiana Lauro

È una gran bella società la nostra, mi piace la piega che hanno preso i rapporti sociali. Andiamo tutti di fretta e, con questa crisi, ci tocca correre il doppio rispetto a prima per guadagnare la metà, ammesso che ci paghino e non c’è tempo per avvicinare, conoscere, corteggiare o conquistare. Per fortuna web e media ci vengono in aiuto con siti, applicazioni e programmi TV. Le novità in rete sono diverse.

C’ è adottaunragazzo.it, vero e proprio supermercato per signore dove acquisti uno che ti piace, lo butti nel carrello e una volta che hai pagato fai come ti pare, approfittando anche di offerte convenienti come la settimana del pel di carota, che soddisfa le appassionate di fototipo irlandese, o quella dell’orsacchiotto peloso, per chi non resiste all’indiscutibile fascino della moquette.

Un’applicazione di incontri che sta avendo un enorme successo di pubblico è Tinder, che offre la possibilità di andare al dunque subito con tre click, ovunque nel mondo, con un raggio d’azione da voi stabilito e indicato in chilometri, permettendovi di risparmiare benzina, di declinare impegni per il futuro, cene noiose e inutili coccole a fine incontro. Una versione simile per gay funziona ancora meglio e si chiama Grinder, usatissima dalla community che non stacca l’occhio dalla app nemmeno il giorno del Pride.

Wired ci riferisce, invece, di un sito per trovare finti fidanzati su Facebook, un’applicazione per sfigati single che sentono la necessità di millantare il credito con gli amici e che tranquillizza tutti garantendo: niente sesso, solo post in bacheca. Che suona un po’ come: stai sereno, nun se deve scopà!

Insomma ce n’è davvero per soddisfare chiunque. Ma una cosa è accontentare chi cerca una notte di sesso o semplicemente fare il gradasso, altro è sistemare chi vuole un compagno per mettere su famiglia, soprattutto se vive in campagna. Se siete agricoltori un po’ all’antica o, meglio, tradizionalisti, pastori, produttori di vino, domatori di mucche, allevatori di api, lombrichi o cavalli, uscite dalla grande rete e non perdetevi il casting dell’anno. Citiamo direttamente il comunicato: “Scrivi a casting2014@fremantlemedia.it o chiama il 3311859552 per partecipare al casting del nuovo programma televisivo che ti aiuterà a trovare l‘anima gemella!”

È in programma infatti una sfiziosissima trasmissione reality (non realtà, badate bene) con un parterre di campagnoli in cerca dell’anima gemella. Ci si domanda se villani, bifolchi e cafoni verranno discriminati dal casting ma la redazione è abbottonatissima e la suspence cresce. In tempi di crisi si aggiornano anche i cliché, gli stereotipi, non è più tempo di Marilyn che voleva sposare un milionario, qui tocca puntare sulla concretezza rurale, il ritorno alla terra, alle sue radici e ti saluto Wall Street.

Non pretendiamo di saperne di lombriapifrutticoltura, ma possiamo essere veramente utili per tutti quei viticoltori, vivaci e insoddisfatti che non ne possono più di coricarsi con le galline.

L’outfit è fondamentale, poche storie, quindi d’estate è obbligatorio il cappello di paglia, senza nastro per lui, con nastro coloratissimo per lei. Camicia chiara fuori dai pantaloni comodi ma non informi. Cruciale, difficile ma fondamentale sarà la scelta delle scarpe che devono garantire un appoggio sicuro quando scendete atletici dal trattore ma senza evocare sostegni ortopedici a carico del SSN, inopportuni in periodi di spending review e brutti da morire. Fustagno per pantaloni e giacche durante il periodo della vendemmia.

Tenete a portata di mano i guanti da lavoro in caso di ispezione, ma in video e in pubblico sono da evitare come la peste, quindi manicure resistente e naturale: vietate le incursioni al nail bar per le signore. Presentatevi in maniera spontanea, evitate le affettazioni e dimenticate di essere davanti a una telecamera, il vostro fascino è legato all’idea di rustico, originale e autentico, quindi, la domanda che sorge spontanea, impetuosa e vi formulo nella lingua di Dante è: agricoli, ma voi che cacchio ci andate a fare in tivvù?

avatar

Cristiana Lauro

Cantante e attrice di formazione ma fortemente a disagio nell’ambiente dello spettacolo, che ha abbandonato per dedicarsi al vino, sua più grande passione dopo la musica. Lauro è una delle degustatrici più esperte d’Italia e con fierezza si dichiara allieva di palati eccellenti, Daniele Cernilli su tutti. Il suo sogno è un blog monotematico su Christian Louboutin e Renèe Caovilla, benchè una rubrica foodies dal titolo “Uomini e camion” sarebbe più nelle sue corde. Specialista di marketing e comunicazione per aziende di vino è, in pratica, una venditrice di sogni (dice).

7 Commenti

avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

Tinder ? ma come non si scende piu' alla cabina della SIP sottocasa con il numero dell'amata in tasca, una montagna di gettoni e la speranza che a rispondere sia lei e non il padre ? sono rimasto indietro ...

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 7 anni fa - Link

lauro mi son capottata dal ridere.... senti tu, ma non avevan fatto già na roba coi contadini anni fa a cui accoppiavano tipo le barbie, si chiamava forse la fattoria, sempre sull'onda grande fratelloecompagnia.... che sia una rivisitazione? bah nel fattempo provo adotta un ragazzo e vedem che succede ;) ps: le calure battono nella mente di chi fa tivvù, come se battono!!!!

Rispondi
avatar

Il Cantiniere Mascherato

circa 7 anni fa - Link

Bene, appena rientrato dalla vigna, ho letto il tuo post. Ah! ah! ah!... Si sentiva la mancanza della tua ironia tagliente ed affilata come un bisturi. Black Mamba è tornata a colpire ;-) Dopo aver letto il tutto mi è venuta una grande ansia e mi sono detto: "meno male che mi sono sposato"... altrimenti avrei fatto la fine di un "domatore di mucche" ;-), che va alla ricerca di una partner sulla rete. Quello che tu racconti, all'inizio fa ridere, poi sorridere ed infine... riflettere. Te l'ho già detto che sei saggia. Purtroppo quello che tu racconti con ironia e sarcasmo è la triste e drammatica realtà della nostra società. Una società ove tutti corriamo e rincorriamo un non so bene cosa... e non abbiamo più tempo per i nostri più intimi desideri ed istinti. Quindi si finisce per scegliere e comprare il sesso e l'amore on line, perché non si ha tempo da perdere. Che grande tristezza! Tutto questo dovrebbe farci riflettere su come viviamo (sopravviviamo) e quali sono realmente le cose importanti della nostra breve esistenza. Parli al maschile ma non sei tu il cantiniere, ché è femmina. Vabbè, la capiamo in 2 questa, burlone :D [ale]

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 7 anni fa - Link

Caro cantiniere, quanto ti voglio bene! ;-) Hai ragione: che grande tristezza. @Suslov: Tinder è in forte crescita. Ne fa uso un sacco di gente avvilita e pure qualche zozzone, diciamolo. @Carolain Cats : sì, mi pare ci sia stata una roba del genere assolutamente ridicola con ex tronisti ripuliti e rinzozzati ad uso del video, che spalavano letame per la gioia di un pubblico di idioti caratterizzati dal buon gusto di guardare mucche che cagano a ora di cena. Bah! :-(

Rispondi
avatar

carolain cats

circa 7 anni fa - Link

oh lauro io ho le caprette e scagazzano che è un piacere... così carine e così cacchine :))) le famo annà in tivvu?

Rispondi
avatar

suslov

circa 7 anni fa - Link

grazie per l'hint, vado e installo :-)

Rispondi
avatar

alkaline

circa 7 anni fa - Link

ahahha questo programma in Francia c'è da un bel po' (si chiama l'amour est dans le près) e mi è capitato di vederlo un paio di volte quando abitavo oltralpe: assurdo! I contadini tutti sdentati, con cappello di paglia (che però dai, sdoganiamolo, è molto più fresco di quello con la visiera!), manone grosse e rovinate e grammatica incerta...per la serie il festival del luogo comune! Devo controllare che al mio fidanzato viticoltore non venga in mente di iscriversi!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.