Breve elenco non completo di pornostar e delle loro passioni alcoliche

Breve elenco non completo di pornostar e delle loro passioni alcoliche

di Fiorenzo Sartore

Uno legge The drinks business per darsi un tono. Io, per esempio, mi occupo di drink, quello è il mio business, quindi sarei a posto. Poi leggendo trovo un articolo come “Porn stars and their favourite drinks” e penso: ma allora ditelo, che non sono l’unico a distrarmi sul lavoro. Così ho riciclato per voi quel fondamentale contributo editoriale, l’ho rivisto, corretto e migliorato (modestamente) con l’integrazione di qualche elemento mancante. Ecco quindi un elenco di icone culturali contemporanee, associate alle loro bevande alcoliche.

Ron Jeremy. E’ considerato a ragione uno dei padri nobili (“perhaps the biggest male name, yes name”) dell’arte performata all’interno dell’adult industry, è nel Guinnes dei primati per il numero di film interpretati, e comunque di Ron avevamo già parlato: produce Rum, che peraltro chiama Ron. Con quell’aria da Sergente Garcia ha pure il fisico del ruolo, per il distillato caraibico. Da giovane aveva un aspetto certamente più attraente, ma nel male performer la bellezza non pare sia l’elemento centrale. Quell’altra virtù, invece, non decresce invecchiando.

Jenna Jameson. La regina si è ritirata nel 2008, ma il fulgore del suo regno brilla ancora in ogni porn tube che si rispetti. Agli inizi della carriera ha scelto il nome d’arte ispirandosi al Whisky Jameson, quindi è partita bene. Oggi, come una celebrity qualsiasi, nella sua residenza californiana produce vino, ma niente cabernet cioccolatosi: bollicine. Produce due spumanti, con due nomi differenti, Hard Core e Soft Core. Quest’ultimo proviene dalle vigne giovani: molto romantica.

Tera Patrick. Di gran lunga la mia preferita, e questo già dovrebbe bastare. La signora Patrick è un’ex infermiera (due fetish in uno, direi). Citando sempre The Drinks Business, “tutte quelle lezioni di anatomia le sarebbero state utili nella carriera successiva”. Tera ha avuto qualche problema di eccessi alcolici in giovane età, dove alternava vino a “Jack” (Daniel’s). Nemmeno la scelta di quel distillato discutibile incrina, per un attimo, la mia ammirazione. Per ragioni di risentimento personale non citerò l'(ex) marito, e collega attore, che essendo pure rocker va in giro bullandosi di bere Champagne. Capirai, bella forza. Tu non te la meritavi, Tera.

Bree Olson. Ex fidanzata di Charlie Sheen, e performer ingiustamente sottovalutata, ha partecipato ad autentici capolavori come la parodia hardcore di Scooby Doo (non fate finta di non sapere che ne esiste una) dove interpretava Daphne, la rossa del quartetto. Nel 2011 spezza il cuore ai numerosi follower annunciando il suo ritiro via Twitter. Per motivi che per me restano privi di qualsiasi spiegazione, racconta che il suo alcolico preferito sia Jägermeister. Mah.

Sasha Grey. Parlando di qualità attoriali, per quanto mi riguarda Sasha è una delle performer più sopravvalutate. Francamente, non capisco che ci trovino nella signorina. Tuttavia miss Grey nel suo profilo Twitter si dichiara “Single Malt Drinkin” e tanto basta per rivalutarla. Alla domanda “che faresti se ti restassero due giorni di vita” ha risposto che dirigerebbe il suo yacht al largo in compagnia del più raro Single Malt possibile. Chiaro che una risposta così la rende all’istante una-di-noi.

Peter North. Un altro che assieme a Ron Jeremy vanta una carriera lunghissima, considerando che già nei primi anni ottanta era una star. Celebre per un dettaglio specifico della sua performance, purtroppo non riferibile in un wine blog serio come questo, Peter ha sempre mostrato un fisico statuario e palestrato, e misure vitali innaturali (non è normale essere così, intendo). Sul lavoro non sopporta che gli accarezzino i capelli, “perde la concentrazione”. Avendo come bevanda preferita la Coca-Cola mixata col Jack Daniel’s, possiamo sfogare lecitamente la nostra invidia (del pene).

Jesse Jane. Si definisce una ragazza di campagna, dai gusti semplici: le basta il suo truck (praticamente il Suv col cassone) e una birra, ci auguriamo non contemporaneamente. Da buona entrepreneur, però, assieme a Diosa Spirits ha lanciato la sua linea di bevande alcoliche. In sostanza si tratta di una tequila a quattro gusti diversi: cafè caramel (ignoro cosa sia), mango, mandorla e mela. Per dirla con lo slogan prescelto: “An orgy of flavours”. Mi fido.

Rocco Siffredi. Sul suo vino, presentato all’ultima fiera di Verona e prodotto assieme al pilota di Formula 1 Jarno Trulli, vi abbiamo intrattenuto molto abbondantemente. Rocco Rosso è in magnum “ma non solo”, per non intimidire i normodotati. Più che una battuta facile è un gol a porta vuota. Rocco Siffredi non è l’unico attore italiano a mostrare interesse per l’enomondo. Per esempio, abbiamo anche…

Franco Trentalance. Franco a Firenze frequenta Burde, il risto dell’intravinico Andrea Gori, quindi chettelodicoaffare, siamo in pieno conflitto d’interessi. In questa chiacchierata si dichiara appassionato anche di vino. Per giunta ha ispirato la produzione di una birra, ovviamente afrodisiaca, La30. A proposito di birra, un’altra sua citazione memorabile: “la birra fa bene all’uomo, quando la beve la donna”.

Savanna Samson. Parlando di vino e hardcore non potevo concludere senza evocare il monumento vivente allo stardom prestato al vigneto, miss Natalie Oliveros in arte Savanna Samson. Se non altro perché all’ultimo Vinitaly ho assaggiato il Brunello che la signora produce a La Fiorita. Com’è? Credo sia uno dei rarissimi casi in cui non ho preso appunti (ero distratto) ma confidando nella memoria posso dire: niente male. Non enorme, ma sorprendente: non me lo aspettavo così levigato, elegante. Come la sua visione.

avatar

Fiorenzo Sartore

Vinaio. Pressoché da sempre nell'enomondo, offline e online.

10 Commenti

avatar

Luciano

circa 9 anni fa - Link

Fiorenzo sei il mio mito..............................

Rispondi
avatar

Guido porrati

circa 9 anni fa - Link

Fiorenzo....enonista!!!

Rispondi
avatar

Adriano Aiello

circa 9 anni fa - Link

Sono in imbarazzo, ne conosco meno della metà :( Sono troppo tipo da "amatorial"

Rispondi
avatar

Flachi10

circa 9 anni fa - Link

uno degli articoli migliori di IV ever...

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 9 anni fa - Link

stasera sessione doppia di PornHub, devo recuperare un po' di arretrato. Comunque Sasha Grey non è per tutti, decisamente

Rispondi
avatar

Nelle Nuvole

circa 9 anni fa - Link

Nella prima lettura frettolosa avevo letto TETRA PATRICK :) Nel complesso, un quadro abbastanza deprimente, per quanto Fiorenzo cerchi di rinvispire con la sua prosa speziata. Infine, dissento dall'affermazione lapidaria del Sor Trentalance. L'Omo ha sicuramente un'esperienza vastissima, ma per quanto riguarda la mia e quella di un nutrito circolo di amicizie femminili, la birra provoca una serie di effetti collaterali fra i quali NON rientra l'aumento di libidine.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

Rocco il mio idolo da sempre, ora più che mai. Però Tera non si batte. Number one!

Rispondi
avatar

Francesco

circa 9 anni fa - Link

allora, non diciamo eresie: Jenna Jameson non si batte!! la musa ispiratrice!!! :-D poi si capisce che è un tipo effervescente, produce bollicine!!!!

Rispondi
avatar

LucA

circa 9 anni fa - Link

E che dire di Paula Price! A... cavallo degli anni 90 ;-)

Rispondi

Commenta

Rispondi a Flachi10 or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.