BaroloBrunello. Scopri i dettagli di un evento da urlo il 21-22 novembre al Castello di Barolo

di Intravino

Tanti lo hanno sognato, loro l’hanno fatto. Riunire in un unico evento le due denominazioni italiana più lussuose e lussuriose: Barolo e Brunello di Montalcino. Il parterre de roi coinvolto da WineZone – un trio composto da Andrea Zarattini, Emanuale Varino e Stefano Pancera (giornalista e volto noto di Mediaset) – è di tutto rispetto e stavolta altro che splendida cornice de noantri.

BaroloBrunello si terrà al Castello di Barolo il 21 e 22 novembre prossimi ma l’idea è nata per caso ad Andrea Zarattini sui banchi d’assaggio di Benvenuto Brunello. Il programma in sé dice molto ma non tutto, leggiamolo insieme.

Castello di Barolo Venerdì 21 Novembre 2014 dalle 13:30 alle 19:00 apertura della manifestazione.
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini.
Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.
Ingresso su prenotazione: 35 euro

Venerdì 21 Novembre 2014 ore 20 Cena con i Produttori.
PALAZZO MARTINEGO – MODA Wine Restaurant – Monforte d’Alba
Su prenotazione a numero chiuso sarà possibile partecipare alla cena di gala, con menù a base di tartufo e cinta senese, dove saranno presenti i vignaioli Toscani e Piemontesi.
Cena su prenotazione: 110 Euro

Castello di Barolo Sabato 22 Novembre 2014 dalle 10:00 alle 14:30
Degustazione finale riservata al solo pubblico preregistrato. Incontri e Tavoli di assaggio. I vini saranno serviti dai produttori.
Ingresso su prenotazione: 35 euro

Ok, ma ora volete qualche chicca? Ebbene, tra gli altri e dimenticando sin troppo, in assaggio ci saranno: Brunello 2008 Salvioni, Fossati Case Nere 2004 Voerzio, Tre Tine 2010 Rinaldi, Cerretalto 2008 Casanova di Neri, Brunello Riserva 2008 Lisini, verticale in 3 annate di Acclivi Burlotto (2008, 2009, 2010), 4 annate del Brunello di Col D’Orcia (2001, 2004, 2006, 2008) e poi anche Poggio di Sotto, Ceretto, Domenico Clerico, Campi di Fonterenza.

Niente male, vero? Per il programma completo cliccate qui ma non esitate a fare domande di qualsiasi natura nei commenti. I Wine Zone sono attivisissimi e già in tensione.

Ne vedremo delle belle ma occhio: il numero dei posti è limitatissimo ed è necessario l’acquisto del biglietto online sul sito www.barolobrunello.it. Per qualsiasi informazione, invece, scrivete pure all’indirizzo info@wine-zone.it.

[Post Sponsorizzato]

15 Commenti

avatar

Mortacci Sua

circa 6 anni fa - Link

Acciderbola! Da sbarellamento vero. Wow!

Rispondi
avatar

anna melchiorre

circa 6 anni fa - Link

Io comunque Beppe Rinaldi non me lo perdo!

Rispondi
avatar

paolo

circa 6 anni fa - Link

Bella storia ..ma come non ci aveva pensato nessuna prima..Barolisti contro Brunellisti chi vincerà mah! ..il barolo però gioca in casa partita con vittoria scontata o...?

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 6 anni fa - Link

Chi vince tra Michelangelo e Picasso? Ma quando finirà quest'ossessione americana dei punteggi e dei confronti tra cose egualmente straordinarie ma così diverse da non potere essere parametrate?

Rispondi
avatar

Andrea Zarattini WineZone

circa 6 anni fa - Link

Guardiamola da altri punti di vista: non si tratta solo del Barolo che accoglie il Brunello. Ci saranno giovani produttori che producono 2800 bottiglie assieme a produttori che rappresentano la storia del Barolo e del Brunello. Filosofie di gestione della vite antitetiche a confronto. Innovatori e tradizionalisti. Tutti nella stessa stanza e tutti a disposizione di ogni palato che voglia farsi una propria opinione.

Rispondi
avatar

stefano pancera Wine Zone

circa 6 anni fa - Link

Stefano Cinelli Colombini ha perfettamente ragione. L'ossessione per i punteggi e per le "gare" a chi è più fiko non portano assolutamente a nulla. I produttori di Barolo e quelli del Brunello (uno in fianco all'altro e non uno di fronte all'altro) sono pronti a raccontare che cosa sia per ognuno di loro, secondo la storia delle loro famiglie, "Il" brunello e "il" barolo. Ridurre questa occasione ad una gara di punteggi fra prime donne, fra chi tifa per barolisti e chi tifa per brunellisti vuol dire -secondo me - non aver capito nulla nè del vino nè delle persone che lo fanno.

Rispondi
avatar

Paolo Repetto

circa 6 anni fa - Link

Credo che il filo conduttore di questi due giorni sarà l'Eccellenza che accomuna le due denominazioni. Il Barolo ed il Brunello esprimono, insieme a poche altre eccezioni, il massimo della qualità che i vini italiani sono in grado di offire e molti vini che saranno presentati a BB possono reggere ogni confronto. E' vero quello che dice Stefano Cinelli Colombini, vini straordinari ma non confrontabili. Il confronto (ma parlerei più di incontro) però ci può essere sulla qualità assoluta di ogni vino, che si riconosce nella sua unicità, tipicità, armonia, eleganza, complessità. Mi auguro allora possa diventare un incontro costruttivo per tutti e che possa contribuire a far parlare sempre più di Barolo&Brunello! Bravi ai ragazzi di Wine Zone per questa bellissima iniziativa.

Rispondi
avatar

Evaristo

circa 6 anni fa - Link

ma che ridurre a punteggi... o fare confronti... qui c'è da godere alla grande!!!!!!!!!!!

Rispondi
avatar

enotauri

circa 6 anni fa - Link

ragazzi complimentoni..! mi sembra un'occasione imperdibile. Salvioni e Lisini, ma anche Casanova di Neri... e dal piemonte Rinaldi e Marengo insieme a Voerzio, Ceretto, Burlotto... Scelte innovative con alcuni classioni. Grandi!

Rispondi
avatar

Paolo Poncino

circa 6 anni fa - Link

Questa iniziativa è un esempio di come, senza padri o padrini, partendo dal nulla, o meglio da una grande passione, si possano fare grandi cose. Non si tratta di sogni ma cose reali e tangibili con valenza emotiva ed anche economica. È un esempio per tanti motivi, perché fa capire che molte volte il campanilismo che può vedere contrapposti due cavalli di razza è figlio di interessi particolari (politici o altro). Mentre invece, semplicemente, tre persone hanno proposto una cosa che non era mai stata pensata... Quale morale si può ricavare? Idee, lavoro, pazienza, impegno e visione...con questi presupposti le cose si fanno, e bene! Grazie a ZARATTINI e co., non vedo l'ora di degustare e di godermi la cena di gala!

Rispondi
avatar

Paolo Poncino

circa 6 anni fa - Link

E ancora, vedere sotto lo stesso tetto vecchi "Barolo boys", esponenti rigorosi della tradizione e nuovi giovani entusiasti è, per un appassionato, emozionante

Rispondi
avatar

Ilaria Rossi

circa 6 anni fa - Link

Quando ho saputo di questa iniziativa ne sono stata veramente entusiasta. Ho pensato subito che sarebbe stata di ampio respiro e molto apprezzata in quanto fuori dagli schemi dei punteggi e dei premi sicuramente non solo finalizzata a mettere a confronto, ma ad omaggiare due delle più importanti ed alte produzioni vinicole italiane: due miti enoici a confronto ;-)

Rispondi
avatar

Mauro

circa 6 anni fa - Link

Bella, bella, bella iniziativa! Un'idea intelligente e che davvero stimola la fantasia. Mi sembra un modo semplice e brillante per far sistema e dare ancora più visibilità al vino italiano con due delle nostre migliori e nobili tipologie finalmente a fianco a fianco. La presenza di numerosi eccellenti produttori mi pare sottolinei la bontà dell'idea. Complimenti agli organizzatori!

Rispondi
avatar

ale

circa 6 anni fa - Link

curioso che l’evento sia in concomitanza al congresso nazionale AIS, nella vicina Torino, come mai?

Rispondi
avatar

Claudia Del Duca

circa 6 anni fa - Link

Sarà sicuramente un successo. E' un evento curioso che attirerà un grande pubblico. Mettere Barolo e Brunello insieme, non a confronto ma in accostamento, è un'idea geniale! Attendiamo con ansia...

Rispondi

Commenta

Rispondi a Mortacci Sua or Cancella Risposta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.