Altri consigli su come spendere gli aumenti di stipendio di Renzi: i 10 vini italiani più cari, per esempio

di Antonio Tomacelli

Come promesso in un precedente post, eccovi la classifica dei vini italiani più cari, reperibili in rete con due click o battuti alle aste. Il punto di partenza è come sempre il motore di ricerca Winesearcher ed i prezzi indicati rappresentano la media aritmetica tra le varie offerte. Vedo già migliaia di occhietti che strabuzzano stupiti per l’assenza di un caposaldo dell’enologia italiana: che fine ha fatto Angelo Gaja? Bad news, folks, il Giove tonante è solo 15° con un prezzo medio di 278 euro e peggio ancora va il Sassicaia. Solo 33° con 163 euro di prezzo medio.

Disclaimer: i prezzi indicati sono ricavati dalla media aritmetica delle diverse annate. Inoltre sono esenti da tasse che variano da nazione a nazione.

1. Bruno Giacosa Collina Rionda, Barolo DOCG, Piemonte – € 666

2. Giuseppe Quintarelli Amarone della Valpolicella Classico Riserva DOCG, Veneto – € 545

3. Tenuta dell’Ornellaia Masseto Toscana IGT, Toscana – € 528

4. Giacomo Conterno Monfortino, Barolo Riserva DOCG, Piemonte – € 466

5. Falletto di Bruno Giacosa Falletto Riserva, Barolo DOCG, Piemonte –  € 456

6. Biondi Santi Tenuta il Greppo Riserva, Brunello di Montalcino DOCG, Toscana – € 404

7. Miani Calvari Refosco Colli Orientali del Friuli, Friuli-Venezia Giulia – € 373

8. Case Basse di Gianfranco Soldera Brunello di Montalcino Riserva DOCG, Toscana –  €360

9. Giuseppe Quintarelli Amabile del Cere Passito Bianco Veneto IGT – € 347

10. Romano Dal Forno Vigneto di Monte Lodoletta, Recioto della Valpolicella DOCG, Veneto – € 341

Allora, avete già deciso come bruciarvi i famosi 80 euro di Matteo Renzi?

avatar

Antonio Tomacelli

Designer, gaudente, editore, ma solo una di queste attività gli riesce davvero bene. Fonda nel 2009 con Massimo Bernardi il blog Dissapore e, un anno dopo, Intravino e Spigoloso. Lascia il gruppo editoriale portandosi dietro Intravino e un manipolo di eroici bevitori. Classico esempio di migrante che, nato a Torino, va a cercar fortuna al sud, in Puglia. E il bello è che la trova.

8 Commenti

avatar

Lucia

circa 6 anni fa - Link

Piemonte.

Rispondi
avatar

Eufemia

circa 6 anni fa - Link

Il Recioto. non capisco che ci faccia là Miani col Refosco ..........

Rispondi
avatar

Marco

circa 6 anni fa - Link

Un po' OT devo ammettere, ma girovagando sull'archivio della Stampa sono capitato su una pubblicità di un supermercato del 66. Dando un'occhiata al livello generale dei prezzi sembra che si comprava per 100 lire quello che oggi si compra con un €. Questo sembra valere più o meno per tutto, poi uno va a vedere il vino: il Barolo 61 era venduto a 490 lire, cioè in pratica a 5 €.... Chissà quali erano i prezzi dei vini di cui sopra nel 66

Rispondi
avatar

CristianoRM

circa 6 anni fa - Link

Tie i conto però che un barolo comprato all'epoca col cavolo che saresti riuscito a berlo prima di un lustro o due......

Rispondi
avatar

Classico

circa 6 anni fa - Link

Ea ora che Gaja iniziasse a prender mazzate 8almeno economiche) oppure ho letto male altri articoli e visto con gioia per esempio i video di Mascarello? E in realtà anche voi siete pro-Gaja, Elio Altare e Giorgio Rivetti (tanto per far qualche nome e cognome) e i Farinetti? LA cina è vicina olè!

Rispondi
avatar

Gasperuccia

circa 6 anni fa - Link

Personalmente questi famosi 80 euro li ho già bruciati come segue… Guerrieri Gonzaga, San Leonardo 2001, un vero campione di finezza ed equilibrio, non fatico a definirlo come uno dei migliori rossi mai fatti in Italia, prezzo 45 euro, voto 96/100. I rimanenti 35 euro li ho investiti in Francesco Poli, Vino Santo Trentino sempre 2001, un eccellente amalgama tra dolcezza, grassezza e rinfrescante acidità, alcool praticamente inavvertibile, finale molto lungo e voto che a mio avviso si attesta attorno ai 95/100. Due belle dimostrazioni di longevità enologica ad un costo decisamente sopportabile, data l'altissima qualità dei prodotti in questione.

Rispondi
avatar

damiano

circa 6 anni fa - Link

Se bevi mascarello, oggi come ieri, i lustri li attendi ma l'attesa non è vana.

Rispondi
avatar

gian paolo

circa 6 anni fa - Link

Non capisco xchè quando fatte queste classifiche vi dimenticate del mio lambrusco???e dire che è veramente costoso ....starei sicuramente tra la 3° e la 4° posizione. :) :) av salùt bela gent ciao Gp

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.