Si fa presto a dire etichetta

di Dan Lerner

Di cosa vorremmo leggere sull’etichetta di un vino si è già abbondantemente parlato: dalla “anoressia verbale” di Alessandro Dettori che tanto dibattito ha scatenato qui agli eccessi logorroici lamentati da Jacopo Cossater qui.

Ma ora invece chiediamo a voi cari lettori che cosa vorreste farci di diverso con una etichetta? Fuori le idee, usi alternativi, utili, originali, chissà che il vincitore non si trovi a casa la sua cuvée alla prossima vendemmia…

Un aiutino: 20 designers si sono già cimentati nell’esplorare nuove funzioni e le loro idee sono state presentate l’anno scorso in una cantina del Monferrato e in questi giorni alla Cantina Scoffone di Milano per il Salone del Mobile. Ve ne presentiamo qualcuna subito dopo il salto.

2 Commenti

avatar

Lucia Barzanò

circa 11 anni fa - Link

Penso che l'etichetta ormai abbia il solo compito di comunicare il Marchio ed i valori che questo porta con sé e di essere il più "piacevole" possibile; ché già "bella" sarebbe troppo, per quanto è soggettiva la bellezza (soprattutto in tema di etichette). Per il resto c'è (ci sarà) il QRcode che può raccontare efficacemente la storia dell'enologia mondiale dalla preistoria in avanti a chi abbia voglia di approfondire.

Rispondi
avatar

Luca Ferraro

circa 11 anni fa - Link

non c'è niente di più fescion che un bel bindello scritto dal Vate!!!!

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.