Lisa Foletti

Come mangia un vegetariano da Riccardo Camanini?

Come mangia un vegetariano da Riccardo Camanini?

Nel bel mezzo della pandemia ho deciso di diventare vegetariana.
Per intenderci, ho smesso di mangiare tutti gli animali. Anche le vongole.

Niente di clamoroso in linea generale, ma abbastanza eclatante per me, buongustaia gourmet della peggiore risma, abituata a … continua »

Ho bevuto lo Champagne del Lidl e ora vi posso dire com’è

Ho bevuto lo Champagne del Lidl e ora vi posso dire com’è

In questo periodo di giornate e tasche vuote, la caccia a prodotti “furbi” che garantiscano una discreta soddisfazione a prezzi contenuti è una costante, almeno per me. Gli e-commerce sono di grande aiuto in tal senso, perché si può fare … continua »

Storie acide: io col Beaujolais di Metras ho chiuso

Storie acide: io col Beaujolais di Metras ho chiuso

Yvonn Métras è una specie di guru del vino naturale, in Beaujolais. Tipo Lapierre e Foillard, per intenderci. Certo, essere un guru in Beaujolais non è come esserlo in Borgogna o in Champagne, comunque ha il suo peso.

Produce … continua »

Smettetela di sottovalutare il grignolino!

Smettetela di sottovalutare il grignolino!

La premessa è che non conosco il grignolino, ma chi, fra i non piemontesi, lo conosce veramente?

Ai corsi da sommelier lo senti nominare, certo, ma poi alla lezione sul Piemonte mica ti fanno degustare un grignolino. Nebbiolo, barbera, semmai … continua »

Io, Barolo e l’Hermitage

Io, Barolo e l’Hermitage

Ho già scritto di Barolo.

No, non del vino.

Barolo è un cane.

Per la precisione, un carlino smilzo e scuro che proprio di razza purissima non dev’essere, e anche (o proprio) per questo mi suscita una gran simpatia. È … continua »

Ho bevuto il Gin della Lidl (6 euro) e ora vi posso dire com’è

Ho bevuto il Gin della Lidl (6 euro) e ora vi posso dire com’è

Quando faccio aperitivo con le amiche, spesso scattano gli esperimenti. Soprattutto di questi tempi, ché ho tanto bisogno di curiosare e divertirmi.
Qualche tempo fa ho sentito parlare di un gin italiano dal suggestivo nome di “Tempesta”, commercializzato in … continua »

Castel Zola Rosso di Cesare Corazza, il giusto ricostituente per le anime afflitte

Castel Zola Rosso di Cesare Corazza, il giusto ricostituente per le anime afflitte

Ormai è chiaro che, in questi mesi di sospensione e attesa, la tendenza è cercare riparo nelle cose calde, immediate e godibili, impossibili da approcciare in modo cerebrale con piglio chirurgico. Specialmente se si tratta di generi di conforto come … continua »

Too young to drink: il Barbacarlo 2009 del Commendatore

Too young to drink: il Barbacarlo 2009 del Commendatore

Nella mia cantina sono rimaste 7 o 8 bottiglie. Forse arrivo a 10, se considero anche un pagadebit del 2010, ormai buono solo per l’aceto, e una latta di acquaragia.

È così: non compro vino da un po’. O meglio, … continua »

Tutte le calorie di superalcolici, vino e birra

Tutte le calorie di superalcolici, vino e birra

Parliamoci chiaro: bere alcolici è prima di tutto un piacere. Indubbiamente ci sono questioni culturali, sociali, fisiologiche, psicologiche dietro al consumo di vino e di bevande alcoliche più in generale. Ma a monte di tutto c’è l’appagamento dei sensi, quantomeno … continua »

Comunicati stampa che non avremmo mai voluto ricevere:  “It’s Follador, it’s pink!”

Comunicati stampa che non avremmo mai voluto ricevere: “It’s Follador, it’s pink!”

È arrivato in redazione questo comunicato stampa, leggiamolo insieme:

“It’s Follador, it’s pink!

Follador al fianco delle donne con il nuovo Prosecco Doc Treviso Rosè Brut.

È iniziato il conto alla rovescia per il 25 novembre, Giornata internazionale contro la … continua »

L’Osteria di Medicina, le ricette della nonna nella Terra di Nessuno

L’Osteria di Medicina, le ricette della nonna nella Terra di Nessuno

Siamo andati in quella terra di mezzo che non è Bologna, non è Imola né Ferrara, è un po’ tutte e tre le cose, e nessuna.
Esiste un dipinto conservato in Comune che testimonia la storia millenaria di Medicina, … continua »

La cucina di Angelo Sabatelli è un distillato di Puglia

La cucina di Angelo Sabatelli è un distillato di Puglia

Il 2 giugno riapre il ristorante di Angelo Sabatelli. Lisa Foletti ci è andata poco prima del lockdown e questa è la sua recensione.

“Le hai mangiate le orecchiette?”
“E i cavatelli al sugo??”
“Mi raccomando, la focaccia!”
“Hai provato … continua »