Vajra o la spiritualità del terroir Barolo | Perché nella Langa si è solo custodi

di Andrea Gori

Tra i tanti celebrati cru del Barolo, il Bricco delle Viole ha da sempre un nome fortunato, ed una magia tutta sua. Il peccato più grande sarebbe quello di limitarsi a conoscere solo questa gemma preziosa, senza scoprire le piccole perle della produzione di Aldo Vaira, uno dei personaggi più schivi ed al contempo gentili, decisi e langaroli che si possano trovare. L’incontro con lui e con Milena, sia davanti ad un banco di assaggio che in cantina, ha sempre un’atmosfera speciale, slegata dal tempo, che permane nei ricordi per molti giorni. Un modo di fare d’altri tempi, una grande ritrosia ad apparire e a pontificare, come per sottolineare la voglia di concentrarsi sul lavoro e sulla terra, raramente così rispettata e venerata. Lo si avverte immediatamente, appena entrati nella sala degustazione: ovunque campioni di terreno, essenze profumate, mappe, sotto le finestre ritagliate in modo da osservare le vigne.

E lo si avverte in maniera più mistica e spirituale in cantina dove in ogni angolo serbatoi, botti, attrezzi, sono avvolti e guidati da magie di luce multicolori, per opera delle vetrate artistiche di Padre Costantino, un architetto che amava far riflettere, pregare e far parlare i luoghi dove le persone vivono e lavorano. Aldo ci guida tra le barrique arrivate da Romanée-Conti, quelle che contengono le vinificazioni sperimentali dell’Università, e quelle che portano all’interno i prossimi Barolo. E’ vero, ci sono i cru e i vari Barolo da assaggiare, ma tutta la gamma merita un approfondimento.

Langhe Bianco 2009
Scommessa grandissima ai tempi di Aldo che raccoglie barbatelle dall’Alsazia fino in Germania per ottenere un risultato che rimanesse. Vino che ha passo lungo e necessita di tempo per esprimersi ma quando procede a briglia sciolta è un prodigio di note agrumate, citrino fresco, rilassante e croccante, un floreale incantevole, bocca ricca, sapida e minerale, un piccolo grande Nahe di Langa. 88

Barbera d’Alba Superiore 2007
Ricco, polposo, dalla dinamica carnosa; bocca sapida, ciliegia, finale tra cardamomo e leggero pepato. 84

Langhe Nebbiolo 2009
Da vigne di Barolo e da Sinio, molto simile a Serralunga: cumino e fragole, cenno di rabarbaro, nota di legno, bocca molto dritta, finale agrumato. 86

Dolcetto Coste & Fossati 2010
Acceso e vispo, profumo accattivante: amarena pepata, anice e sandalo; tannino intenso ancora un poco crudo ma succosissimo. 84+ (da aspettare)

Freisa Kyè 2009
Polposo e ricco, appena insolito per la freisa ma in realtà è la grande maturità e pienezza che colpisce; freisa non tipicissima ma vino molto piacevole. 83

Barolo Albe 2007
Tre vigneti: Coste, La Volta, Vergne. Tre cru distinti ma solo un vino, facile, che si beve tranquillo, dal prezzo decente; ha la grazia del Barolo classico e la forza dell’annata. Rosa, china, rabarbaro, quasi arancio, tannino fitto, finale incantevole e aggraziato. 87

Barolo Bricco delle Viole 2007
Ampio e delicato: china, cumino e scorza d’arancio, aggraziato e femminile, ginger. Bocca dinamica dal tannino vivace, finale lunghissimo. 94

Barolo Baudana 2007
Caffè, confettura di ribes, lampone, balsamico: finale molto ricco, rosa thea, tannini di Serralunga, profondo, ricco. Menta e pepe rosa. 88

Langhe Rosso PN Q497 2009
Una convincente interpretazione piemontese del pinot nero: frutta di bosco rossa e nera, liquirizia, sandalo e mirto. Bocca territoriale, classica, impronta succosa e decisa . 88

Ascoltare Aldo che descrive i suoi vini è qualcosa di speciale. Dietro ogni etichetta (sono tantissime, anche un celebrato Moscato d’Asti ed un intrigante Alta Langa Rosé) si nascondono storie che nascono sempre da una mappa, da una parcella, da una persona che ha curato quegli ettari prima di Aldo e che in qualche modo ha lasciato il suo segno nel cercare di scoprire e far esprimere la vocazione del terroir.

Esemplare in questo senso la storia con cui Aldo è riuscito ad avere l’onore di coltivare gli ettari della famiglia Baudana a Serralunga oppure le vicissitudini legate al riesling, la volontà di far parlare in maniera leggera e delicata e “giovane” un Barolo come Albe, con le vigne più recenti. O ancora le piccole grandi scoperte dei terreni per il pinot  nero. Parlando con Milena e Aldo si ha la dimostrazione pratica della magia della Langa, del suo affidarsi agli uomini più sensibili e capaci nella vocazione ad una ricerca che coinvolge persone, coppie, famiglie, generazioni che su questa terra sembrano custodi sempre in affitto, e mai proprietari fino in fondo.

[Foto di Aldo e Milena: Degustateurs.com]

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

13 Commenti

avatar

Gionni Bonistalli

circa 10 anni fa - Link

Vini splendidi e persone splendide!!!

Rispondi
avatar

Amy Bellotti

circa 10 anni fa - Link

So very true... splended winemakes and wines!

Rispondi
avatar

Stefano Ghisletta

circa 10 anni fa - Link

Da loro ogni momento è speciale, si è sempre al centro delle attenzioni anche se arrivi nel periodo delle vendemmie. I Vaira non si accontentano di parlarvi dei loro ottimi vini, ma sono persone che privilegiano il rapporto umano. La foto pubblicata è di Nonsolodivino.

Rispondi
avatar

Daniele

circa 10 anni fa - Link

Lui credo sia il 'promotore' in Italia del movimento Terroir UGM francese, che ha organizzato allo scorso vinitaly una degu monumentale dei soci dell'associazione (Dagueneau e Selosse tra i tanti)...ah degustazione gratis! (I was there, tiè) Fu così coerente con se stesso da non portare neanche una sua bottiglia, cosa che gli fa onore, ma non avrebbe di certo sfigurato.

Rispondi
avatar

Risiko

circa 10 anni fa - Link

Aldo Vajra, un vero gentleman del vino.

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 10 anni fa - Link

Una famiglia bellissima.

Rispondi
avatar

Nereo Pederzolli

circa 10 anni fa - Link

Li conosco da 30 e più, vendemmie. Speciali. Come i loro vini.

Rispondi
avatar

Simone Maglioni

circa 10 anni fa - Link

impossibile non voler bene ad una famiglia così,persone splendide e professionisti esemplari. Grande Aldo e meravigliosa Milena !!!!!!

Rispondi
avatar

Maurizio roca

circa 10 anni fa - Link

Famiglia fantastica,vini meravigliosi.meritano il successo che stanno ottenendo!!!!

Rispondi
avatar

Tommaso Farina

circa 10 anni fa - Link

Secondo me il Kye merita un commento a parte. Un vigneto di freisa su cui un nonno o un bisnonno si erano intestarditi, a quanto mi risulta. Il risultato è questo rosso austero ma non ponderoso, che ha la finezza e la rusticità di un abito di moleskine (no, non il block notes, il fustagno morbido inglese). Il non plus ultra sul coniglio al cioccolato, a parer mio.

Rispondi
avatar

Leonardo

circa 10 anni fa - Link

Concordo pienamente, anche sull'abbinamento. E sottolinerei anche la qualità del moscato di Vajra, che manca nella lista dei vini degustati dal Gori. Peccato solo che nel corso degli anni i vini di questa splendida famiglia hanno subito un discreto aumento dei prezzi, anche se il rapporto qualità prezzo resta comunque notevole.

Rispondi
avatar

Roberto Dal Ponte

circa 10 anni fa - Link

Quoto. La Kye è un rosso importante. Per altro la 2009 mi é parsa una gran bella versione, decisamente superiore al Nebbiolo pari annata, per dire.

Rispondi
avatar

Elena

circa 10 anni fa - Link

Grandi persone, mi colpiscono gentilezza eleganza e grande umilta' , caratteristiche che si ritrovano poi nei vini. Che volere di più?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.