Speravo fosse sesso e invece erano bocce clamorose

di Cristiana Lauro

Capperi, questo si che è un invito. Il tipo ha abboccato alla grande, mi crede un’esperta di vini ma stavolta si tromba, me lo sento! Convocazione a pranzo con partenza in jet privato, ovvio: perché io valgo, mi son detta davanti a quel cafone del mio specchio che ancora ride. Una settimana di preparativi, nella mia mente bacata, per una trasferta con fuochi d’artificio e stelline nella mia testa. Amiche, prendete spunto! Coiffeur delle dive (Silvana Pampanini, Elsa Martinelli e altre pischelle della stessa era geologica) e anticellulite al posto della panna nei maritozzi a colazione. Non lesinate, taccagne che non siete altro, dategli giù di brutto con quel ripieno, devono essere belli gravidi, straripanti.

Antirughe un po’ ovunque, anche sullo spazzolino da denti, non si sa mai che una stupida gengiva sveli l’eta’ e vi mandi in vacca l’incontro. Attenzione: il bordo degli occhiali, stecche comprese, deve essere trattato esattamente come il contorno occhi e senza soluzione di continuità. Colpo di grazia in casi veramente gravi: ceretta col Super Attack. Strappo ostico ma duraturo, definitivo, direi. Due sciacqui con Chanel n. 3 che costa meno del 5, tacco 12 e via.

Eccoci al dunque. Alle 12. 30 in punto eravamo seduti a tavola in un ristorante très chic che qui, per questioni di privacy, chiameremo Principe Leopoldo, a Lugano. Vini pronti sulla tavola a temperatura perfetta, sentite un po’:
– Dom Perignon Oenoteque 1973, magnum.
– Coche-Dury,  Corton-Charlemagne 2000.
– Ramonet, Batard- Montrachet 1990.
– Latour 1959.
– Florio, Marsala 1921.
– Dom Perignon Oenoteque rose’ 1985, magnum.

Giusto il tempo di singhiozzare “gulp!” e l’orgia di sensi è cominciata in grande stile. Ero carica a pallettoni. Su Oenoteque 1973 ho gia’ detto fin troppo. Ha il colore dell’oro, è una meraviglia di eleganza, finezza e perlage; aggiungo solo che questa è la versione migliore che mi sia mai capitata. Certe bottiglie andrebbero bevute solo in formato magnum. Lo stesso si dica del rose’ Oenoteque 1985 che e’ una vera rarita’. La maison fece la prima uscita col ’90 che è buonissimo ma l’ 85, per me, non si batte. Sul mercato da poco è praticamente introvabile. Grande annata in Champagne, ha un frutto, cassis e un’eleganza che superano qualsiasi paragone di categoria. Acidità e salinità da manuale, perlage dei più integri mai trovati. Vince su tutti, giovani e vecchi.

Corton di Coche Dury è il vino bianco più ricercato al mondo, se parliamo di mercato. Un vero fuoriclasse e questo millesimo è decisamente ben riuscito. Quota di legno ben armonizzata, malgrado il vino sia ancora giovane. Frutti bianchi e spezie, nocciola. Molto vivo, ricchissimo e state certi che ci seppellirà tutti quanti, non v’è dubbio. Il Batard-Montrachet di Ramonet in apertura, alla cieca, lo avrei scambiato per un Montrachet di Romanee-Conti. Naso ampio, balsamico, eucalipto. In bocca miele d’acacia e caramella d’orzo che annuncia un’ossidazione incipiente o, forse, in fieri, ma con una freschezza che lo rende vivo e godibile in questo momento. Finale interminabile.

Ed eccoci poi al Pauillac per antonomasia, monsieur Latour 1959, fra le migliori annate mai prodotte. Rosso granato intenso, scuro ma brillante e vivace, da non crederci. Al naso si è aperto con un côté verde impressionante e una lieve nota fumé. Bocca giovane, asciutta con ciliegia e frutti rossi freschi, tabacco e spezie. Tannini dolci, velluto di seta e una chiusura armonica, lunga e persistente. Imponente e fine nel contempo. Un vino maschio, il vino perfetto.

Per finire, insieme a un buon sigaro, ci siamo scolati un’intera boccia di Florio 1921, un grandissimo Marsala, l’unica vera risposta italiana agli inglesi, ai Porto e ai Madeira. Florio ’21 rientra nella serie storica, imbottigliata negli anni ’90, prima che l’azienda cambiasse per l’ennesima volta il proprietario e si perdesse tra gli scaffali della GDO. Bocca asciutta e senza alcun difetto ossidativo, prugne, albicocche secche in bocca e alcolicità perfetta.

Amici, una bevuta spaziale e sul finale lui, che sulla seduzione la sa lunga, mi ha sussurrato in un orecchio parole dolci come: “Bambola, bevi come un Ussaro!”. È pazzo di me, mi sembra ovvio. Il finale di questa storia ve lo lascio immaginare. Sono crollata abbracciata come un panda a un cuscino di piume. La mattina seguente, al mio risveglio, ancora vestita, truccata e suonata come un pugile, una sola esclamazione: ma porc!!!!

avatar

Cristiana Lauro

Cantante e attrice di formazione ma fortemente a disagio nell’ambiente dello spettacolo, che ha abbandonato per dedicarsi al vino, sua più grande passione dopo la musica. Lauro è una delle degustatrici più esperte d’Italia e con fierezza si dichiara allieva di palati eccellenti, Daniele Cernilli su tutti. Il suo sogno è un blog monotematico su Christian Louboutin e Renèe Caovilla, benchè una rubrica foodies dal titolo “Uomini e camion” sarebbe più nelle sue corde. Specialista di marketing e comunicazione per aziende di vino è, in pratica, una venditrice di sogni (dice).

51 Commenti

avatar

hulk

circa 9 anni fa - Link

La mattina ti sei svegliata e hai capito di aver sognato tutto. Suvvia non ci crede nessunoa ste panzane

Rispondi
avatar

starsky

circa 9 anni fa - Link

hulk... non fare così, ci sono altre cose al mondo oltre ai raggi gamma. Oggi scrivo alla Marvel, in una prossima storia potrebbero anche farti prendere una sbronza... no, non ho detto stronza! ma sbronza, sbronza, sbronza!

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

Intravino non pubblica cose non documentate e questa giornata lo e' con tanto di servizio fotografico. Chiaro che sul panda finale e il cuscino di piume abbia romanzato un po', per non descrivere particolari scabrosi che potrebbero traumatizzare un orsacchiotto come te che si traveste da Hulk. :-)

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 9 anni fa - Link

Alla prossima invitalo per una verticale di acqua minerale a Fiuggi almeno combini qualcosa da non raccontare.

Rispondi
avatar

Gianna

circa 9 anni fa - Link

Senti io bevo un pò di meno, è più probabile che resti sveglia, che me lo passi il nome del tipo, ci sta che oltre al bere, mi scappi anche del buon sesso :DDD

Rispondi
avatar

Gianna

circa 9 anni fa - Link

Comunque l'è scritto in modo caotico, proprio da ricordo post serata parecchio alcolica :D

Rispondi
avatar

Gabriele Succi

circa 9 anni fa - Link

Cristiana, ma almeno lui lì era bono? :)

Rispondi
avatar

Francesco Spadafora

circa 9 anni fa - Link

Gulp che vini , mannaggia senza jet quante cose mi perdo ,ma un panda si può trovare . Buone vacanze a tutti , io fra poco vendemmio e proverò a fare un vino del 59 ,ma mi sa che non mi riesce .

Rispondi
avatar

Totò

circa 9 anni fa - Link

e la bottiglia del Florio 1921?

Rispondi
avatar

Francesco Spadafora

circa 9 anni fa - Link

Quella non ci provo neanche , anche perché non c'ero !!!

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

Non l'hanno pubblicata era in foto singola come la magnum di oenoteque rose' 85. Direi esigenze editoriali, pero' se ci tieni mi cerchi su facebook e te la invio ;-) @ gabriele: certo che lo e' ! Diciamo pero' che mi interessa piu' il fatto che beva grandi bocce. @ francesco: buon lavoro in vendemmia...co' sto caldo! :-) @ Gianna : dipende se sei una brava degustatrice. E' la condizione fondamentale visto che gnocca, intelligente e simpatica lo sarai di sicuro ;-) @ Fabrizio: be' insomma ad acqua Fiuggi io perdo carica erotica di brutto :-)

Rispondi
avatar

Fabrizio pagliardi

circa 9 anni fa - Link

Chinotti??

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

l'abbinamento perfetto: rigatoni.

Rispondi
avatar

Leonardo Romanelli

circa 9 anni fa - Link

Cagnetti, il suo fine doppiosenso meriterebbe di sapere anche il condimento..

avatar

Francesco Spadafora

circa 9 anni fa - Link

Non mi dire niente , penso di brevettare un pinguino attaccato alla caviglia !!!

Rispondi
avatar

Vittorio Vezzola

circa 9 anni fa - Link

Un ussaro? Mi sembra riduttivo.

Rispondi
avatar

Si sta come le foglie

circa 9 anni fa - Link

Spero che anche il sigaro sia stata all'altezza di tanti e tali vini non vorrei mi cascasse proprio su quello. Sono indiscreto se chiedo che sigaro era?

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

Il mio ospite ha fumato Behike 56, di cui s'era parlato proprio qui e con te, io mi sono limitata a un esplendido di Cohiba. Mi fa piacere sentirti sempre pronto quando nomino i sigari ;-) peraltro e' un periodo che mi va di fumare di brutto. @ Vittorio, e' riduttivo, hai ragione, ma a dirla tutta ha pronunziato ussaro ma dal labiale ho letto porco. Ah!ah!

Rispondi
avatar

Si sta come le foglie

circa 9 anni fa - Link

Per essersi limitata si è tenuta su livelli altissim, non certo sigari da novellini come denota anche il costo. Me ne compiaccio che fumi tanto ma bene. Peccato Esplendidos sia fortemente oggetto di falsificazioni, come tutti i prodotti dal nome forte, se non si sta attenti si corre il rischio di fumare foglie di banano.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

I falsi hanno la capa molto piu' chiara e il calibro leggermente piu' grande. Poi te ne accorgi perche' non tira. ;-)

Rispondi
avatar

Elena

circa 9 anni fa - Link

Ma che serata!!!! E che bocce!!!

Rispondi
avatar

Sir Panzy

circa 9 anni fa - Link

Dici bene Elena, muoio d' invidia!!

Rispondi
avatar

Benedetta

circa 9 anni fa - Link

Buongiorno Cristiana, sono la responsabile comunicazione di Florio. Fantastica la tua degustazione! Volevo assicurarti che Florio non si è persa negli scaffali della gdo, certo VecchioFlorio e Grecale sono prodotti presenti anche nei supermercati, ma ne siamo orgogliosi sono alla portata di tutti con un ottimo rapporto qualità/prezzo. La nostra produzione non finisce lì, già VecchioFlorio invecchia 30 mesi (6 mesi in più del disciplinare per un Superiore), poi passiamo a marsala che come minimo fanno sei anni in botte fino alle grandi riserve, per esempio l'Aegusa del 1941. Spero tanto tu abbia modo di assaggiare Donna Franca (marsala superiore riserva di almeno 15 anni). La Cantina ora fa parte del Gruppo Duca di Salaparuta (con tre marchi Florio, Corvo e Duca di Salaparuta), potrei stare delle ore a raccontarti cosa stiamo facendo, ma ci tengo particolarmente a Florio. La ristrutturazione delle Cantine è finita proprio negli ultimi mesi e sono tornate al loro splendore. Non mi dilungo più e ti invito a venirci a trovare abbiamo bisogno di ambasciatori che conoscano il marsala e che lo possano raccontare come puoi fare tu col tuo lavoro.

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

Mi inserisco a gamba tesa approfittando dell'occasione - tra l'altro credo che ci siamo conosciuti a Identità Golose dove ho assaggiato l'Aeugusa 1941 e avevo portato un Riesling Auslese del 1976 di J.J. Christoffel-Erben. Mi dicono che sarebbero state recentemente imbottigliate delle nuove riserve storiche di Marsala, le prime dopo le 39-44-48-63 imbottigliate nel 1989 (di cui ahimè mi è rimasta in cantina solo una 1948), notizia vera o priva di fondamento?

Rispondi
avatar

Benedetta

circa 9 anni fa - Link

Ciao Fabio, Sì, ci siamo conosciuti a Identità Golose e sì, abbiamo assaggiato una Riserva Aegusa. E ancora sì, sono state imbottigliate nuove riserve storiche. Nel 2008, in occasione del 175° anniversario della fondazione delle Cantine, abbiamo creato la Riserva Aegusa. Qui tutte le informazioni: http://www.duca.it/vinoflorio/aegusa/ Ciao Cristiana, sono contenta che in autunno sarai in Sicilia. Ti aspetto

Rispondi
avatar

Issoram

circa 9 anni fa - Link

Una donna che sbevazza e sbavazza e scrive sguaiata come un uomo. O tempora, o Lele.

Rispondi
avatar

Invidioso per caso?

circa 9 anni fa - Link

Invidioso per caso?

Rispondi
avatar

Gio

circa 9 anni fa - Link

Sia detto con tutto il rispetto possibile ma Invidiosi di cosa e di chi ? Quoto in pieno il commento di Issoram e a livello percettivo la prima immagine che mi si presenta, leggendo l'articolo e alcuni commenti, e' quella di Beppa Josef, l'amante di Superciulk del mitico Alan Ford, completa del sigaro d'ordinanza. Perdonatemi, ma e' semplicemente cosi' , se qualcuno non la conoscesse faccia una ricerca su Google.

Rispondi
avatar

Invidioso

circa 9 anni fa - Link

Invidioso del fatto che un tizio facoltoso e fortunato ha potuto consumare una cena con vini di classe in compagnia di una signora affascinante con un dopo che viene lasciato alla nostra immaginazione.

Rispondi
avatar

Gio

circa 9 anni fa - Link

Brutta bestia l'invidia, vero " Invidioso " ? E da come ne parli probabilmente ne sai qualcosa , fattene una ragione, non tutti provano invidia per 'ste cose, pur essendo appassionati di vino e " innamorati delle donne " ,a far passare la poesia basta poco, basta esattamente ........ Rileggiti il commento di Issoram.

avatar

giulo

circa 9 anni fa - Link

>"...Oenoteque 1985 e’ una vera rarita’. La maison fece la prima uscita col ‘90 che è buonissimo ma l’ 85, per me, non si batte..." quando la bevuta è galattica, si incrina pure lo spazio-tempo! ;-))) (pura invidia, sia chiaro)

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

Non ho capito sai? Davvero! Che volevi dire? :-) @ Benedetta, sono felice di venirvi a trovare quindi in autunno, quando saro' nuovamente in Sicilia, ti contattero'. Grazie!!! :-)))

Rispondi
avatar

giulo

circa 9 anni fa - Link

probabilmente ho capito male io, ma se la prima uscita è la versione del '90, quella dell'85 è da intendersi come anteprima? g.

Rispondi
avatar

giulo

circa 9 anni fa - Link

a meno che non si parli di 1890, ça va sans dire... :-)

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

Ok forse non sono stata io abbastanza chiara: la prima uscita e' stata Oenoteque rose' 1990, cui ha fatto seguito il 1992. Solo recentemente la maison ha proposto sul mercato questo fantastico 1985. :-)

avatar

giulo

circa 9 anni fa - Link

così è più chiaro, grazie!

avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

essendo sboccature tardive non seguono necessariamente l'ordine cronologico. Ad esempio nel 2010 a un'asta di Sotheby's a Hong Kong hanno tirato fuori bottiglie e magnum di Oenotheque Rosè 1966 e 1978. Difficile dare valutazioni, perché era un megalotto di 30 tra bottiglie e magnum assortite che è finito a un prezzo di circa 130,000 euro al cambio attuale.

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

Scusa Cagnetti le annate non erano solo '66 e '78 e peraltro si trattava di un'edizione limitata in anteprima mondiale non in commercio, rilasciata direttamente da Dom Perignon a Sotheby's ed esclusivamente per i fini dell'asta. Senno' facciamo confusione fra le tue e le mie informazioni. A meno che il fortunato assegnatario dell'asta non sia stato stato tu... I miei complimenti :-)

Rispondi
avatar

Fabio Cagnetti

circa 9 anni fa - Link

Mi risulta che le abbia prese Bipin.

Rispondi
avatar

Luca Risso

circa 9 anni fa - Link

Cristiana, su di te non mi pronuncio, non mi permetterei, ma se l'ominide ha preferito del vino (qualunque vino uno possa immaginare) a una donna, allora forse non ti sei persa niente. Luk

Rispondi
avatar

Stefano Cinelli Colombini

circa 9 anni fa - Link

Dunque, se non ho capito male un tizio manda un jet privato a prendere una bella giornalista vinicola al solo scopo (così è scritto) di degustare insieme a lei un lotto di pregiatissime bottiglie. Per una spesa, tra vini, volo e varie, di più di centomila Euro. E' proprio vero, nel vino quello che ne ricava meno è il produtore.

Rispondi
avatar

Elena

circa 9 anni fa - Link

Questa e' la parte più frizzante.... Che possiamo solo immaginare... Sul vino bevuto resoconto impeccabile ma giustamente parliamo di una giornalista vinicola mica Novella 2000!!!! Qualche segretuccio ci sta!

Rispondi
avatar

Carmelo Limpio

circa 9 anni fa - Link

*Sul vino bevuto resoconto impeccabile ma giustamente parliamo di una giornalista vinicola mica Novella 2000*: su questo... qualche dubbio...

Rispondi
avatar

Altro invidioso?

circa 9 anni fa - Link

Altro invidioso?

Rispondi
avatar

Durthu

circa 9 anni fa - Link

Anche la mia e' pura invidia ma... Dalle 12:30 direttamente alla mattina seguente?

Rispondi
avatar

maurizio gily

circa 9 anni fa - Link

il senso della parola "bocce" nel titolo suona un po' ambiguo

Rispondi
avatar

Cristiana Lauro

circa 9 anni fa - Link

Maurizio Gily, il mio titolista di fiducia ha l'occhio lungo, Dio lo perdoni! :-) @ Carmelo Limpio: problemi di spazio nel portafogli. Ho sostituito la tessera da giornalista con l'abbonamento al centro estetico. Cerette! Una in omaggio ogni 10. Mi conveniva,ho preferito fare così e devo dire che mi trovo bene. Non sono giornalista, faccio altro! ;-) @ Luca Risso: ho evitato dettagli hard fra l'ultima boccia di vino e il panda...Ma ti sembro una che s'adduorm'??? Grazie Luca! :D @ Benedetta: verrò presto a trovarvi. Grazie! @ Luigi: Vino? Scusa ma cosa c'entra il vino? Qui si parla di roba seria, perdinci! ;-) @ Elena: grazie e a buon rendere! :-)

Rispondi
avatar

luigi

circa 9 anni fa - Link

Grande interesse generale sui vini. Tutti appassionati, si direbbe. Qui più' che confronto leggo tanta portineria.

Rispondi
avatar

Elena

circa 9 anni fa - Link

Ma che dici Carmelo? Quale portineria? Qui ci vuole il colonnello Bernacca per capire gli effetti del passaggio dell'anticiclone delle Azzorre sulla zona sud - ombelicale!!

Rispondi
avatar

Remo Pàntano

circa 9 anni fa - Link

Io, dopo una degustazione così, consiglio sempre, come digestivo, un "ottimo toscano" magari Millenium!!! C'è il "rischio" che uno poi si riprenda e invece di fare il cuscino diventi un bel coniglietto! Prosit, provare per credere!

Rispondi
avatar

Davide

circa 9 anni fa - Link

scusate la mia ignoranza,ma il marsala che e' volutamente ottenuto con ossidazione come puo' non avere "difetti ossidativi"?

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.