Léne 2009 | Salvatore d’Amico e il sapore di Salina

di Mauro Mattei

Salvatore d’Amico è conosciuto da tutti a Salina, la perla verde delle Isole Eolie. Produce olio, capperi e vini a ridosso dell’abitato di Leni. La sua azienda è legata totalmente alla tradizione e i suoi prodotti lo testimoniano. D’Amico, per le sue creazioni vinose, usa le varietà classiche eoliane, trasformandole in maniera semplice e senza troppi tecnicismi. Le sue produzioni sono caratterizzate da un ottimo rapporto qualità-prezzo, eccezion fatta per il passito che, pur non essendo economico, ti ripaga nel bicchiere esplodendo come pochi altri suoi pari.

I vini di Salvatore d’Amico hanno molti pro e qualche contro. Su tutti, gioca a sfavore dell’azienda la qualità talvolta altalenante delle bottiglie, tant’è che non è raro incrociarne di poco appetibili, con riduzioni che rasentano il difetto. È pur vero che la stortura non è consuetudine e a ripagarci per i possibili incidenti di percorso, accorre il carattere schietto e naife che segna il bicchiere con sensazioni uniche di terra vulcanica e mare.

Se si pensa a Salina viene in mente la malvasia. Se parliamo di malvasia non possiamo dimenticare i vini dolci ed aromatici che affollano i nostri ricordi enoici. Sta di fatto che stappata una bottiglia di Léne (blend di malvasia, rucignola e minnilottina) le vostre memorie riguardo la varietà regina delle Eolie subiranno un duro colpo. Il risultato è sorprendente: pur senza complessità o lunghezza da capogiro, Léne colpisce con un assetto olfattivo nervoso, punteggiato da lieve aromaticità e tratti sulfurei. Ricordi iodati, con note di fiore di cappero e bergamotto marcano il naso in modo bizzarro invitando a scoprire un susseguirsi di riconoscimenti e descrittori insoliti.

Le  vigne che danno i natali a questo prodotto sono esposte a nord-ovest ed impiantate sopra i 400 metri, le condizioni pedoclimatiche uniche disegnano un vino capace di muoversi fra sensazioni mediterranee e nordiche. Un vino che si palesa nel bicchiere agile, moderato per alcolicità e financo magretto. In retrolfazione avvertirete un’appagante e moderata sensazione di buccia e leggere note di miele a chiusura. Insomma, un vino senza troppe pretese, da giocarsi a colpo sicuro come aperitivo, sulla cucina di mare o sui crostacei, rasserenati dalla spesa contenuta (sui 18 euro al ristorante) e da un’evidente onestà territoriale.

Mauro Mattei

Sommelier multitasking (quasi ciociaro, piemontese d'adozione, siculo acquisito), si muove in rete con lo stesso tasso alcolico della vita reale.

1 Commento

avatar

Lido Vannucchi

circa 11 anni fa - Link

Matteo,veramente un piacere visitare questo signore ottimo vignaiolo e non solo i sui vini sono d'accordo con te non sono sempre al massimo ma quando trovi la bottiglia giusta sono emozionanti. ciao lido

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.