Lambruschi3 liveblogging

di Stefano Caffarri

Lambruschi 3 tutto in diretta. 30 sfegatati della degustazione, provenienti da tutta Italia, sono in questo momento riuniti nella Cantina il Mosnel di Giulio e Lucia Barzanò per un assaggio alla cieca di portata epocale. Aggiornando spesso la pagina vivrete con noi l’evento in diretta. I numeri indicano i campioni degustati e solo alla fine sapremo quale delle 11 bottiglie si aggiudicherà la “palma d’oro”.

11:56 –  presentazione dei presenti. 31 assaggiatori della più varia estrazione attorno allo splendido tavolo della degustazione rigorosamente alla cieca.

Lambruschi 3, i padroni di casa

11:57 – 1. colore chiaro di coccinella, frutta e caramelle di fragola, spuma fine e leggera. correttissimo, quasi calligrafico. Rotondino all’abbocco, con virgola aspra in chiusura. vino da tortelli di zucca

12:08 – 2. entriamo nel vivo. un bicchiere nero con la spuma color succo di mirtillo. il naso è subito autentico, pur nella sua bella pastosità. riconoscimenti emotivi e coinvolgenti. Dolcezza d’attacco e allappante nel finale. buonissimo.

12:22 – 3. ancora nero, schiuma velocissima e di calibro grosso. naso ritirato, muffoso e severo. secchissimo fin dall’attacco, tirato e teso per tutto il sorso. finale di tannini romantici e scartavetrati. lungo ed emozionante.

I bicchieri per l'acqua sono intonsi

12:32 – 4. torniamo al leggero, ma torbidino, schiuma fitta e insistente. c’è frutto, ma contenuto e virile. asciutto seppur diafano, teso nel sorso e nel finale, scavato nei toni bassi ma potente nei toni medi.  evocativo.

12:47 – 5. ancora scuro, schiuma viola e persistente. Naso di terra, ma anche di frutta rossa fresca. Bocca grande, ricca di pepite di gusto brillanti ed elettriche. tannini presenti ma setosi, vibranti.

12:54 – 6. limpido ma intenso, con barbagli scarlatti. Spuma ricchissima, dinamica ed esuberante. Naso non banaleanche se un po’ semplificato. Bocca sciropposa, poco coerente con gli aromi. corrispondenze bislacche

13:04 – 7. ancora scuro, impenetrabile, schiuma svelta, che non lascia traccia. Naso interessante squadrato e vivo, con la terra e la spezia. Bello anche l’assaggio, con un sorso un po’ liscio, privo dello spunto acchiappante. tannico, lineare, con questo finale un po’ molle.

13:10 – 8. limpido, di media intensità, perfettamente trasparente. naso convenzionale con la caramella avanzata. sorso privo di asperità, bocca pop senza vibrazioni. Finale rapido.

Alcuni dei partecipanti a Lambruschi 3

13:19 – 9. un campione che la folla riconosce. tutti a dire cà de noci, ma ancora non si sa. Il naso è ricco di verde, erbe officinali e orto botanico. bevuta piacevolissima sui toni alti acuti, fresca, lineare e tesa dall’attacco alla chiusura, lunga e consistente. tannino a tutto tondo, con una virgola amara all’ultimo istante.

13:26 – 10. spuma ricchissima che rimane appesa alla corona, scuro e denso. naso complesso, intenso, comunicativo. In bocca preciso, nitido, con tannini sottili ma presenti. Finale lento e rilassato, per un bel bicchiere.

13:40 – 11.  naso quasi liquoroso, con tracce di liquerizia e di cantina. spuma evanescente, poi liscio. la bocca è caramellosa quasi balsamica, forzata sui toni medi. finale declinante.

L’enologo di Il Mosnel: vini corti, con una rivalutazione tra virgolette. tra i meno interessanti: campione n.6 e il n.7 con un filo di volatile. tra i più graditi: 2. e 3. tra i più interessanti. 4. non del tutto equilibrato. 9. 10. e 11 tra i più convincenti

Lucia Barzanò: cose i