Il vino dà dipendenza, non fate come loro

di Andrea Gori

I sommelier Marco Reitano e Andrea Gori si sfidano all'ultimo sentore Ci vorrebbe il bollino Parental Advisory. O l’intervento dei MOIGE di tutto il mondo. Ai genitori che ci leggono consiglio di distrarre i loro bambini. Occhio, potrebbero finire peggio di Marilyn Manson. Non fategli  guardare questo video per nessuna ragione al mondo. E’ girato nella corte del ristorante Enoteca Pinchiorri di Firenze, dove due sommelier si sono sfidati all’ultimo sentore. Uno è Marco Reitano de La Pergola dell’Hotel Hilton di Roma. L’altro ecco, sarei io. Nel bicchiere, per i curiosi, c’è l’ultimo nato in casa Cecchi, il Coevo IGT Toscana 2006. [Riprese e montaggio: Giulia Graglia]

Per completezza d’informazione, il Coevo deriva da Sangiovese (50%) e Cabernet Sauvignon (10%) entrambi dalla Tenuta di Villa Cerna a Castellina in Chianti (SI) con l’aggiunta di un 20% di Merlot e un 20% di Petit Verdot dall’azienda Val delle Rose in Maremma (GR). Prima annata prodotta, 5000 bottiglie da 0,75 e 500 magnum, prezzo in enoteca 45 €.

Andrea Gori

Quarta generazione della famiglia Gori – ristoratori in Firenze dal 1901 – è il primo a occuparsi seriamente di vino. Biologo, ricercatore e genetista, inizia gli studi da sommelier nel 2004. Gli serviranno 4 anni per diventare vice campione europeo. In pubblico nega, ma crede nella supremazia della Toscana sulle altre regioni del vino, pur avendo un debole per Borgogna e Champagne. Per tutti è “il sommelier informatico”.

12 Commenti

avatar

Laura Rangoni

circa 10 anni fa - Link

Andrea, il camemoro è bellissimo!!! Sei un mito!!! ma toglimi una curiosità, il sandalo era chanel?

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

dai laura, lo sai che considero solo i sandali di Manolo! [img]http://shoes.stylosophy.it/wp-galleryo/scarpe-manolo-blahnik-il-sandalo-estremo/manolo-blahnik-vidange.jpg[/img]

Rispondi
avatar

La linea dell'inutile (Mauro)

circa 10 anni fa - Link

male ! jimmy choo schifo non fa :-)

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Bello sei bello...in degustazione, bravo e convincente. Mi sei cascato sul Sandalo. Sai io sono un fanatico di Le silla (www.lesilla); con quelle ai piedi di una donna non c'è vino che tenga!!!

Rispondi
avatar

Ric64

circa 10 anni fa - Link

Bellino! Ma il cameraman poi l'avete liberato da quella stanza buia?

Rispondi
avatar

vignereimanonposso

circa 10 anni fa - Link

io ci sento ci sento.....sentore di bibitone. I frullati che mi faceva la mi mamma da piccolina avevano uno spettro meno ampio "vorrei un chilo di sorbo" * disse al fruttivendolo sotto casa*

Rispondi
avatar

Andrea Gori

circa 10 anni fa - Link

franci dovrai ricrederti, è molto meno bibitone di quanto si immagini, quasi tutti se ne sono bevuti 3-4 bicchieri in scioltezza! e non solo gente con i gusti del Romanelli! ;-)

Rispondi
avatar

Laura Rangoni

circa 10 anni fa - Link

ti crediamo. proveremo... ma solo se sarai con noi e guiderai la degustazione e ci aiuterai ad annusare marmellate ikea. (io metto comunque gli chanel, poi vedi tu...)

Rispondi
avatar

Cosimo Errede

circa 10 anni fa - Link

Ragazzi...queste sono le cose che fanno davvero bene a questo mondo del vino che troppe volte diventa noioso ! Troppi tecnicismi che non servono a nulla e nessuno... Un video che vale la pena far girare, mo' lo sharo un po'...BRAVO ANDREA ! Cosimo

Rispondi
avatar

Simone e Zeta

circa 10 anni fa - Link

Alla beva ce lo aspettiamo rotondo e piacione e invece è serrato e vivo, gran corpo ovvio ma non invadente, come un classico toscano che sembra aggressivo ma che poi sa fermarsi prima di diventare ingombrante C'HA RAGIONE IGGORI !

Rispondi
avatar

Dan Lerner

circa 10 anni fa - Link

Simone, ecchè, speri di cavartela con così poco? "Sparaci" fuori un riconoscimento da farci stramazzare, uno, ma che sia... ooohhhhh! ;-)

Rispondi
avatar

alfredo

circa 10 anni fa - Link

Ovviamente stanno scherzando. e il bello che alla fine i due profumai non l'hanno nemmeno finito il bicchiere!! Che vergogna.

Rispondi

Commenta

Sii gentile, che ci piaci così. La tua mail non verrà pubblicata, fidati. Nei campi segnati con l'asterisco, però, qualcosa ce la devi scrivere. Grazie.